DAL 2019 A OGGI 52 MILA NEGOZI HANNO CHIUSO PER COLPA DELLO SHOPPING ONLINE – E ANDRÀ SEMPRE PEGGIO PER I COMMERCIANTI VISTO CHE LA QUOTA DEGLI ACQUISTI "OFFLINE" SI RIDURRÀ DEL 2% NEI PROSSIMI ANNI – QUALI SONO I NEGOZI CHE RISCHIANO DI PIÙ? I CONSUMATORI ACQUISTANO SU INTERNET VIAGGI, PRODOTTI ELETTRONICI E VESTITI - ALLE PERSONE PIACE ANDARE A SCEGLIERE “DAL VIVO” L’ABBIGLIAMENTO SPORTIVO, I PROFUMI E I COSMETICI, L’ARREDAMENTO E I PRODOTTI PER LA PULIZIA DELLA CASA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di F.Bis. per “il Messaggero”

 

acquisti online acquisti online

La concorrenza dei giganti dell'e-commerce si mangia i negozi di vicinato, soprattutto agenzie di viaggio e boutique. Resistono alimentari e profumerie. Si stima che dal 2019 al 2023 oltre 52mila commercianti italiani hanno abbassato definitivamente la saracinesca (-7%). È quanto emerge da uno studio condotto da Confesercenti e Ipsos, intitolato "Il Commercio oggi e domani".

 

[…] La buona notizia è che l'offline resta il canale preferito dai consumatori. Quella meno buona è che non è detto che sarà così ancora per molto. Su nove categorie merceologiche prese in esame da Confesercenti, un terzo vede prevalere gli acquisti via web. L'insieme di chi ha acquistato nell'ultimo anno esclusivamente, prevalentemente o qualche volta online è maggioritario nel comparto viaggi e vacanze (dove l'asticella raggiunge il 72%), in quello dell'elettronica e dei prodotti tecnologici (62%) e infine nella moda (52%).

 

shopping online1 shopping online1

La quota di clienti che, nello stesso periodo, ha comprato solo, prevalentemente o qualche volta nei negozi fisici, invece, è maggioritaria per articoli e abbigliamento sportivo (54%), cosmetica, profumeria e cura del corpo (58%), arredamento e complementi d'arredo (69%), cibo e bevande da asporto (69%), prodotti per la pulizia della casa (77%) e alimentari (82%). Chiaramente hanno inciso sulle chiusure dei negozi fisici anche pandemia, lockdown, inflazione e caro-energia. […]

 

La preferenza per l'e-commerce è particolarmente spiccata per la generazione Y, formata dai nati tra il 1981 e il 1996, mentre i cosiddetti Boomers superano la propensione media all'acquisto in rete solo per alimentari e prodotti per la pulizia della casa, cibo e bevande da asporto, cosmetica ed elettronica.

SHOPPING ONLINE SHOPPING ONLINE

 

[…] E, per il prossimo futuro, si registrerà un avanzamento degli acquisti sulla rete soprattutto dei servizi. Passerà per il canale online il 17% - pari a 27,6 miliardi di euro contro il 15,5% dei beni (55,2 miliardi). La crescita dell'eCommerce comporterà una ricomposizione delle quote di mercato. Per i negozi la quota si contrarrebbe dal 22,4% al20,4%.

negozi chiusi a roma negozi chiusi a roma negozi chiusi a roma negozi chiusi a roma

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO