L'AGENZIA FITCH CONFERMA IL RATING 'BBB' PER L'ITALIA, CON OUTLOOK STABILE – MA POI ARRIVA IL CEFFONE: LA CRESCITA RALLENTA NEL PRIMO TRIMESTRE E RESTERA’ MOSCIA PER LE RICADUTE DELLA GUERRA IN UCRAINA – IL PIL DOVREBBE CRESCERE DEL 2,7% QUEST’ANNO E DEL 2,3 NEL 2023 - IL DEFICIT SI ATTESTERÀ AL 5,9% DEL PIL NEL 2022 E IL DEBITO PUBBLICO, GIUDICATO “MOLTO ELEVATO" (E GRAZIARCAZZO, LO SAPEVAMO DA NOI) RESTERÀ VICINO AL 150% DEL PIL FINO AL 2025…

-

Condividi questo articolo


fitch fitch

Fitch conferma rating BBB Italia, outlook stabile

(ANSA) - L'agenzia Fitch conferma il rating 'BBB' per l'Italia. L'outlook è stabile. Lo afferma Fitch in una nota. Nel conferma il rating dell'Italia Fitch osserva come la crescita è "rallentata significativamente nel primo trimestre dell'anno" dopo aver segnato un +6,6% nel 2021, e si prevede resti debole per i prossimi trimestri a causa delle ricadute della guerra in Ucraina. "Prezzi alti dell'energia, calo dei redditi reali, deterioramento della fiducia di imprese e famiglie e debolezza della domanda esterna sono gli elementi chiave dello shock avverso", spiega Fitch prevedendo un pil in aumento quest'anno del 2,7% e del 2,3% nel 2023.

 

debito pubblico debito pubblico

"I rischi sono saldamente al ribasso e legati a un più severo impatto della guerra e delle sanzioni contro la Russia", aggiunge l'agenzia di rating osservando come i fondi di Next Generation Eu sosterranno comunque la crescita. "Ottenere effetti duraturi per la crescita al di là degli stimoli di breve termine dipenderà dalla capacità istituzionale di usare in modo efficace i fondi e dalla capacità del governo di attuare riforme mirate", mette in evidenza Fitch notando l'accelerazione dell'inflazione negli ultimi mesi, così come nel resto dell'area euro, in seguito ai "costi dell'energia importata". "La performance e i profili di rischio delle banche continuano a beneficiare della forte ripresa, dell'aìevoluzione migliore delle attese della qualità degli asset e da una riduzione dei rischi da pandemia", osserva Fitch.

DEBITO PUBBLICO DEBITO PUBBLICO

 

Fitch, Italia rallenta, +2,7% pil 2022, +2,3% in 2023

(ANSA) - La crescita italiana rallenta dopo la rapida ripresa del 2021. Secondo l'agenzia di rating Fitch, il pil quest'anno crescerà del 2,7% e nel 2023 segnerà un +2,3%. "I rischi sono al ribasso e legati a un impatto più severo della guerra e delle sanzioni contro la Russia", afferma Fitch in una nota.

 

Fitch stima deficit Italia al 5,9% nel 2022, debito è 'elevato'

(ANSA) - Il deficit dell'Italia si attesterà al 5,9% del pil nel 2022. Lo prevede l'agenzia Fitch stimando che il debito pubblico resterà vicino al 15o0% del pil fino al 2025. Fitch parla di "debito pubblico molto elevato" per l'Italia.

 

Condividi questo articolo

business

CRONACA DI UNA CRIPTO-INCULATA: COME HA FATTO SAM BANKMAN-FIELD A FREGARE TUTTI CON FTX? DOPO IL CROLLO DELL'IMPERO DELLE CRIPTOVALUTE DA 32 MILIARDI, MOLTI DEI CLIENTI E PERSONAGGI NOTI CHE HANNO SPONSORIZZATO LA PIATTAFORMA SONO CASCATI DAL PERO - "SBF", SI ERA COSTRUITO UN NETWORK DI CONOSCENZE PER LEGITTIMARE LA SUA IMMAGINE - TRA I "FREGATI" CI SONO TOM BRADY E L'EX MOGLIE GISELE BUNDCHEN, I CESTISTI STEPH CURRY E SHAQUIL O'NEIL E L'ATTORE LARRY DAVID - MA "BLOOMBERG" AVEVA ALIMENTATO DUBBI SU FTX SETTE MESI PRIMA DELLO SCANDALO… - VIDEO

VODAFONE CHIAMA ITALIA – NICK READ, AMMINISTRATORE DELEGATO DEL COLOSSO DELLA TELEFONIA BRITANNICO, SI È DIMESSO LASCIANDO LE SUE DELEGHE A MARGHERITA DELLA VALLE. 57 ANNI, ATTUALE CFO DEL GRUPPO, DELLA VALLE PER ANNI È STATA BRACCIO DESTRO DI VITTORIO COLAO – BOCCONIANA, LAVORA IN VODAFONE DAL 1994, QUANDO FU TRA LE PRIME 25 PERSONE ASSUNTE DA OMNITEL. DOVRÀ SISTEMARE I CONTI DEL GRUPPO E TROVARE UN ACCORDO CON XAVIER NIEL, IL PATRON DI ILIAD CHE IN PRIMAVERA AVEVA PROVATO A RILEVARE LE ATTIVITÀ ITALIANE DI VODAFONE

CARI COMMERCIANTI, METTETE IL POS E SMETTETE DI ROMPERE I COGLIONI! – LA STORIELLA DEI COSTI DI COMMISSIONE TROPPO ALTI È VERA FINO A UN CERTO PUNTO: SUL MERCATO SI TROVANO DISPOSITIVI CHE COSTANO 30 EURO E ANCHE MENO E MOLTE BANCHE APPLICANO CONDIZIONI CHE ANNULLANO I PRELIEVI SUGLI ACQUISTI PIÙ BASSI. SENZA CONSIDERARE SATISPAY, LA APP ITALIANA CHE AZZERA DI DEFAULT TUTTE I COSTI DI SERVIZIO FINO A 10 EURO, E OLTRE QUESTA SOGLIA, INDIPENDENTEMENTE DALL’IMPORTO, HA UNA COMMISSIONE FISSA DI 20 CENTESIMI…