L'ILLUSIONE DI AVERE UN CONTO ALL'ESTERO - NEL 2009 (SCUDO FISCALE) LE BANCHE SVIZZERE PROPOSERO AI CLIENTI DI APRIRE SOCIETÀ FIDUCIARIE ITALIANE RACCONTANDO, MA SOLO A VOCE, CHE COSÌ NON CAMBIAVA NULLA PERCHÉ I SOLDI RESTAVANO IN SVIZZERA. IN REALTÀ SAREBBERO SOGGETTI A EVENTUALI PRELIEVI FISCALI O CONVERSIONI FORZOSE IN DIVERSA VALUTA, COME PER QUALUNQUE CONTO IN ITALIA… - IL ''FATTO'' VI SUGGERISCE COME SFUGGIRE A UNA ITALEXIT O PRELIEVO FORZOSO

-

Condividi questo articolo

 

Beppe Scienza per “il Fatto Quotidiano” 

 

thomas jordan banca centrale svizzera thomas jordan banca centrale svizzera

C' è chi pensa di portare i risparmi all' estero, temendo il crac dell' Italia, l' uscita dall' euro, prelievi forzosi, ecc. Così è tornata in auge una trovata dei tempi dell' ultimo scudo per i capitali all' estero (2009). Chi aveva soldi in Svizzera, doveva farli arrivare per forza in Italia. Non poteva lasciarli lì, regolarizzandoli, perché la Confederazione elvetica non rientrava fra gli Stati collaborativi col fisco italiano.

 

Al che molte banche elvetiche proposero il cosiddetto scudo giuridico: indirizzavano i clienti a società fiduciarie italiane raccontando, ma solo a voce, che in tal modo non cambiava praticamente nulla, perché i soldi restavano in Svizzera. Molti abboccarono.

 

Per continuare a illuderli, addirittura li accompagnano di tanto in tanto nella banca collegata ticinese (o in altro cantone) e li fanno parlare con un loro compare. E costui ovviamente non gli dice che essi personalmente non potrebbero prelevare soldi, né disporre bonifici né compravendite di azioni, obbligazioni, ecc. dal loro (fantomatico) conto a Lugano.

 

BANCA CENTRALE SVIZZERA BANCA CENTRALE SVIZZERA

È infatti la fiduciaria che ha come sub-depositaria la banca svizzera. Ma per il cliente ciò è irrilevante. Molte banche italiane (Intesa, Unicredit, Mps, ecc.) sub-depositano titoli per esempio presso l' americana State Street o altra società estera, e il risparmiatore non ha nessun accesso diretto a quei titoli. Ora lo stesso schema viene proposto da alcune fiduciarie ai risparmiatori preoccupati, facendogli credere che così il loro patrimonio sarà ben protetto presso una banca svizzera. Invece così non è.

 

caveau banca svizzera caveau banca svizzera

C' è, infatti, un aspetto dirimente per capire come stanno le cose. Per le ritenute sugli interessi, le imposte sui capital gain , ecc. provvede a tutto la fiduciaria, come fanno banche e sim? Tecnicamente si dice che è sostituto d' imposta e normalmente è così.

 

Tutto ciò è comodo, ma implica anche che l' investitore deve pensare che liquidità e titoli sono in Italia. Quindi soggetti a eventuali prelievi fiscali o conversioni forzose in diversa valuta, come se depositati in una banca o sim italiana.

 

Una fiduciaria comporta costi inutili per chi teme il default dell' Italia, l' uscita dall' euro ecc. Dovrebbe semmai aprire un conto a suo nome presso una banca all' estero; e anche questo potrebbe non bastare. Fra l' altro ci sono banche ticinesi, per nulla traballanti, che per meno di 500 euro l' anno forniscono la documentazione necessaria per dichiarare poi all' Erario italiano i rendimenti ottenuti.

BANCHE SVIZZERE BANCHE SVIZZERE svizzera oro banche btp day crop display svizzera oro banche btp day crop display

 

Condividi questo articolo

business

DEL VECCHIO NON STA A CUCCIA – LA MOSSA DEL CAVALIERE DI AGORDO FA VOLARE MEDIOBANCA IN BORSA: LA PRATICA PER SALIRE AL 20% DI PIAZZETTA CUCCIA VA SPEDITA, MA IL COPASIR AVVERTE SUI NUOVI ASSETTI CHE POTREBBERO PORTARE IL CONTROLLO “FUORI DAI CONFINI NAZIONALI” – PARADOSSALMENTE, DEL VECCHIO HA OTTENUTO L’IMPEGNO DI BANKITALIA A FAR PASSARE LA SCALATA PROPRIO IN VIRTÙ DELLA DIFESA DELL’ITALIANITÀ DELLE GENERALI – L'ASSE CON CALTAGIRONE E I BENETTON (CHE ORA HANNO ALTRO A CUI PENSARE

DEL VECCHIO, CHE MONTATURA! – FARO DEL GOVERNO SU MR LUXOTTICA, IMPEGNATO NEL TENTATIVO DI RADDOPPIARE DAL 10 AL 20% LA QUOTA IN MEDIOBANCA, MAGGIOR SOCIO DELLE GENERALI - IL TIMORE ESPRESSO DA DIVERSE FORZE POLITICHE È CHE LA SCALATA MENEGHINA AVVIENE NEL MEZZO DELLA COMPLESSA FUSIONE DI LUXOTTICA CON LA FRANCESE ESSILOR. BENCHÉ SI IMMAGINI IMMORTALE, DEL VECCHIO HA 85 ANNI ED NON È STATO CAPACE DI TROVARE UN MANAGER A CUI LASCIARE LA GUIDA DEL GRUPPO. NON CERTO UN ESEMPIO DI BUONA GOVERNANCE DA PORTARE IN MEDIOBANCA

AL CASELLO C’È POCA FILA – I FONDI DI INVESTIMENTO ASPETTANO CHE CONTE SI DECIDA SULLA REVOCA PER FARE IL PRIMO PASSO VERSO AUTOSTRADE. IN PISTA SEMBRANO VOLERCI ESSERE GLI AUSTRALIANI DI “MACQUAIRE” (CON LA CONSULENZA DI CONTI E COSTAMAGNA) CHE STANNO VALUTANDO UN POSSIBILE INGRESSO IN ASPI. MA SOLO CON IL COINVOLGIMENTO DI CDP E CON I BENETTON IN MINORANZA – PROBLEMINO: IL FONDO È PIUTTOSTO AGGRESSIVO IN FATTO DI LEVA FINANZIARIA, TANTO CHE HA SUL GROPPONE UN ESPOSTO DELLA CONSOB SPAGNOLA