AMERICA, LA CINA È PIU' VICINA DI QUANTO PENSI! - SIA DONALD TRUMP CHE JOE BIDEN SBANDIERANO LA VOLONTA' DI TAGLIARE I LEGAMI COMMERCIALI CON IL DRAGONE, MA IN REALTÀ LE RELAZIONI SONO PIU' SOLIDE CHE MAI - SE IL COMMERCIO DI BENI È CALATO DAL 2017 A OGGI, NON SI PUO' DIRE LO STESSO DI QUELLO DEI SERVIZI, COME TIKTOK, CHE RIMANE IL SOCIAL MEDIA PREFERITO DAGLI AMERICANI, O I FILM DI HOLLYWOOD, CHE SPOPOLANO NEL MERCATO CINESE - SENZA CONTARE CHE È PROBABILE CHE L'AMERICA SOTTOSTIMI LE PROPRIE IMPORTAZIONI DALLA CINA, VISTO CHE…

-

Condividi questo articolo


Articolo di "The Economist" - dalla rassegna stampa estera di "EPR Comunicazione"

 

guerra commerciale stati uniti cina 1 guerra commerciale stati uniti cina 1

Donald Trump e Joe Biden non sono molto d'accordo, ma sono dello stesso parere quando si tratta delle relazioni commerciali dell'America con la Cina. Ritengono che la più grande economia del mondo sia semplicemente troppo dipendente dalla seconda. Per questo motivo, i funzionari americani girano il mondo per promuovere i vantaggi del "friendshoring", ovvero lo spostamento della produzione dalla Cina a mercati meno rischiosi. I dirigenti d'azienda fanno discorsi positivi, ma sono sinceramente preoccupati per la debole crescita economica della Cina, per non parlare della sua volatilità politica. Il numero di commenti nelle riunioni di bilancio che fanno riferimento al "reshoring" è esploso.

 

guerra commerciale stati uniti cina 2 guerra commerciale stati uniti cina 2

Ma quanto di tutto questo non è altro che chiacchiere? L'anno scorso l'Economist ha sostenuto che gran parte del presunto disaccoppiamento tra America e Cina è in realtà illusorio. Guardando più da vicino, scrivevamo, le relazioni economiche tra i due Paesi si mantengono solide, anche se questo fatto è mascherato da trucchi da entrambe le parti. Da allora, un numero crescente di prove conferma e rafforza le nostre conclusioni iniziali. Le economie di America e Cina non si stanno separando. Anzi, alcuni cambiamenti nelle catene di approvvigionamento potrebbero legare ancora di più i due Paesi – scrive The Economist.

 

TIKTOK E PANNELLI SOLARI

guerra commerciale stati uniti cina 4 guerra commerciale stati uniti cina 4

Un quadro completo del commercio cino-americano comprenderebbe il commercio di servizi, compreso l'uso da parte dell'America di applicazioni cinesi e l'amore della Cina per i film americani. Ma questi flussi sono difficili da tracciare, per cui gli economisti hanno concentrato la loro attenzione sul commercio di beni, che i funzionari doganali misurano con ragionevole precisione. In questo caso, i dati principali rallegreranno Biden e Trump. L'anno scorso il Messico ha superato la Cina come maggiore fonte di importazioni dell'America.

 

guerra commerciale stati uniti cina 3 guerra commerciale stati uniti cina 3

Dal 2017 la quota delle importazioni americane provenienti dalla Cina è scesa di un terzo, attestandosi intorno al 14%, secondo i dati americani. Una parte di questo calo si è verificata dopo che Trump ha implementato tariffe elevate nel 2018. Un'altra parte riflette le crescenti preoccupazioni per le ambizioni territoriali della Cina: se la Cina invadesse Taiwan, molte catene di approvvigionamento asiatiche diventerebbero impraticabili.

 

XI JINPING JOE BIDEN XI JINPING JOE BIDEN

I dati principali, tuttavia, non raccontano l'intera storia. Per capirne il motivo, basta partire dai dazi di Trump, che Biden ha in gran parte mantenuto in vigore. Prima della loro introduzione nel 2018, le statistiche americane indicavano che l'America riceveva molte più importazioni dalla Cina rispetto a quelle cinesi. Ora è vero il contrario. La Cina riferisce che le sue esportazioni verso l'America sono aumentate di 30 miliardi di dollari tra il 2020 e il 2023, mentre l'America afferma che le sue importazioni cinesi sono diminuite di 100 miliardi di dollari. Se i dati cinesi sono corretti, la quota di importazioni americane del Paese è ancora diminuita, ma di molto meno.

 

donald trump e i dazi contro la cina donald trump e i dazi contro la cina

A cosa è dovuto il divario tra le misure? Adam Wolfe di Absolute Strategy Research, una società di consulenza, suggerisce che il cambiamento riflette il fatto che gli importatori americani sono incentivati a non dichiarare quanto acquistano dalla Cina nelle categorie coperte dai dazi. Wolfe stima che, di conseguenza, l'America sottostimi le proprie importazioni dalla Cina del 20-25%. Allo stesso tempo, negli ultimi anni il governo cinese ha ridotto le tasse sugli esportatori, riducendo l'incentivo per le aziende nazionali a sottovalutare le merci che lasciano il Paese.

 

STATI UNITI E CINA – SPIONAGGIO STATI UNITI E CINA – SPIONAGGIO

Altri dati forniscono ulteriori motivi di scetticismo sul disaccoppiamento. Le tabelle "Input-output", pubblicate dalla Banca asiatica di sviluppo, mostrano la quota di attività economica di un Paese che può essere ricondotta ad altri. Esaminando 35 settori, abbiamo calcolato che nel 2017 il settore privato cinese ha contribuito in media allo 0,41% degli input delle imprese americane. Non sembra molto, ma è superiore allo 0,38% della Germania e allo 0,24% del Giappone.

 

Nel 2022 la quota della Cina era più che raddoppiata, raggiungendo l'1,06%, un aumento proporzionale maggiore rispetto a quello della Germania e del Giappone. È difficile capire cosa ci sia dietro questa tendenza. I tentativi americani di costruire infrastrutture per l'energia pulita potrebbero essere un fattore che rende le importazioni di apparecchiature elettriche cinesi molto più importanti. Anche le imprese americane del settore dei servizi sembrano fare sempre più affidamento sulla proprietà intellettuale posseduta in Cina. Qualunque sia la causa, le cifre sono difficili da far quadrare con il presunto disaccoppiamento.

guerra commerciale stati uniti cina guerra commerciale stati uniti cina

 

Anche gli sviluppi sul fronte cinese spingono contro il disaccoppiamento. I leader cinesi non hanno intenzione di rinunciare al ruolo del loro Paese nelle catene di approvvigionamento globali, anche se il loro principale partner commerciale sta cercando di tagliarlo fuori. A dicembre la Central Economic Work Conference, il consiglio economico cinese che stabilisce l'agenda, ha reso prioritaria l'espansione del commercio di prodotti intermedi (quelli usati per produrre prodotti finiti).

 

STATI UNITI CONTRO CINA STATI UNITI CONTRO CINA

Le banche statali stanno reindirizzando il credito dal settore immobiliare a quello manifatturiero, facendo intravedere la possibilità di un eccesso di esportazioni cinesi. Molti dei nuovi titani dell'industria cinese, come la Contemporary Amperex Technology, azienda produttrice di batterie, la Boe Technology Group, produttrice di display organici a diodi luminosi, e la Longi Green Energy Technology, che produce componenti per pannelli solari, sono nella posizione ideale per beneficiare di questa strategia.

 

VERDE D'INVIDIA

STATI UNITI CONTRO CINA STATI UNITI CONTRO CINA

In effetti, la crescita di questo tipo di aziende sta già avendo un impatto. Secondo le nostre stime, dal 2019 le esportazioni globali di beni intermedi della Cina sono aumentate del 32%, a fronte di un incremento di altri tipi di esportazioni, come i prodotti finiti, pari solo al 2%. L'impennata è guidata dalle esportazioni verso Paesi come l'India e il Vietnam, che sono due dei partner commerciali preferiti dal governo americano. Il commercio americano con questi Paesi sta a sua volta aumentando, passando dal 4,1% delle importazioni di beni nel 2017 all'attuale 6,4%. La combinazione di queste tendenze implica che i due Paesi agiscono spesso come una sorta di hub di imballaggio per le merci prodotte con input cinesi e destinate alle coste americane.

 

STATI UNITI CONTRO CINA STATI UNITI CONTRO CINA

In tutto il mondo stanno emergendo molti accordi di questo tipo. Prendiamo il caso dell'India, dove il governo sta cercando di costruire la sua base produttiva. In seguito all'introduzione di sussidi, le esportazioni di telefoni cellulari sono aumentate vertiginosamente, facendo pensare che l'India stia mangiando il pranzo della Cina. Tuttavia, in un recente articolo Rahul Chauhan, Rohit Lamba e Raghuram Rajan, tre economisti, sottolineano che anche le importazioni di componenti per cellulari, come batterie, display e semiconduttori, sono aumentate. L'India sembra essere più un intermediario di telefoni cellulari che una potenza di smartphone.

 

cina e stati uniti cina e stati uniti

Il commercio del Vietnam con l'America è in piena espansione. Ma la sua produzione rimane profondamente intrecciata con le catene di fornitura cinesi, il che significa che gran parte dell'aumento potrebbe essere dovuto a prodotti con scarso contenuto vietnamita. Nei casi più estremi, le esportazioni vietnamite sono essenzialmente dirottate dalla Cina, come talvolta denuncia il Dipartimento del Commercio americano. La correlazione tra le esportazioni vietnamite in America e le importazioni dalla Cina è ora significativamente più alta rispetto a prima dell'introduzione dei dazi di Trump. Ciò suggerisce che il paese del Sud-Est asiatico svolge sempre più un ruolo di intermediario, facendo incontrare la produzione cinese con la domanda americana.

 

donald trump xi jimping donald trump xi jimping

In Messico la situazione è più complicata. Gli standard stabiliti dall'accordo Stati Uniti-Messico-Canada richiedono un "contenuto di valore regionale" più elevato, il che significa che le esportazioni vengono esaminate per garantire che la produzione sia stata condotta in Nord America. In alcuni settori in cui le esportazioni messicane verso l'America stanno registrando un boom, come la produzione di automobili, la crescita è difficile da attribuire al disaccoppiamento, poiché la Cina non ha mai esportato grandi quantità di veicoli e parti di ricambio in America: nel 2018 è stata la fonte di appena il 6% delle importazioni americane di tali beni. Tuttavia, le importazioni messicane di forniture industriali cinesi hanno subito un'impennata, aumentando di circa il 40% dal 2019. Anche nel cortile di casa dell'America, il decoupling non sta andando secondo i piani.

 

Il quadro generale è quindi chiaro: le catene di approvvigionamento cinesi possono essere meno visibili, ma rimangono estremamente importanti per l'economia americana. Manterranno il loro ruolo centrale? Trump ha minacciato enormi dazi su tutti i prodotti cinesi se dovesse diventare presidente a novembre. Tali dazi potrebbero essere sufficienti per incoraggiare alcune aziende a lasciare definitivamente la Cina. Un'aggressione da parte di Xi Jinping, sia a Taiwan che altrove, potrebbe avere un impatto simile. Nel corso dei decenni, alcuni Paesi che attualmente fungono da tappa finale nelle linee di produzione potrebbero sviluppare capacità industriali più imponenti e sfidare la posizione della Cina.

cina stati uniti cina stati uniti

 

In assenza di cambiamenti drastici nella politica americana o cinese, non ci si deve aspettare che le cose cambino presto. Molti Paesi sono più che felici di fare il doppio gioco: ricevere gli investimenti e i beni intermedi cinesi ed esportare i prodotti finiti in America. L'efficienza economica, garantita dalle enormi dimensioni e dalle competenze produttive della Cina, è una forza potente a favore dello status quo. Il disaccoppiamento può essere una forte retorica, ma non è la stessa cosa.

XI TRUMP XI TRUMP XI JINPING JOE BIDEN XI JINPING JOE BIDEN trump xi jinping trump xi jinping XI JINPING E JOE BIDEN XI JINPING E JOE BIDEN donald trump xi jinping donald trump xi jinping

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)