APPLE LANCIA LA SFIDA A FACEBOOK E GOOGLE - L’AZIENDA DI CUPERTINO ANNUNCIA UNA LINEA DI OCCHIALI PER LA REALTÀ AUMENTATA E VISORI PER LA REALTÀ VIRTUALE ENTRO IL 2022 – RIUSCIRÀ APPLE DOVE GLI ALTRI HANNO FALLITO? I “GOOGLE GLASSES” FURONO UN FLOP CLAMOROSO, MENTRE GLI OCCHIALI DI FACEBOOK CON RAY-BAN DEVONO ANCORA PRENDERE IL VOLO – I VISORI PRODOTTI DALLA APPLE SARANNO “POTENTI COME I MAC E INDIPENDENTI DAGLI IPHONE”…

-

Condividi questo articolo


apple realta virtuale 4 apple realta virtuale 4

Da "il Messaggero"

 

Il metaverso si fa largo tra le strategie delle principali compagnie hi-tech. Se va a Meta il merito di aver acceso l'interesse sulla possibilità di creare un mondo virtuale dove incontrarsi, lavorare e divertirsi, concorrenti diretti come Microsoft e Google hanno già anticipato i loro progetti a tema.

 

apple realta virtuale 3 apple realta virtuale 3

 E sale l'interesse anche intorno ad Apple, che starebbe lavorando da anni ad occhialini di realtà aumentata e visori per il virtuale. Proprio su questi ultimi torna l'analista esperto di fatti della Mela, Ming-chi Kuo, che ora si dice certo che il colosso di Cupertino lancerà i suoi visori di realtà aumentata entro il 2022. 

apple realta virtuale 1 apple realta virtuale 1

 

Questi saranno «potenti come i Mac e indipendenti dagli iPhone - dice - perché qualora il prodotto verrà posizionato solo come accessorio per computer o smartphone, non beneficerà di una crescita globale».

apple realta virtuale 5 apple realta virtuale 5 apple realta virtuale 2 apple realta virtuale 2 apple realta virtuale 6 apple realta virtuale 6

 

Condividi questo articolo

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

LA GUERRA IN UCRAINA MINACCIA SCONQUASSI MAI VISTI PER L’ECONOMIA MONDIALE - UNA RECESSIONE ANCORA NON È IN VISTA, MA POTREBBERO FARSI PESANTI GLI EFFETTI COMBINATI DI UN RALLENTAMENTO DEGLI USA, DI UNA FRENATA DELLA CINA, DI CARESTIE NEI PAESI PIÙ POVERI, DI CRISI DEBITORIE IN ALCUNI EMERGENTI A CAUSA DEI TASSI PIÙ ALTI - L'ITALIA SI TROVA NELLA PARADOSSALE SITUAZIONE DI AVERE UN CAPO DI GOVERNO ALL'ALTEZZA DEL MOMENTO, E UN SISTEMA POLITICO PRIGIONIERO DI SÉ STESSO. PER IL FONDO MONETARIO, NEMMENO I FONDI DEL PNRR CI FARANNO ACCELERARE OLTRE UN “APPENA SOPRA L'1%” NEGLI ANNI FUTURI

AL GREGGIO NON C’È MAI FINE - INCREDIBILE MA VERO: L’ITALIA A MAGGIO HA AUMENTATO LE IMPORTAZIONI DI PETROLIO RUSSO! DA MOSCA SONO ARRIVATI IN ITALIA CIRCA 450MILA BARILI AL GIORNO DI GREGGIO, PIÙ DI QUATTRO VOLTE RISPETTO A FEBBRAIO (E IL MASSIMO DAL 2013) - IL PARADOSSO È CHE SI TRATTA DI UN EFFETTO DELLE SANZIONI EUROPEE: DUE TERZI DI QUEL PETROLIO ARRIVA ALLA RAFFINERIA ISAB DI AUGUSTA, CONTROLLATA DA LUKOIL. LA COMPAGNIA RUSSA NON È STATA SANZIONATA, MA LE BANCHE HANNO BLOCCATO LE LINEE DI CREDITO, E COSÌ È COSTRETTA A FARE AFFIDAMENTO ESCLUSIVAMENTE SULLE FORNITURE DELLA SOCIETÀ MADRE