ATTENZIONE ALL’INFLAZIONE! - IL GOVERNATORE DELLA BANCA D’INGHILTERRA, ANDREW BAILEY, LA TOCCA PIANO E PREVEDE AUMENTI “APOCALITTICI” DEI PREZZI DEI GENERI ALIMENTARI: “L’INFLAZIONE RAGGIUNGERÀ IL PICCO DEL 10,25% NELL’ULTIMO TRIMESTRE DEL 2022” - “IL PRINCIPALE MOTORE DELL'INFLAZIONE È IL GRANDISSIMO SHOCK DEL REDDITO REALE CHE PROVIENE DA FORZE ESTERNE E, IN PARTICOLARE, DAI PREZZI DELL'ENERGIA E DAI PREZZI GLOBALI DEI BENI. CIÒ AVRÀ UN IMPATTO SULLA DOMANDA INTERNA E SMORZERÀ L'ATTIVITÀ E TEMO CHE AUMENTERÀ LA DISOCCUPAZIONE. SCUSATE SE SONO APOCALITTICO MA…"

-

Condividi questo articolo


 

Giuseppe Fabio Ciccomascolo per "Alliance News"

 

ANDREW BAILEY ANDREW BAILEY

Il governatore della Banca d'Inghilterra ha avvertito che c'è uno "shock reddituale molto reale" derivante dai prezzi dell'energia e dai prezzi dei generi alimentari "apocalittici" ma non ha confutato le decisioni politiche della Banca.

 

Andrew Bailey ha detto di sentirsi "impotente" mentre difendeva la politica monetaria della Banca d'Inghilterra nonostante le famiglie fossero colpite dall'aumento dell'inflazione.

 

Bailey ha detto lunedì ai parlamentari del Treasury Select Committee che la domanda dei consumatori nel Regno Unito sarà influenzata dall'inflazione attuale, che è la più alta degli ultimi 30 anni, e ciò dovrebbe causare un aumento della disoccupazione.

 

L'Office for National Statistics ha registrato un'inflazione al 7% a marzo e si prevede che, entro la fine della settimana, "svelerà" un'inflazione superiore all'8% per il mese scorso.

 

PREVISIONI PIL DEL REGNO UNITO PREVISIONI PIL DEL REGNO UNITO

La Banca d'Inghilterra ha affermato che è probabile che l'inflazione raggiungerà il picco del 10,25% durante l'ultimo trimestre del 2022.

 

"Il principale motore dell'inflazione e ciò che la riduce è il grandissimo shock del reddito reale che proviene da forze esterne e, in particolare, dai prezzi dell'energia e dai prezzi globali dei beni", ha detto Bailey ai parlamentari.

 

"Ciò avrà un impatto sulla domanda interna e smorzerà l'attività e temo che aumenterà la disoccupazione".

 

Ha detto al comitato che "stiamo percorrendo un sentiero molto stretto" tra l'aumento dell'inflazione e i rischi per la crescita.

 

Il Governatore ha sottolineato che la guerra in Ucraina ha comportato un imprevedibile balzo dell'inflazione, sottolineando che permangono "gravi preoccupazioni" per l'ulteriore aumento dei prezzi dei generi alimentari dovuto al conflitto.

rincari carrello della spesa rincari carrello della spesa

 

"Il ministro delle Finanze ucraino ha detto che c'è del cibo in negozio ma non possono tirarlo fuori. Sebbene fosse ottimista sulla semina dei raccolti, in quanto importante fornitore di grano e olio da cucina, ha detto che non hanno modo di spedirlo e che la situazione sta peggiorando".

 

"È una grande preoccupazione per questo Paese e una grande preoccupazione per il Mondo in via di sviluppo. Scusate se sono apocalittico ma questa è una delle principali preoccupazioni".

 

A marzo, l'inflazione alimentare nel Regno Unito è aumentata del 5,9% e dovrebbe accelerare nei prossimi mesi.

 

Michael Saunders, che siede nel comitato di politica monetaria della Banca, ha affermato di ritenere che una politica monetaria più restrittiva avrebbe fatto ben poco per alterare l'attuale tasso di inflazione.

ANDREW BAILEY ANDREW BAILEY

 

Bailey ha anche detto ai parlamentari che non pensa che la Banca "avrebbe potuto fare qualcosa di diverso" per evitare forti aumenti dei prezzi.

 

"Ci sono stati una serie di shock di approvvigionamento, l'ultimo con l'impatto dell'invasione russa dell'Ucraina. Non possiamo prevedere cose come le guerre, nessuno può".

 

Durante l'incontro, Bailey ha anche ripetuto la sua recente affermazione secondo cui i lavoratori, in particolare quelli ad alto reddito, dovrebbero "pensare e riflettere" prima di chiedere aumenti salariali per evitare di alimentare ulteriormente un'inflazione più ampia.

ANDREW BAILEY INFLAZIONE ANDREW BAILEY INFLAZIONE

 

Il numero uon della banca, a cui sono stati pagati GBP575.000 nell'ultimo anno finanziario, ha dichiarato: "Ne ho parlato in un'intervista. Penso che le persone, in particolare le persone con salari più elevati, debbano pensare e riflettere sulla richiesta di aumenti salariali elevati. È una questione sociale ma non sto predicando su questo".

 

"Mi è stato chiesto se quest'anno avessi preso anch'io un aumento di stipendio e ho detto di no, avevo chiesto alla Banca di non darmene uno, perché sentivo che era la cosa giusta per me personalmente. Ma ognuno deve esprimere il proprio giudizio su questo".

 

fonte: PA

INFLAZIONE STAGFLAZIONE DEFLAZIONE INFLAZIONE STAGFLAZIONE DEFLAZIONE inflazione 3 inflazione 3 andrew bailey governatore bank of england andrew bailey governatore bank of england rincari dell agricoltura rincari dell agricoltura

 

 

Condividi questo articolo

business

MILLERI E UNA NOTTE - DEL VECCHIO ERA RICOVERATO DA OLTRE UN MESE AL SAN RAFFAELE DI MILANO PER UN “INSULTO” AL CUORE, AGGRAVATO DA UNA POLMONITE BILATERALE - IL PAPERONE DI AGORDO INTRAPRESE MALVOLENTIERI LA CONQUISTA DI MEDIOBANCA, FATTA SOPRATTUTTO SU SOLLECITAZIONE DEL SUO DELFINO FRANCESCO MILLERI, CHE HA SEMPRE MALSOPPORTATO (EUFEMISMO) NAGEL. UN’OSTILITÀ CHE SI TRASFORMÒ IN ASTIO QUATTRO ANNI FA, ALL’EPOCA DEL FALLITA PRESA DELLO IEO E DEL MONZINO - A QUESTO PUNTO, TUTTO IL MONDO DELLA FINANZA È GOLOSO DI SAPERE SE I SETTE EREDI PERMETTERANNO ANCORA AL VISPO MILLERI DI CONTINUARE A GETTARE MILIARDI SULLA IRTA STRADA CHE PORTA A ESPUGNARE PIAZZETTA CUCCIA, O MAGARI LO CONVINCERANNO A CAMBIARE IDEA…

DEL VECCHIO FU: RIUSCIRÀ MILLERI A CAVARSELA ALLA PROVA DEI SETTE EREDI? - IL FONDATORE DI LUXOTTICA, PIÙ CHE METTERE IN SICUREZZA LE AZIENDE DI FAMIGLIA, HA VOLUTO METTERLE AL RIPARO "DALLA FAMIGLIA". ”UN MANAGER LO PUOI LICENZIARE, ANCHE SE COSTA CARO, UN FIGLIO NO”, ERA UNO DEI SUOI MOTTI. ORA PER LE DECISIONI PIÙ STRATEGICHE COME L'EROGAZIONE DI CEDOLE E LA SOSTITUZIONE DI AMMINISTRATORI, OCCORRE UN QUORUM DELL'88%, CHE È COME DIRE IL PLACET DI SETTE EREDI SU SETTE - ANCHE LE BATTAGLIE PER CONQUISTARE GENERALI E MEDIOBANCA, IN CORSO DA TRE ANNI, FORTISSIMAMENTE VOLUTE DA MILLERI E FINORA FRUSTRATE, POTREBBERO ESSERE ABBANDONATE DAGLI EREDI…

BONO NON VA IN PENSIONE – L’EX NUMERO UNO DI FINCANTIERI TORNA SUBITO IN PISTA CON “NOMISMA MARE”, LA NUOVA DIVISIONE DELLA SOCIETÀ DI CONSULENZE FONDATA DA ROMANO PRODI NEL 1991: LÌ RITROVERÀ ANCHE MASSIMO PONZELLINI, EX PRESIDENTE DELLA BANCA POPOLARE DI MILANO – L'OBIETTIVO È "ANALIZZARE E STUDIARE GLI ASPETTI DELLE ATTIVITÀ INTERCONNESSE CON IL MARE" (UN AMBIENTE CHE BONO CONOSCE PIUTTOSTO BENE, VISTI  VENT’ANNI DI GOVERNANCE NEL COLOSSO DELLA CANTIERISTICA...)

MILLERI, OGGI E DOMANI – SARÀ L’AMMINISTRATORE DELEGATO DI ESSILUX, FRANCESCO MILLERI, IL GARANTE DELLA CONTINUITÀ NELL’IMPERO DI DEL VECCHIO: DIVENTERÀ ANCHE PRESIDENTE DEL COLOSSO DELLE LENTI – LO SCHEMA DELLA SUCCESSIONE ERA STATO PREPARATO PER TEMPO DAL PAPERONE DI AGORDO: IERI È STATO COOPTATO NEL CDA DI ESSILOR-LUXOTTICA ANCHE MARIO NOTARI – LA HOLDING DELFIN È BLINDATA DAI DISSIDI TRA I FIGLI DI DEL VECCHIO, CHE HANNO CIASCUNO IL 12,5%:  PER LA VENDITA A UN SOCIO ESTERNO SERVE L’88% DEL CAPITALE, PRATICAMENTE L’UNANIMITÀ – I NODI MEDIOBANCA E GENERALI