IN ATTESA DI TROVARE UN PRETENDENTE PER MPS, IL GOVERNO FA CASSA – IL TESORO METTE SUL MERCATO UN ALTRO 12,5% DI MONTEPASCHI. L'OBIETTIVO È INCASSARE 700 MILIONI DI EURO, RECUPERANDO INTEGRALMENTE L’INVESTIMENTO SOSTENUTO PER L’AUMENTO DI CAPITALE NEL 2022 – IL MEF SCENDERÀ COSÌ DAL 39% AL 26,5% - LA MOSSA DI GIORGETTI SUONA COME UN ULTIMATUM ALLE BANCHE PER LA CREAZIONE DI QUEL TERZO POLO SOGNATO DAL “DON ABBONDIO” LEGHISTA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Giuliano Balestrieri per www.lastampa.it

 

monte dei paschi di siena monte dei paschi di siena

Il Tesoro accelera su Mps e annuncia l’avvio del collocamento di un altro 12,5% del capitale del Monte sul mercato. L’operazione verrà portata avanti, così come alla fine dello scorso anno per la prima tranche, attraverso un consorzio di banche costituito da BofA Securities, Citigroup Global Markets Europe AG, Jeffries e Mediobanca in qualità di Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners, con l’obiettivo di promuovere il collocamento delle azioni presso investitori qualificati in Italia e investitori istituzionali esteri.

 

[...]

 

GIANCARLO GIORGETTI ALLA MANIFESTAZIONE WINDS OF CHANGE GIANCARLO GIORGETTI ALLA MANIFESTAZIONE WINDS OF CHANGE

Tradotto: il Tesoro scenderà dal 39 al 26,5% circa – a patto che a fronte di una domanda superiore alle attese non decida di collocare un’ulteriore quota, proprio come successo a novembre. La mossa di Giorgetti suona come un ultimatum alle banche per la creazione di quel terzo polo alternativo a Intesa e Unicredit, tanto caro al ministro.

 

Intanto da questa operazione il Tesoro incasserà poco meno di 700 milioni di euro che sommati ai 920 milioni guadagnati con il collocamento di novembre arrivano a 1,6 miliardi: quanto speso nel 2022 per seguire l’aumento di capitale. In questo modo la perdita dello Stato sulla banca senese scende a circa 4 miliardi di euro, un passivo che si ridurrà ulteriormente a maggio con l’incasso di altri 80 milioni di euro di dividendi.

 

andrea orcel andrea orcel

Completata l’operazione, poi, il Tesoro si impegna a non vedere altre quote per 90 giorni, fino alla fine di giugno. Tempo che servirà alle banche italiane per valutare ancora la possibilità di scommettere su un’operazione di sistema.

 

D’altra parte, la strada dell’aggregazione è tutta in salita. L’opzione preferita dall’esecutivo resta quella di un matrimonio con il Banco Bpm, ma l’ad Giuseppe Castagna non perde occasione per smentire un possibile interesse su Siena ribadendo la sua volontà di continuare a correre da solo. E con un utile di 1,3 miliardi e dividendi in crescita del 143% è difficile immaginare di poter far pressione su Piazza Meda affinché cambi idea.

 

GIUSEPPE CASTAGNA GIUSEPPE CASTAGNA

Lungo la via Emilia si guarda anche a Bper, ma sarebbe una soluzione più complicata per diversi motivi. A cominciare dal fatto che Modena non ha ancora completamente digerito l’acquisizione di Genova (Carige) per arrivare all’idea – indigesta per il governo - di vedere issata su Rocca Salimbeni la bandiera di Unipol.

 

Dopo aver strappato Mps all’influenza del centrosinistra, consegnare il controllo di Mps a Unipol sarebbe uno smacco per il centrodestra. L’opzione Unicredit era la preferita dal governo Draghi, ma fu respinta dalla banca guidata da Andrea Orcel. Oggi che Siena è stata risanata, con due miliardi di utili e il ritorno del dividendo, l’interesse potrebbe essere diverso.

 

L’ad di Gae Aulenti ha ribadito di aver tra 6 e 9 miliardi di euro da investire in acquisizioni: soldi che devono garantire rendimenti importanti, altrimenti andranno agli azionisti sotto forma di dividendi e nuovi buyback. Un’opzione «deludente» per il capoazienda, che però non avvicina Milano a Siena [...]

MONTE DEI PASCHI DI SIENA MONTE DEI PASCHI DI SIENA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…