LA BATTAGLIA PER GENERALI SECONDO “FINANCIAL TIMES” – LA STORIA DI DUE IMPRENDITORI ITALIANI INFEROCITI PERCHÉ SCOPRONO DI COLPO CHE CON I LORO MILIARDI RIESCONO A COMPRARE TUTTO MA NON IL “POTERE”. E PUR NON AVENDO UN PIANO INDUSTRIALE E UNA GOVERNANCE DA PROPORRE AI SOCI DEL LEONE DI TRIESTE, ALTERNATIVI A NAGEL-DONNET, I DUE ARZILLI VECCHIETTI NON SI ARRENDONO: È IN BALLO LA LORO REPUTAZIONE E IL LORO ORGOGLIO...

-

Condividi questo articolo


Ian Smith, Owen Walker, Davide Ghiglione, Silvia Sciorilli Borrelli per il “Financial Times” - https://www.ft.com/content/cc5f80cb-c06c-408a-a02a-da2d356ac391

 

Donnet Caltagirone Del Vecchio Donnet Caltagirone Del Vecchio

La lotta per il controllo di Generali che coinvolge due delle principali case finanziarie italiane e una coppia di anziani miliardari evidenzia le rivalità personali e le partecipazioni azionarie intrecciate che dominano il settore finanziario del paese”.

 

Nel 2018, il miliardario italiano Leonardo Del Vecchio è tornato nella città natale e si è offerto di investire 500 milioni di euro nel principale ospedale oncologico del paese. Il rifiuto dell'Istituto Europeo di Oncologia di Milano di accettare il denaro ha posto le basi per una battaglia che ora si sta giocando in due delle più importanti istituzioni finanziarie italiane: Mediobanca, per lungo tempo un'autorità nel settore aziendale del paese, e Generali, il più grande assicuratore italiano. 

Alberto Nagel Caltagirone Alberto Nagel Caltagirone

 

Del Vecchio, che è fondatore e presidente della più grande azienda di occhiali al mondo, Luxottica, ha preso il rifiuto come un affronto personale e ha incolpato il maggiore finanziatore dell'ospedale, Mediobanca. Questo ha portato a tensioni tra Del Vecchio e l'amministratore delegato della banca, Alberto Nagel, secondo diverse persone a conoscenza del rapporto. 

 

Donnet Donnet

"L'animosità tra Del Vecchio e Nagel risale all'investimento abortito. È lì che sono iniziate tutte queste tensioni", ha detto un importante uomo d'affari italiano che conosce bene entrambi. Del Vecchio, un investitore significativo sia in Generali che in Mediobanca, ha contestato la dipendenza di Mediobanca dalla sua partecipazione del 13% in Generali per i profitti. Allo stesso tempo, lui e altri azionisti di Generali sono impegnati in un braccio di ferro con Mediobanca sul futuro del gruppo e la sua gestione sotto l'amministratore delegato Philippe Donnet. 

 

BANCA GENERALI BANCA GENERALI

Un alleato chiave nella campagna di Del Vecchio contro il team di gestione di Generali è Francesco Gaetano Caltagirone, il magnate delle costruzioni di 78 anni che è vice presidente aggiunto di Generali ed è anche un investitore di Mediobanca. A settembre, Caltagirone e Del Vecchio, il secondo e terzo azionista dell'assicuratore dietro Mediobanca, hanno firmato un patto formale con un altro investitore minore per consultarsi sulle decisioni prima dell'assemblea annuale di Generali del prossimo aprile. 

 

Il gruppo possiede collettivamente il 14% delle azioni. Lo strategy day di Generali il mese prossimo, quando gli investitori sentiranno il suo piano triennale, sarà un "momento spartiacque" nella battaglia degli azionisti, ha detto Andrew Ritchie, un analista senior del gruppo di ricerca Autonomous. Si aspetta "un piano in continuità" da Generali, che si concentrerà sulla crescita degli utili e sui ritorni per gli investitori, e aggiunge: "Questo richiederà una risposta da parte degli azionisti in agitazione per dire cosa potrebbero fare meglio". 

 

francesco gaetano caltagirone francesco gaetano caltagirone

Questa lotta per il controllo che coinvolge due delle principali case finanziarie italiane e una coppia di anziani miliardari evidenzia le rivalità personali e le partecipazioni azionarie intrecciate che dominano il settore finanziario del paese. "Questa non è una battaglia per il potere, è una battaglia per l'efficienza", ha detto un portavoce di Caltagirone, che ha aumentato la sua partecipazione in Generali dall'1 all'8 per cento negli ultimi 12 anni. 

 

Il ruolo di Del Vecchio come giocatore di potere nell'industria è arrivato relativamente tardi nella sua carriera. Poco dopo che la sua donazione all'ospedale oncologico di Milano è stata rifiutata, ha colto di sorpresa il mondo finanziario italiano quando ha annunciato una partecipazione del 7 per cento in Mediobanca. Ora possiede poco meno del 20 per cento, il massimo consentito da un accordo che ha raggiunto con la Banca Centrale Europea. 

caltagirone donnet caltagirone donnet

 

Ha usato la sua posizione come maggiore investitore di Mediobanca per spingere le riforme della governance e ha anche fatto pressione su Nagel per ridurre la dipendenza della banca dai dividendi che riceve da Generali, dove è il maggiore azionista, e da Compass Banca, una società di credito al consumo. Fino a un terzo delle entrate di Mediobanca provengono dalla sua partecipazione in Generali. 

 

"Per la prima volta, Nagel è stato messo sotto pressione per fare davvero qualcosa", ha detto uno stretto alleato di Del Vecchio. "La gente pensa che questa sia la resa dei conti finale - c'è un'atmosfera nell'aria che qualcosa deve cambiare". Alberto Nagel, amministratore delegato di Mediobanca. Nagel è sotto pressione per ridurre la dipendenza della banca dai dividendi che riceve da Generali. 

philippe donnet gabriele galateri di genola philippe donnet gabriele galateri di genola

 

Secondo il patto tra Del Vecchio e Caltagirone, i due hanno accettato di consultarsi su come raggiungere una "gestione più redditizia ed efficace" dell'assicuratore. Anche la fondazione bancaria Fondazione CRT ha firmato il patto, e Del Vecchio e Caltagirone sperano che la potente famiglia Benetton, che possiede il 4 per cento delle azioni Generali, si unisca. L'alleanza ha messo Del Vecchio e Caltagirone in rotta di collisione con Nagel e Mediobanca, che sostengono il management di Generali.

 

FRANCESCO MILLERI E LEONARDO DEL VECCHIO CON I RAY BAN STORIES - GLI OCCHIALI SMART DI LUXOTTICA E FACEBOOK FRANCESCO MILLERI E LEONARDO DEL VECCHIO CON I RAY BAN STORIES - GLI OCCHIALI SMART DI LUXOTTICA E FACEBOOK

Mediobanca ha risposto prendendo in prestito il 4 per cento delle azioni di Generali, aumentando la sua partecipazione a più del 17 per cento. I diritti di voto di Mediobanca sulle azioni prese in prestito scadranno subito dopo l'AGM di Generali. A complicare ulteriormente le cose, i parlamentari italiani hanno recentemente proposto una riforma legale che metterebbe in effetti un limite di sei anni al mandato dei top manager e dei membri del consiglio di amministrazione. Questo interesserebbe Donnet e Gabriele Galateri di Genola, presidente di Generali dal 2011, e potrebbe essere importante per Nagel in futuro. 

 

L'approccio di Generali alla tecnologia e la sua strategia di M&A sono due punti di disaccordo tra il team di gestione dell'assicuratore e l'alleanza degli azionisti danneggiati. Una persona vicina a Delfin, la holding di Del Vecchio, ha definito Generali un "ritardatario del fintech" e ha detto che il suo recente dealmaking è stato un "mix di operazioni di piccole dimensioni e il raddoppio in Italia, dove già domina".

Milleri Del Vecchio Nagel Milleri Del Vecchio Nagel

 

I critici vedono la recente acquisizione da parte di Generali di Cattolica, un rivale locale in difficoltà, come il tipo di accordo che è meglio per l'economia italiana che per gli azionisti di Generali. Persone vicine a Caltagirone hanno detto che l'affare Cattolica era "troppo poco e troppo tardi". Generali è rimasta indietro rispetto ai suoi pari in termini di capitalizzazione di mercato negli ultimi due decenni. "Generali ha bisogno di trovare un modo per crescere organicamente o [attraverso M&A] che la mantenga alla pari con gente come Zurich, Axa e Allianz, che hanno tutti preso il sopravvento su Generali se si guarda ai primi anni 2000", ha detto un grande azionista. 

Del Vecchio Zampillo Del Vecchio Zampillo

 

Ma i sostenitori sottolineano che le azioni di Generali hanno generalmente fatto meglio dei rivali da quando l'ultimo piano strategico di Donnet è stato lanciato tre anni fa. Le azioni di Generali sono salite di circa il 24% da allora, rispetto al 5% di Allianz, al 15% di Axa e al 25% di Zurich. 

 

Un'altra critica mossa a Generali è che Mediobanca, il suo maggiore azionista, ha un'influenza eccessiva sull'assicuratore. Il presidente di lunga data di Generali, Di Genola, è stato presidente di Mediobanca fino al 2007. Generali ha rifiutato di commentare questo articolo. Ma una persona a conoscenza della sua visione ha detto che la narrazione dell'influenza di Mediobanca su Generali è "superata". 

Del Vecchio e ferragni Del Vecchio e ferragni

 

"Se si guardano le decisioni di business che sono state prese da Generali - M&A, strategiche, e così via - è impossibile vedere dove qualcosa è stato fatto a beneficio di un azionista specifico piuttosto che di tutti gli azionisti", ha detto la persona. Anche Del Vecchio e Mediobanca hanno rifiutato di commentare. 

 

La questione è se qualsiasi nuova strategia può convincere gli azionisti ribelli di Generali - o almeno fermare gli investitori istituzionali dal radunarsi dalla loro parte. Un'altra persona vicina al management di Generali ha accusato Del Vecchio di "infantilismo strategico", aggiungendo: "Vuole che Generali diventi la più grande compagnia assicurativa d'Europa, se non del mondo, ma come attuare ciò non è chiaro". 

 

gabriele galateri gabriele galateri

Un ex amministratore delegato di un gruppo finanziario italiano ha detto che non si aspetta che le due parti raggiungano un compromesso prima dell'AGM. "I miliardari non si arrenderanno mai", ha detto. "C'è troppo denaro in gioco, ma anche quando arrivano alla fine della loro vita, la loro reputazione, l'eredità e l'orgoglio sono in gioco. È molto difficile trovare un compromesso con loro".

 

 

 

 

Condividi questo articolo

business

“È STATA SUZANNE HEYWOOD, PUPILLA DI JOHN ELKANN, A COSTRUIRE LA TRAPPOLA IN CUI È CADUTO ANDREA AGNELLI” – GIGI MONCALVO RICOSTRUISCE IL SILURAMENTO DEL PRESIDENTE DELLA JUVENTUS: “NON SI È DIMESSO, È STATO ‘DIMESSO’, LO HANNO COSTRETTO AD ANDARSENE, SI È TROVATO IN MINORANZA NEL CONSIGLIO (SI PARLA DI SEI VOTI CONTRO, UN INDECISO A TUTTO, PAVEL NEDVED, E SOLO DUE A FAVORE, LO STESSO AGNELLI E IL SUO FEDELE FRANCESCO RONCAGLIO). SI ERA PRESENTATO PIENO DI CERTEZZE E SICURO DI SFANGARLA UN'ALTRA VOLTA. CONTAVA SUL FATTO CHE IL CUGINO JOHN ELKANN NON VOLESSE AFFONDARE IL COLPO DECISIVO. MOLTI DEI CONSIGLIERI COVAVANO DENTRO DI SÉ DA MESI, FORTI DI AUTOREVOLI PARERI LEGALI, IL TIMORE DI FINIRE NEI GUAI CON LA MAGISTRATURA PER AVER ‘ACCOMPAGNATO’ ANDREA NELLE SUE ‘ACROBAZIE’ ED ERANO PRONTI AD ABBANDONARLO…”

SI VEDE LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL DELL’INFLAZIONE! – A NOVEMBRE L’INDICE NAZIONALE DEI PREZZI AL CONSUMO REGISTRA UN AUMENTO DELLO 0,5% SU BASE MENSILE E DELL’11,8% SU BASE ANNUA: “DOPO LA BRUSCA ACCELERAZIONE DI OTTOBRE, A NOVEMBRE L’INFLAZIONE, CHE RIMANE A LIVELLI RECORD DEL MARZO 1984 È STABILE” – I PREZZI DEL COSIDDETTO “CARRELLO DELLA SPESA” ACCELERANO A NOVEMBRE, “MA DI POCO”: SE NEI PROSSIMI MESI CONTINUASSE LA DISCESA IN CORSO DEI PREZZI ALL’INGROSSO DEL GAS E DI ALTRE MATERIE PRIME, IL FUOCO DELL’INFLAZIONE POTREBBE INIZIARE A RITIRARSI…