BIDEN È FIDUCIOSO, I MERCATI NO – IL PRESIDENTE AMERICANO SOSTIENE CHE GRAZIE ALLE MISURE PRESE DAL SUO GOVERNO IL SISTEMA BANCARIO SIA “PIÙ RESILIENTE E STABILE”, MA LE BORSE NON GLI CREDONO: IERI WALL STREET HA CHIUSO IN ROSSO, COME TUTTI I LISTINI MONDIALI – FIRST REPUBLIC BANK POTREBBE NON EVITARE IL CROLLO NONOSTANTE IL PIANO DI SALVATAGGIO. E IN SVIZZERA CREDIT SUISSE HA IN PANCIA OBBLIGAZIONI PER ALMENO 76 MILIARDI DI FRANCHI, CHE ORMAI SONO CARTA STRACCIA…

-

Condividi questo articolo


joe biden joe biden

1. USA: BIDEN FIDUCIOSO, PRESSIONE SU BANCHE SI È ALLENTATA

(ANSA) - La pressione sulle banche Usa si è allentata. Lo afferma il presidente americano Joe Biden, dicendosi fiducioso sul fatto che la crisi degli istituti di credito si sia calmata.

 

2. BIDEN: «LE BANCHE USA ORA SONO PIÙ SOLIDE» MA LA BORSA NON SI FIDA

Estratto dell’articolo di RPar per “il Giornale”

 

Joe Biden parla di «sistema bancario più resiliente e stabile grazie alle azioni prese», Ocse e Standard&Poor’s escludono rischi di crisi sistemica o di contagio, il governatore della Banca di Francia parla di banche europee «estremamente solide», ma i mercati sembrano avere un’unica certezza: non sono più sicuri di niente.

 

credit suisse crollo del titolo in borsa credit suisse crollo del titolo in borsa

Così, si continua a vendere fino a far assumere agli indici l’ennesima piega ribassista. Il giorno delle “tre streghe” ha complicato ieri la vita a Wall Street (-1,4% a un’ora dalla chiusura), ma non è andata meglio altrove (-1,64% Milano, -1,26% lo Stoxx600) nell’ultima seduta di una settimana sporca, brutta e cattiva.

 

Da venerdì 10 […] a venerdì 17 la propensione al rischio è finita sotto i tacchi. Spinta lì da “bad news” che non sono mancate neppure ieri, in un continuo rimbalzare di echi sinistri […]  che alimentano la paura che il cerino acceso rimanga in mano a parecchi. E il fiammifero ustionante potrebbe essere Credit Suisse, crollata di un altro 8%.

 

FIRST REPUBLIC FIRST REPUBLIC

Nella tarda serata di ieri, rilanciata da Financial Times, è arrivata la notizia di una Ubs che sarebbe in trattativa per acquistare tutto o una parte Credit Suisse. Secondo fonti, i consigli di amministrazione delle due banche si incontreranno questo fine settimana per valutare l’operazione, orchestrata dalla Banca centrale svizzera e dalla Finma, l’autorità di regolamentazione del mercato.

 

I mercati del resto fiutano ancora il pericolo, malgrado la robusta dote miliardaria assicurata dalla banca centrale. Sono le quotazioni dei bond a preoccupare, e nello specifico obbligazioni per un controvalore per almeno 76 miliardi di franchi svizzeri. Il loro valore è inferiore al 30% di quello nominale, a evidenziare come il rischio di perdite ingenti, in caso di salvataggio pubblico, sia considerato tutt’altro che remoto dagli investitori.

 

MEME SUL CROLLO IN BORSA DI CREDIT SUISSE MEME SUL CROLLO IN BORSA DI CREDIT SUISSE

Ma anche dall’altra parte dell’Atlantico non sono arrivate notizie rassicuranti. Il piano di salvataggio da 30 miliardi di dollari per First Republic Bank […] potrebbe non evitare il crollo dell’istituto californiano. Dubbi che hanno provocato una picchiata dei titoli in Borsa del 25% che porta a circa al 70% la perdita settimanale.

 

Un clima intossicato anche da come il sistema bancario americano si sta comportando nel mezzo della bufera. Piuttosto che bussare alla porta del Btfp, il programma con cui la Fed offre prestiti della durata massima di un anno, si preferisce attingere liquidità […]. Ebbene, nella settimana terminata il 15 marzo, questi prestiti sono esplosi a 152,85 miliardi di dollari, con un salto in sette giorni di 148 miliardi, una cifra record. I fondi usciti da Btfp sono invece stati di poco inferiori ai 12 miliardi, per buona parte utilizzati da First Republic Bank. E un motivo c’è: è lo stigma associato allo strumento, una sorta di Mes a stelle e strisce, il cui utilizzo sarebbe come ammettere uno stato pre-fallimentare. […]

FIRST REPUBLIC FIRST REPUBLIC FIRST REPUBLIC FIRST REPUBLIC

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)