BOCCIATA PER L'ENNESIMA VOLTA L'AZIONE DI RESPONSABILITA' CONTRO VIOLA E PROFUMO SU MPS CHIESTA DAL SOCIO "BLUEBELL" - I DUE FURONO SPEDITI A SIENA DOPO IL DISASTRO DELL’ACQUISIZIONE ANTONVENETA DELL’ÉRA MUSSARI AVALLATA DA BANKITALIA (DOVE SEDEVA DRAGHI) E LA VULGATA FINANZIARIA VUOLE CHE SIANO STATI LORO NEL 2012 (SUPERMARIO ERA GIÀ IN BCE) A SCOPRIRE I DERIVATI USATI PER OCCULTARE LE PERDITE, ANCHE SE I GIUDICI HANNO NEGATO CHE LA VIGILANZA BANCARIA FU OSTACOLATA. SOLO TRE ANNI DOPO, I DERIVATI SONO STATI CONTABILIZZATI COME TALI, UN RITARDO PERÒ AVALLATO DALLE AUTHORITY DI VIGILANZA…

-

Condividi questo articolo


Alessandro Profumo Alessandro Profumo

Dal "Fatto quotidiano"

 

I governi passano, ma su Mps lo spartito è lo stesso. Ieri l’assemblea dei soci ha respinto l’azione di responsabilità chiesta dal socio Bluebell contro gli ex vertici, Alessandro Profumo e Fabrizio Viola. A votare contro è stato il 97,5% del capitale in assemblea, in primis il Tesoro guidato da Daniele Franco, primo azionista della banca nazionalizzata nel 2017.

FABRIZIO VIOLA FABRIZIO VIOLA

 

A ottobre, Profumo (oggi ad di Leonardo) e Viola – il primo presidente di Mps dal 2012 al 2014 il secondo ad fino al 2016 – sono stati condannati per aggiotaggio e per false comunicazioni rispetto alla semestrale 2015 (sono stati prescritti per il bilancio 2012 e “perché il fatto non sussiste” per i bilanci 2013 e 2014) per la vicenda della classificazione a bilancio dei derivati.

 

Bluebell ha proposto, e l’assemblea respinto, l’azione di responsabilità contro i due manager nel 2016 (governo Renzi), nel 2017 (Gentiloni), nel 2018 e 2019 (Conte I e II) e ora, dopo la condanna. Il cda, espressione del Tesoro, l’ha bocciata perchè ancora non sono note le motivazioni della sentenza, ma è difficile che lo scenario cambi in futuro, anche con Draghi.

 

Mario Draghi Mario Draghi

Profumo e Viola furono, per così dire, spediti a Siena dopo il disastro dell’ac - quisizione Antonveneta dell’éra Mussari avallata da Bankitalia (dove sedeva l’attuale premier) e la vulgata finanziaria vuole che siano stati loro nel 2012 (Draghi era già volato in Bce) a scoprire i derivati usati per occultare le perdite, anche se i giudici hanno negato che la vigilanza bancaria fu ostacolata. Solo tre anni dopo, però, i derivati sono stati contabilizzati come tali, un ritardo però avallato dalle authority di vigilanza.

monte dei paschi di siena monte dei paschi di siena

 

Condividi questo articolo

business

MAZZARELLA IN CARROZZASORPRESA AMARA PER CIMBRI ALL’ASSEMBLEA DI BPER CHE HA ELETTO IL NUOVO CDA: I GRANDI SOCI DELL'EX POPOLARE EMILIANA CONTROLLATA DA UNIPOL NON SONO RIUSCITI A IMPORSI IN ASSEMBLEA – IN COMPENSO CIMBRI CONOSCE BENE IL NEO PRESIDENTE DI BPER, FLAVIA MAZZARELLA: NELLA CALDA ESTATE 2012 PROPRIO LEI, A CAPO DI IVASS, ARBITRÒ L'ASPRA BATTAGLIA PER FONDIARIA SAI. NON SOLO: DAL 1994 AL 2002 È STATA LA DEVOTA PUPILLA DI DRAGHI, DIRETTORE GENERALE DEL TESORO PER LE PRIVATIZZAZIONI