A CASA TUTTO MALE – IN ITALIA IL TASSO MEDIO DEI MUTUI È SALITO AL 4%, L’INTERESSE PIÙ ALTO FRA I PRINCIPALI PAESI UE. UN SALASSO CHE HA SPINTO MOLTI CITTADINI A RINUNCIARE ALL'ACQUISTO DI UNA CASA: LE DOMANDE PER UN FINANZIAMENTO SONO CROLLATE DEL 23,8% RISPETTO ALLO SCORSO ANNO – CON L'INFLAZIONE CHE GALOPPA E I SALARI IMMOBILI, IL POTERE D'ACQUISTO SI È EROSO PESANTEMENTE. E LE BANCHE, PREOCCUPATE PER LE INSOLVENZE, RENDONO PIÙ RIGIDI I CRITERI CREDITIZI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Francesco Bertolino per “La Stampa

 

MUTUI CASA MUTUI CASA

In Italia il tasso medio dei mutui si attesta ormai al 4%, l'interesse più elevato fra i principali Paesi dell'Unione europea. Potrebbe toccare il 5% dopo il nuovo rialzo del costo del denaro deciso dalla Bce che non ha escluso nuovi aumenti nei prossimi mesi per contrastare l'inflazione.

 

Un incremento che sta spingendo molte famiglie italiane a rinunciare all'acquisto della casa, o quantomeno a rinviarlo in attesa di tempi migliori. Secondo un'analisi di Crif, fra gennaio e marzo di quest'anno le richieste di istruttoria per mutui sono diminuite del -23,8% rispetto al primo trimestre del 2022. Nel mese di marzo il calo della domanda di prestiti è stato del 22,7%.

 

MUTUI MUTUI

[…]

 

In mancanza di adeguamenti salariali, l'inflazione sta erodendo il potere d'acquisto delle famiglie e ancor di più la loro capacità di risparmio. Preoccupate di un prossimo aumento delle insolvenze, poi, le banche hanno irrigidito i criteri creditizi, tornando prudenti come all'epoca della crisi del debito sovrano.

 

Il reddito medio dei richiedenti è così salito a 2600 euro, una soglia che finisce per escludere molti aspiranti acquirenti immobiliari, specie fra le persone fra i 25 e i 44 anni che rappresentano due terzi della domanda di mutui.

CHRISTINE LAGARDE CHRISTINE LAGARDE

 

L'importo medio finanziato è intanto cresciuto a 145.343 euro, in crescita del +0,9% rispetto al primo trimestre del 2022 e sui massimi degli ultimi 10 anni. Un dato che risente anche del tracollo del fenomeno delle surroghe, scese del 57,2% nel 2022.

 

[…] la classe di durata dei mutui più richiesta è quella da 25–30 anni, il 36,9% del totale. Nel complesso, oltre otto richieste su 10 prevedono piani di rimborso superiori ai 15 anni, a conferma della propensione a privilegiare soluzioni che pesino il meno possibile sul bilancio familiare.

Mutuo per la casa Mutuo per la casa mutuo giovani mutuo giovani

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…