IN CATTIVA FED – CHE FARÀ LA BANCA CENTRALE AMERICANA DOPO IL FALLIMENTO DI SILICON VALLEY BANK? IN MOLTI RITENGONO IMPROBABILE CHE POWELL CONTINUI A RIALZARE I TASSI: CERTO, L’INFLAZIONE NON È ANCORA SOTTO CONTROLLO, MA LA STABILITÀ DELLE BANCHE È PIÙ IMPORTANTE (LEHMAN BROTHERS DOVREBBE AVER INSEGNATO QUALCOSA) – D’ALTRO CANTO, ALLENTARE LA PRESA POTREBBE MANDARE UN MESSAGGIO SBAGLIATO AI MERCATI. DELLA SERIE: SIAMO COSTRETTI, PERCHÉ IL SISTEMA RISCHIA DI SALTARE…

-

Condividi questo articolo


JEROME POWELL JEROME POWELL

Articolo di “The Economist” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

Per placare l'inflazione, recita l'adagio, i banchieri centrali devono inasprire la politica monetaria finché non si rompe qualcosa. Per gran parte dell'anno scorso questo luogo comune è stato facile da ignorare.

 

A partire dal marzo 2022, la Federal Reserve americana ha aumentato i tassi di interesse al ritmo più rapido dagli anni '80. Anche se i mercati sono crollati, il sistema finanziario mondiale non ha subito danni.

 

silicon valley bank 1 silicon valley bank 1

Quando a settembre i fondi pensione britannici hanno vacillato, la Banca d'Inghilterra ha prontamente contribuito a raddrizzarli. Il crollo più rilevante - quello di FTX, un ex exchange di criptovalute caduto in disgrazia - è stato ben al di fuori del mainstream e, secondo le autorità di regolamentazione, è stato causato da frodi piuttosto che dalla Fed.

 

Ora qualcosa si è rotto. Il fallimento della Silicon Valley Bank ( SVB), un istituto di credito americano di medio livello fallito il 10 marzo scorso, ha provocato un'onda d'urto sui mercati finanziari. L'indice Nasdaq delle azioni bancarie è sceso di un quarto nel corso di una settimana, cancellando tutti i guadagni ottenuti nei 25 anni precedenti.

 

sam bankman-fried rilasciato dal carcere su cauzione sam bankman-fried rilasciato dal carcere su cauzione

Le azioni degli istituti di credito regionali sono state colpite molto più duramente. Al momento della pubblicazione di questo articolo, è iniziato un rimbalzo. I mercati finanziari sono tuttavia entrati in una nuova fase: quella in cui il ciclo di inasprimento della Fed inizia a mordere – scrive The Economist.

 

Una caratteristica di questa fase è che i mercati stanno improvvisamente lavorando con la Fed anziché contro di essa. Per più di un anno, i funzionari della banca centrale hanno ripetuto lo stesso messaggio: l'inflazione si sta dimostrando più ostinata del previsto, il che significa che i tassi di interesse dovranno aumentare più del previsto. Questo messaggio è stato rafforzato dai dati pubblicati il 14 marzo, che hanno mostrato che i prezzi al consumo sottostanti sono aumentati ancora una volta più rapidamente del previsto.

 

JEROME POWELL JEROME POWELL

I responsabili politici vogliono inasprire le condizioni finanziarie - come gli standard di prestito, i costi degli interessi o la liquidità del mercato monetario - riducendo la domanda aggregata e quindi raffreddando l'aumento dei prezzi.

 

Da ottobre, i mercati si sono mossi nella direzione opposta. Un indicatore delle condizioni finanziarie compilato da Bloomberg, un fornitore di dati, ha mostrato un costante allentamento. Nell'ultima settimana, tutto questo allentamento si è invertito, anche tenendo conto del rimbalzo dei titoli bancari. Il crollo della Svb ha scioccato i mercati, spingendoli a fare il lavoro della Fed.

 

silicon valley bank silicon valley bank

Ciò non significa che gli investitori abbiano rinunciato a combattere la Fed. Continuano a scommettere che presto inizierà a tagliare i tassi, anche se i funzionari non hanno dato alcuna indicazione in tal senso. Il campo di battaglia, però, si è spostato. All'inizio dell'anno, le aspettative di taglio dei tassi derivavano dalla speranza che l'inflazione scendesse più rapidamente di quanto previsto dalla Fed. Ora riflettono la paura. Il 13 marzo il rendimento del Tesoro a due anni è sceso di 0,61 punti percentuali, il più grande calo in un solo giorno in oltre 40 anni. Dato che alcune banche sono fallite, gli investitori scommettono che la Fed taglierà i tassi non perché il mostro dell'inflazione è stato domato, ma per evitare di rompere qualcos'altro.

 

silicon valley bank 1 silicon valley bank 1

Considerato insieme alla reazione di altri mercati, ciò suggerisce un certo grado di dissonanza cognitiva. Dopo un'iniziale caduta, gli indici dei mercati azionari più ampi hanno registrato una forte ripresa. L'indice S&P 500 delle grandi imprese americane è in linea con la posizione di inizio anno. Il dollaro, che tende a rafforzarsi in caso di crisi perché gli investitori si rifugiano nella sicurezza, si è leggermente indebolito. Da un lato, gli investitori pensano che la Fed dovrebbe temere il fallimento di altre istituzioni tanto da iniziare a tagliare i tassi. Dall'altro, essi stessi non temono abbastanza le conseguenze di un tale fallimento da rifletterle nei prezzi degli asset.

 

CHRISTINE LAGARDE JEROME POWELL CHRISTINE LAGARDE JEROME POWELL

Alla base di questa contraddizione c'è la presunta tensione tra l'obiettivo di inflazione della Fed e il suo dovere di proteggere la stabilità finanziaria. Il fallimento dell'Svb, che aveva le sue radici nelle perdite delle obbligazioni a tasso fisso (il cui valore è sceso con l'aumento dei tassi), sembra una prova di ciò.

 

Poiché anche la lotta all'inflazione impallidisce di fronte alla stabilità del sistema bancario, si sostiene, la Fed non può permettersi di aumentare ulteriormente i tassi. Questo riduce il rischio di recessione, dà una spinta alle azioni e riduce la necessità di beni rifugio come il dollaro.

 

Non siate così sicuri. In seguito al crollo della Svb, la Fed ha promesso di fare da spalla ad altre banche. Il suo sostegno - prestiti a fronte di titoli che valgono anche solo due terzi del valore del prestito - dovrebbe impedire a qualsiasi istituto lontanamente solvibile di fallire, a prescindere dal livello dei tassi di interesse. Accanto a questa generosità si nasconde una scomoda verità. Per spremere l'inflazione dall'economia, la Fed deve rendere i prestatori nervosi, i prestiti costosi e le imprese avverse al rischio. Permettere a banche spericolate come Svb di fallire non è un tragico incidente. Fa parte del lavoro della Fed.

sede della silicon valley bank sede della silicon valley bank

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"