UN CAVALIERE BIANCO PER IL CAVALIERE - IL FONDO PENINSULA METTE SUL PIATTO UN MILIARDO DI EURO PER COPRIRE L'EVENTUALE RECESSO DI BOLLORÉ DA MEDIASET. I FRANCESI STANNO FACENDO LA GUERRA ALLA CREAZIONE DI MEDIA FOR EUROPE, E ORA IL FONDO GUIDATO DA STEFANO MARSAGLIA POTREBBE DIVENTARE IL SECONDO AZIONISTA SE VIVENDI DECIDE DI VENDERE

-

Condividi questo articolo

MEDIASET: VIVENDI RIBADISCE, NON FARCI VOTARE È ILLEGALE

berlusconi bollore vivendi mediaset berlusconi bollore vivendi mediaset

 (ANSA) - Vivendi, davanti all'arrivo di Peninsula nella partita per il riassetto di Mediaset, ribadisce: "Non abbiamo particolari commenti su questa mossa possiamo solo sottolineare che quanto Mediaset sta facendo è illegale dal momento che non ci hanno permesso di votare". Lo riferisce un portavoce del gruppo francese sul tema dell'accordo in base al quale il fondo potrà rilevare fino a 470 milioni di euro di azioni Mfe eventualmente provenienti dal recesso dell'operazione.

 

 

MEDIASET UN FONDO PER VIVENDI

F.D.R. per il “Corriere della sera”

Stefano Marsaglia Stefano Marsaglia

 

Mediaset blinda il piano di riassetto e si assicura contro possibili mosse di Vivendi stringendo un accordo con Peninsula Capital, che ha messo a disposizione 1 miliardo di euro per coprire l' eventuale recesso dei soci francesi.

 

L' intesa è stata approvata ieri dal consiglio del Biscione che, in questo modo, offre una via d' uscita a Vivendi e chiude il cerchio del riassetto incentrato sulla creazione della holding olandese Media for Europe e sulla fusione tra Mediaset e Mediaset España.

 

L' operazione prevede un diritto di recesso per il quale il Biscione ha stanziato 180 milioni, che però non basterebbero in caso di uscita di Vivendi, il cui 29,9% vale circa un miliardo. E un miliardo è anche la cifra stanziata da Peninsula Capital per consentire a Vincent Bolloré di uscire da Mediaset mettendo così fine alla battaglia legale scoppiata in seguito al rifiuto di Vivendi di perfezionare l' acquisto di Premium e al successivo rastrellamento di azioni del Biscione.

 

alessandro salem e pier silvio berlusconi alessandro salem e pier silvio berlusconi

Il recesso rappresentava l' unica possibilità per i francesi di fermare un riassetto che in più occasioni hanno detto di non gradire. Nell' ambito dell' operazione, Mediaset si era però riservata la possibilità di vendere sul mercato le quote del recesso e come anticipato dal «Corriere», si era subito messa al lavoro per trovare un partner disposto a sterilizzare l' eventuale effetto Vivendi e a condividere i piani di Pier Silvio Berlusconi.

 

Peninsula è una holding di diritto Lussemburghese basata a Londra che gestisce il fondo Peninsula Capital guidato da Stefano Marsaglia, ex banchiere di Barclays e Mediobanca, e al cui vertice vede altri banchieri legati a Piazzetta Cuccia come Borja Prado Eulate, già a capo di Mediobanca Spagna e America Latina, Carlos Cortina Lapique, anch' egli transitato da Mediobanca e Javier De La Rica ex vicepresidente della banca d' affari in Spagna. In Italia Peninsula ha quote di Italo, Kiko, Azimut Holding, Guala Closures e Garofalo Healthcare. E a breve potrebbe diventare il secondo azionista di Media for Europe.

DE PUYFONTAINE BOLLORE DE PUYFONTAINE BOLLORE STEFANO MARSAGLIA GIOCA A POLO STEFANO MARSAGLIA GIOCA A POLO

 

Condividi questo articolo

business

FLASH! I GRANDI SOCI RCS NON POTEVANO CHE SMENTIRE LA LETTERA SVELATA DA ''LETTERA43'': SAREBBE STATA UNA SFIDUCIA TROPPO PESANTE VERSO L'AD CAIRO. MA LORO UNA SORTA DI MANLEVA LA VORREBBERO: A GENNAIO DOVREBBE ARRIVARE IL LODO DEL CASO CONTRO BLACKSTONE (IL CAPO SCHWARTZMAN SEGUE PERSONALMENTE IL PROCEDIMENTO). IN CASO DI VITTORIA DEL FONDO, SAREBBERO DOLORI PER RCS, E POI PURE PER CAIRO, CHE IL FONDO HA DENUNCIATO NEGLI USA PER ESTORSIONE (PROCESSO SOSPESO IN ATTESA DELL'ARBITRATO MILANESE)