CETRIOLONE FUORI STAGIONE PER I CONSUMATORI ITALIANI: IN AUTUNNO BOLLETTE E CARBURANTE SARANNO ANCORA PIÙ SALATI – L'ENERGIA ELETTRICA SUBIRÀ UN RINCARO TRA IL 7 E IL 10%, IL GAS DEL 2% – CONTINUERANNO A LIEVITARE ANCHE I PREZZI DELLA BENZINA (CHE ATTUALMENTE COSTA LA BELLEZZA DI 1,953 EURO/LITRO)  E DEL GASOLIO (PIÙ O MENO STESSA CIFRA) - QUESTO PESERÀ SULLE TASCHE DEGLI AUTOMOBILISTI PER UN TOTALE DI...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Fausta Chiesa per “il Corriere della Sera”

 

rincari benzina diesel 3 rincari benzina diesel 3

Prima, a inizio anno, la fine dello sconto sulle accise. Poi i rincari dei carburanti, con i rialzi che da inizio agosto stanno proseguendo anche nel finale del mese. E ora anche le previsioni di un ritorno dell'aumento per le bollette di luce (tra il 7 e il 10% secondo Nomisma da ottobre) e gas (del 2% circa, già da settembre). Si prospetta un autunno caldo sul fronte energetico e questo quando la maggior parte delle merci in Italia viaggia su gomma.

 

LA CRISI DELL AGROALIMENTARE - I RINCARI DEI CEREALI DALL INIZIO DELLA GUERRA LA CRISI DELL AGROALIMENTARE - I RINCARI DEI CEREALI DALL INIZIO DELLA GUERRA

Il carrello della spesa a luglio è rimasto quasi invariato al 10,4% e non ha seguito la tendenza al ribasso dell'espansione, scende al 5,9 per cento. La categoria che aumenta di più sono i prodotti alimentari e le bevande analcoliche (+10,7%). La spirale dei prezzi non sembra destinata a fermarsi.

 

Anche ieri i prezzi medi di benzina e gasolio sono risultati in salita. Sulla rete ordinaria, la media della benzina in “fai da te” è arrivata a 1.953 euro, mentre il diesel è rincarato a 1.856 euro. In autostrada la benzina self arriva a 2.023 euro e il gasolio a 1.938 euro. Le compagnie petrolifere negli ultimi giorni del mese stanno tornando ad alzare i listini.

rincari benzina diesel 2 rincari benzina diesel 2

 

[…] Un litro di super costa oltre 30 centesimi in più, pari a 15 euro e 18 centesimi per un pieno di 50 litri. Il che equivale — ha calcolato l'Unione Nazionale dei Consumatori — a 346 euro all'anno per una famiglia che fa due pieni da 50 litri al mese, se proiettiamo questo rialzo su base annua.

 

Per il gasolio, sempre in modalità self, l'aumento rispetto al 31 dicembre 2022 è di quasi 14 centesimi, +8,2%, pari a 6 euro e 98 cent a rifornimento, 167 euro su base annua a famiglia. Va detto che il livello dei prezzi, seppure elevato, è comunque più basso (di 30 centesimi sulla benzina, di 40 per il gasolio) del massimo toccato a fine marzo 2022, quando il governo Draghi decise di tagliare le accise di 30 centesimi al litro. E va considerato che il fisco (accise+Iva) pesa per il 56% del prezzo finale della benzina e per il 51,8% sul gasolio. E il governo non dovrebbe abbassare le accise. […]

rincaro prezzi gas rincaro prezzi gas

 

Se le tariffe salissero come previsto da Nomisma Energia (+2% sul gas e +7% sulla luce), ha calcolato l'Unc, per una famiglia tipo in tutela significherebbe spendere 25 euro in più su base annua per il gas e 45 per la luce. E questo considerando che il governo metterà le risorse per prolungare anche nel terzo trimestre gli aiuti in bolletta, vale a dire l'Iva ridotta al 5% sul gas e il bonus sociale esteso fino alle famiglie con Isee fino a 15 mila euro. Che altrimenti scadranno il prossimo 30 settembre.

rincaro energia e aumento delle bollette 7 rincaro energia e aumento delle bollette 7 rincaro energia e aumento delle bollette 9 rincaro energia e aumento delle bollette 9

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! – PRESIDENZIALI USA 2024 AL PUNTO DI SVOLTA: SE NON C’È TRUMP NON CI SARÀ BIDEN. L’HA DETTO “SLEEPY JOE” AI SUOI COLLABORATORI E A OBAMA – IL NUOVO SONDAGGIO DEL “WALL STREET JOURNAL”: SE LA CANDIDATA REPUBBLICANA ALLE PRESIDENZIALI FOSSE LA 51ENNE INDO-AMERICANA NIMRATA "NIKKI" RANDHAWA, CONIUGATA HALEY, L’OTTUAGENARIO BIDEN FINIREBBE AI GIARDINETTI - L’EX GOVERNATRICE DELLA CAROLINA DEL SUD ED EX AMBASCIATRICE USA ALL’ONU AVREBBE UN VANTAGGIO DI BEN 17 PUNTI PERCENTUALI (51-34)…

QUANTO PUÒ DURARE ANCORA LA PARTITA DI POKER CON BLUFF DI MELONI CON L’EUROPA? - DAL 1 GENNAIO DEL 2024, SE ROMA NON RATIFICA IL MES, TUTTI GLI ALTRI 26 STATI MEMBRI DELL'UNIONE EUROPEA SAREBBERO SENZA OMBRELLO DI SALVATAGGIO IN CASO DI DEFAULT - NEGOZIANDO, COME SE FOSSE AL MERCATINO DI PORTA PORTESE, LA CONTRATTAZIONE SUL PATTO DI STABILITÀ IN CAMBIO DEL MES, LA DUCETTA RISCHIA DI RESTARE COL CERINO ACCESO - PER BRUXELLES, IL “PACCHETTO MELONI” È UNA MINACCIA CHE REGGE POCO: L’UNICO PAESE CHE RISCHIA IL DEFAULT, DALL’ALTO DI UN DEBITO PUBBLICO MOSTRUOSO (2.844 MILIARDI DI EURO) SAREBBE L’ITALIA. E SENZA MES, I MERCATI LA PUNIREBBERO CON LO SPREAD IN SALITA - PER LA DUCETTA LA RIUSCITA DELLA TRATTATIVA SAREBBE L’UNICA VIA D’USCITA PER EVITARE DI VENIR SBERTUCCIATA COME “CAMALEONTE” - O PEGGIO: “LA CAZZARA DELLA FIAMMA” - DALL’OPPOSIZIONE E INFILZATA COME UN TORDO DA MATTEO SALVINI, CHE NON ASPETTA ALTRO CHE LA RATIFICA DEL MES PER SPUTTANARLA E RIACCHIAPPARE I VOTI PERDUTI

AH GIORGIA, MA CHE CAZZO STAI A DI’? – TRAFITTA DA UN RAGGIO DI PARA-ALZHEIMER, "IO SO' GIORGIA" SUL MES ATTACCA IL PD: “PERCHÉ QUANDO GOVERNAVA NON L’HA RATIFICATO?” - DAGO-RISPOSTA: NON L'HA RATIFICATO PER IL SEMPLICE MOTIVO CHE ALL’EPOCA NON C’ERA ALCUNA URGENZA IN QUANTO LA SCADENZA PER IL TRATTATO DEL MES ERA IL 31 DICEMBRE 2023. IL PRECEDENTE GOVERNO, GUIDATO DA MARIO DRAGHI, E’ STATO FATTO FUORI IL 21 LUGLIO 2022 - QUALCHE ANIMA PIA PUO’ RICORDARE ALLA SMEMORATA DI COLLE OPPIO CHE IL PRIMO ATTO POLITICO E FORMALE DI NASCITA DEL MES RISALE ALL’11 LUGLIO 2011, QUANDO IN ITALIA ERA AL GOVERNO IL CENTRODESTRA DI SILVIO BERLUSCONI E GIORGIA MELONI, IN QUELLA LEGISLATURA ADERENTE AL POPOLO DELLE LIBERTA’, ERA MINISTRA DELLA GIOVENTU’. ALL’EPOCA, SUL MES, NON SI RISCONTRANO RIMOSTRANZE, ALMENO PUBBLICHE, NE' DELLA DUCETTA NE' DI SALVINI