CHE MOODY SONO? – L’AGENZIA DI RATING RIVEDE AL RIBASSO LE PREVISIONI DI CRESCITA PER L’ITALIA NEL 2021 AL 3,7% DAL 5,6% STIMATO IN PRECEDENZA - MA È OTTIMISTA SUL GOVERNO DRAGHI: “È UNA GARANZIA PER L’UTILIZZO IN MANIERA EFFICACE DEI 209 MILIARDI CHE L’ITALIA RICEVERÀ DAL RECOVERY FUND EUROPEO…”

-

Condividi questo articolo


mario draghi mario draghi

1 – MOODY'S: RIVEDE AL RIBASSO STIME PIL ITALIA, IN 2021 +3,7%

 (ANSA) - ROMA, 24 FEB - Moody's rivede al ribasso le previsioni di crescita per l'Italia nel 2021 al 3,7% dal 5,6% stimato in precedenza, a causa del rinnovo dei limiti a mobilità e imprese per l'aumento dei contagi. Lo si legge nel rapporto dell'agenzia di rating sulle Economie G20. Per il 2022, spiegano ancora gli analisti, "prevediamo una crescita del Pil reale del 4,1%".

 

2 – RECOVERY: MOODY'S, DRAGHI GARANZIA PER SPESA GIUSTA FONDI 

MOODY'S MOODY'S

(ANSA) - ROMA, 24 FEB - L'avvio di un governo di larghe intese guidato da Mario Draghi è una sorta di garanzia per l'utilizzo in maniera efficace dei 209 miliardi che l'Italia riceverà dal Recovery Fund europeo entro il 2026. Lo prevede Moody's nel suo rapporto sulle economie G20.

 

"Questi fondi - si legge nel rapporto di Moody's - potrebbero rafforzare le prospettive di crescita del paese se diretti e utilizzati efficacemente per infrastrutture pubbliche e altre spese a favore della crescita. L'inaugurazione di un governo trasversale di larghe intese del primo ministro Mario Draghi aumenta la probabilità che ciò accada".

BUFFETT MOODY BUFFETT MOODY mario draghi 2 mario draghi 2 moody's 1 moody's 1 moodys moodys agenzie di rating moodys agenzie di rating moodys MOODYS E IL DOWNGRADING MOODYS E IL DOWNGRADING

 

Condividi questo articolo

business

CE LA FARÀ ORCEL A SALVARE LA BARACCA UNICREDIT? - IL MERCATO E GLI INVESTITORI SI ASPETTANO UNA SVOLTA RISPETTO ALLA GESTIONE MUSTIER: IL NUOVO AD DOVRÀ PROVARE A RECUPERARE IL GAP CON INTESA SANPAOLO E AUMENTARE LA REDDITIVITÀ. OLTRE A MPS, PUNTERÀ ANCHE BPM? - TRA LA DELIBERA DI NOMINA E QUELLA SULLA MAXI-RETRIBUZIONE C’È UNA DIFFERENZA DEL 22% DEI CONSENSI: I FONDI E GLI ALTRI SOCI FORTI NON HANNO GRADITO CHE LO STIPENDIO SARÀ SGANCIATO DAI RISULTATI, ALMENO PER IL PRIMO ANNO...