CHE SUCCEDE CON L’INGRESSO DI ROCCO BASILICO IN DELFIN? – IL FIGLIASTRO DI DEL VECCHIO AVRÀ IL 12,5% DELLA HOLDING DEL PAPERONE DI AGORDO: COME I SEI FIGLI DEL FONDATORE DI LUXOTTICA (E SUA MOGLIE NICOLETTA ZAMPILLO) – GLI OTTO EREDI LITIGHERANNO SULLE STRATEGIE DI GESTIONE DELLE MOLTE PARTECIPAZIONI? SÌ, MA POTRANNO FARE POCO: LA REGOLA DELL’88% DEI VOTI IMPONE L’UNANIMITÀ PER OGNI DECISIONE IMPORTANTE. CON IL RISCHIO, EVIDENTE, CHE LA SOCIETÀ RIMANGA INGESSATA DAI VETI

-

Condividi questo articolo


Mario Gerevini per il “Corriere della Sera”

 

ROCCO BASILICO ROCCO BASILICO

Un riassetto senza rivoluzionare l'impronta familiare.

L'ingresso di Rocco Basilico, 32 anni, nella lussemburghese Delfin, il sancta sanctorum dell'impero Del Vecchio, dà una piccola scossa, introducendo un cognome nuovo e abbassando l'età media. Ma mentre è ancora ufficialmente da sciogliere il nodo della presidenza, la regola azionaria del 12,5% resta sacra: otto soci tutti uguali, otto fette virtuali di una torta che vale 30 miliardi tra partecipazioni industriali, finanziarie e immobiliari (EssilorLuxottica, Generali, Mediobanca, Unicredit ecc).

DELFIN - DIVISIONE QUOTE E STRUTTURA EREDITARIA DELFIN - DIVISIONE QUOTE E STRUTTURA EREDITARIA

 

Fa capo a Delfin, tra l'altro, anche La Leonina, considerata una delle più belle ville Belle Époque della Costa Azzurra. Proprio nella villa ha sede secondaria una società del Delaware del primogenito Claudio Del Vecchio.

 

Riusciranno a convivere pacificamente gli otto soci? Cioè i tre figli di Del Vecchio avuti con Luciana Nervo (Claudio 65 anni, Marisa 63, Paola 61), i due con Sabina Grossi (Luca 21 e Clemente 18), quello con Nicoletta Zampillo, sposata due volte (Leonardo Maria 27), il figlio di Zampillo nato dalla precedente unione con Paolo Basilico (Rocco, 32) e infine la stessa vedova.

 

LEONARDO DEL VECCHIO LEONARDO DEL VECCHIO

È di 47 anni la differenza di età tra il primo e l'ultimo rampollo del fondatore di Luxottica. Non sarebbe sorprendente se vi fossero visioni diverse sulle strategie: per esempio su come gestire le partecipazioni o sulla politica dei dividendi. La sintesi spetta al management che non a caso ha amplissimi poteri. Ma l'esperienza insegna che la convivenza di tanti rami familiari talvolta è un terreno minato. Per ridurre i rischi ci sono gli avvocati «preventivi».

LEONARDO DEL VECCHIO MOGLIE NICOLETTA ZAMPILLO LEONARDO DEL VECCHIO MOGLIE NICOLETTA ZAMPILLO

 

Così è stata costruita una meticolosissima impalcatura di regole. Lo statuto dà continuità alla gestione attuale, voluta da Del Vecchio e «ingabbia» i soci, cioè li costringe alla compattezza e alla quasi unanimità.

 

D'altra parte, però, la regola dell'88% dei voti per modificare lo statuto e nominare (o revocare) un amministratore (atto fondamentale vista la centralità del board) rischia di ingessare la società. Basterebbe infatti che uno solo degli otto azionisti si mettesse di traverso con il suo 12,5% per bloccare delibere di quel tipo. È così? Probabilmente nelle prossime settimane si chiariranno molti aspetti della governance post-Leonardo.

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ROCCO BASILICO ROCCO BASILICO ROCCO BASILICO E LEONARDO MARIA DEL VECCHIO ROCCO BASILICO E LEONARDO MARIA DEL VECCHIO

 

 

Condividi questo articolo

business

BUTTI LA RETE (COMINCIAMO BENE...) – IL RESPONSABILE TELECOMUNICAZIONI DI FRATELLI D’ITALIA ALESSIO BUTTI SMENTISCE "IL FOGLIO" SULLA RETE UNICA - "SIAMO FORTEMENTE CONTRARI AL PIANO DI VENDITA DELLA RETE TIM. LA RETE UNICA DEVE RIMANERE IN CAPO A TIM. MA CON CONTROLLO E GESTIONE DI CDP" – CERASA (DIRETTORE DE "IL FOGLIO"): IL PIANO DI FRATELLI D’ITALIA E’ FAR COMPRARE OPEN FIBER A TIM E POI FAR COMPRARE TIM A CDP. MI PARE ISPIRATO AL MODELLO MADURO (NAZIONALIZZARE TUTTO)…

PREPARATEVI A UN AUTUNNO MOLTO CALDO – L’ULTIMO RAPPORTO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA È UNA DOCCIA FREDDA: NONOSTANTE I DATI POSITIVI DEL PIL, “L’ATTIVITÀ ECONOMICA STA RALLENTANDO”, COME HA SPECIFICATO ANCHE IERI DRAGHI – NEL FRATTEMPO LA BANCA D’INGHILTERRA AUMENTA ANCORA I TASSI, PORTANDOLI ALL’1,75% - I REINVESTIMENTI DELLA LAGARDE, SPACCIATI PER UNA BOCCATA D’OSSIGENO ALL’ITALIA, IN REALTÀ CI RENDONO SEMPRE PIÙ DIPENDENTI DA GERMANIA, OLANDA E FRANCIA…