CHISSÀ CHE SI DICE ALLE GENERALI DELL'OPERAZIONE UBI, I CUI PROTAGONISTI SONO PIUTTOSTO BIZZARRI: L'AZIONISTA DI CONTROLLO (MEDIOBANCA) FA DA ADVISOR A UNA RIVALE NEL RAMO ASSICURATIVO (INTESA) IN CONCERTO CON IL PRINCIPALE AVVERSARIO (CIMBRI-UNIPOL) AL FINE DI RAFFORZARE ENTRAMBI - NAGEL DOVRÀ LANCIARE UN OSSO GROSSO E SAPORITO A DEL VECCHIO, CHE HA 88 ANNI, UNA MONTAGNA DI SOLDI E NON UN MINUTO DA PERDERE. E NON CI STA A PASSARE DA SCONFITTO…

-

Condividi questo articolo

DAGONEWS

 

carlo cimbri 4 carlo cimbri 4

Chissà che si dice in questi giorni a Trieste, nell'austero palazzone delle Assicurazioni Generali, davanti al risiko bancario che si muove sull'asse Milano-Bergamo-Brescia. Già, perché l'offerta pubblica di scambio di Intesa su Ubi allarga il campo fino a Bologna e a mezza Emilia-Romagna, essendo uno dei kingmaker Carlo Cimbri, amministratore delegato di Unipol e socio forte della banca BPER, che nel riassetto si prenderebbe un bel po' di sportelli.

 

ALBERTO NAGEL SALVATORE LIGRESTI ALBERTO NAGEL SALVATORE LIGRESTI

Il fatto è che Unipol è il principale concorrente di Generali, controllata con il 18% da Mediobanca. E Mediobanca è anche advisor di quest'operazione, con Cimbri che al ''Corriere'' racconta il rapporto idilliaco con Nagel, amministratore delegato di Mediobanca. Che oggi può aiutare Messina non avendo più Unicredit come socio forte di Piazzetta Cuccia, ma si trova sempre in una posizione scomoda essendo Intesa molto forte nel ramo Vita.

 

Quindi il socio che controlla Generali aiuta Intesa e Unipol a rafforzarsi nel mercato assicurativo? Facendo da suggeritore a Intesa, la banca che poco tempo fa ha tentato una scalata (abortita) su Trieste? Oh yes, sono le meraviglie del capitalismo italiano. D'altronde, è l'eredità lasciata dai salotti buoni e meno buoni del Novecento: il rapporto di ferro tra Nagel e Cimbri si è consolidato quando il primo ha ''tolto'' ai Ligresti Fondiaria-Sai e l'ha portata in dote al gruppo assicurativo bolognese, fino a quel momento considerato solo un ramo del grande albero delle coop, e nel frattempo diventato invece un soggetto più forte e indipendente.

 

PHILIPPE DONNET ALBERTO NAGEL PHILIPPE DONNET ALBERTO NAGEL

Quanto potrà durare questo assetto? C'è chi giura che se l'operazione andrà in porto, ci saranno conseguenze anche in Mediobanca, e Nagel dovrà lanciare un osso saporito a Leonardo Del Vecchio, che non ci sta a passare per sconfitto, per tenerlo buono nella sua smania.

 

L'arzillissimo vecchietto ha 88 anni, una montagna di soldi e non un minuto da perdere. Per questo c'è un certo imprenditore in difficoltà che ha bussato alla sua porta per salvarlo da una situazione che potrebbe diventare spiacevole. I dettagli alla prossima puntata…

philippe donnet gabriele galateri di genola philippe donnet gabriele galateri di genola LEONARDO DEL VECCHIO NAGEL LEONARDO DEL VECCHIO NAGEL IL PAPELLO TRA NAGEL E LIGRESTI IL PAPELLO TRA NAGEL E LIGRESTI

 

Condividi questo articolo

business

IL VENDITORE DI TAPPETI -L’INCREDIBILE VIDEO-MESSAGGIO DI URBANO CAIRO PER MOTIVARE I VENDITORI DI PUBBLICITÀ – ‘’IN QUESTO MOMENTO DI EMERGENZA PER IL CORONAVIRUS, TANTE AZIENDE STANNO VENDENDO DI PIÙ. COME CONAD: 20% IN PIÙ - L’ASCOLTO DI LA7 STA ESPLODENDO, IL TRAFFICO DEL CORRIERE.IT, LE VENDITE DELLE COPIE, QUEST’ANNO PURE I DIVIDENDI… “ - AL CDR DEL CORRIERE PERÒ DICE CHE VA TUTTO MALE - IL LORO COMUNICATO - RCS DISTRIBUISCE 15 MILIONI DI DIVIDENDI AI SUOI SOCI. DEI QUALI 9 MILIONI E MEZZO CIRCA ANDRANNO DIRETTAMENTE A CAIRO… - VIDEO