COME FINIRÀ IL PROCESSO DI APPELLO PER VIOLA E PROFUMO? - IL SOSTITUTO PROCURATORE GENERALE DI MILANO, MASSIMO GABALLO, CHIEDE LA CONFERMA DELLA CONDANNA A 6 ANNI PER GLI EX VERTICI DI MPS, IMPUTATI PER FALSO IN BILANCIO E AGGIOTTAGGIO PER I “DERIVATI” ALEXANDRIA E SANTORINI. MA C’È IL PRECEDENTE DI MUSSARI E VIGNI, ASSOLTI A MAGGIO 2022…

-

Condividi questo articolo


1. MPS: CHIESTA IN APPELLO CONFERMA 6 ANNI PER VIOLA E PROFUMO

montepaschi viola profumo montepaschi viola profumo

(ANSA) - Il sostituto procuratore generale di Milano Massimo Gaballo ha chiesto la conferma della sentenza con cui il tribunale ha condannato a 6 anni di reclusione Alessandro Profumo e Fabrizio Viola, ex vertici di Mps imputati in appello per falso in bilancio e aggiotaggio in un filone delle indagini sulla banca senese. Per Paolo Salvadori, a cui in primo grado erano stati inflitti 3 anni e mezzo, il pg ha chiesto la nullità della sentenza per incompetenza territoriale e il trasferimento a Siena degli atti.

 

MPS, AL VIA L’APPELLO SU PROFUMO

Estratto dell’articolo di Fabrizio Massaro per “MF”

 

VIGNI MUSSARI VIGNI MUSSARI

Tornano a giudizio gli ex vertici di Montepaschi Alessandro Profumo e Fabrizio Viola, già presidente e amministratore delegato del gruppo senese, arrivati nel 2012 al posto della precedente gestione di Giuseppe Mussari e del dg Antonio Vigni. Il processo di appello comincia oggi a Milano.

 

Entrambe le coppie di manager al comando di Mps sono state processate in anni diversi per la contabilizzazione dei prodotti costruiti sui veicolo Alexandria (con la banca giapponese Nomura) e Santorini (con Deutsche Bank).

 

Mussari e Vigni sono stati condannati in primo grado nel 2019 per vari reati tra cui falso in bilancio e aggiotaggio, ritenendo quei contratti come «derivati»; ma la corte di appello di Milano a maggio 2022 ha ribaltato completamente l’esito dell’inchiesta, assolvendo con formula piena i due ex esponenti senesi nonché i banker di Nomura e Santorini. […]

 

MONTE DEI PASCHI DI SIENA MONTE DEI PASCHI DI SIENA

Anche Profumo e Viola, i quali anch’essi non avevano considerato tali prodotti come «derivati», sono stati condannati nel 2020 a sei anni di reclusione, insieme con l’allora presidente del collegio sindacale Paolo Salvadori (3 anni e mezzo). Il cuore della condanna di primo grado è che quelle operazioni dovevano essere qualificate come «derivati» per il principio della «prevalenza della sostanza sulla forma».

 

Ma tale lettura è stata smontata dalla corte d’appello per Mussari e Vigni, essendo quel criterio interpretativo solo residuale rispetto ai principi contabili. Adesso proprio questa sentenza di appello è alla base dei motivi aggiunti depositati di recente dai legali di Profumo (attuale ceo di Leonardo, in uscita) e Viola in vista del processo di appello.

 

PROFUMO E VIOLA PROFUMO E VIOLA

[…] Profumo e Viola puntano a vincere in appello usando appunto gli argomenti di Mussari e Vigni e le nuove carte degli imputati di Deutsche Bank, che hanno dimostrato come Santorini fosse uno dei tanti offerti – non solo a Mps – dalla banca d’investimento tedesca, e non un prodotto confezionato ad hoc per occultare perdite.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...