COME MAI LE QUOTAZIONI DELL’ORO CONTINUANO A SALIRE, FINO A IMPENNARSI DI UN +26% NEGLI ULTIMI SEI MESI? - IL CONGELAMENTO DELLE RISERVE RUSSE PER CIRCA 300 MILIARDI DI DOLLARI AD OPERA DEI GOVERNI OCCIDENTALI SPINGE I PAESI EMERGENTI A PROTEGGERSI. NON INVESTONO PIÙ IN EURO O IN DOLLARI: TEMONO IN FUTURO, DI SUBIRE LO STESSO TRATTAMENTO DELLA RUSSIA. COSÌ GLI ACQUISTI D’ORO DA PARTE DI PAESI COME LA CINA, L’INDIA O L’ARABIA SAUDITA E MOLTI ALTRI SONO PIÙ CHE RADDOPPIATI DA CIRCA 400 TONNELLATE L’ANNO (PRIMA DELLA GUERRA IN UCRAINA) A OLTRE MILLE TONNELLATE L’ANNO NEL 2022 E NEL 2023…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Federico Fubini per il “Corriere della Sera”

 

la cina aumenta le sue riserve d oro la cina aumenta le sue riserve d oro

Qualcosa di sorprendente sta accadendo sui mercati mondiali: l’oro non si ferma più. Il suo prezzo sui listini aveva iniziato a salire rapidamente da ottobre del 2022 […] il prezzo dell’oro si è impennato di un ulteriore 26% negli ultimi sei mesi. Ieri ha chiuso su nuovi massimi storici di 2.325 dollari l’oncia. […] Cosa sta accadendo? […] Il metallo giallo continua probabilmente ad apprezzarsi per una dinamica innescata da Vladimir Putin con l’aggressione all’Ucraina.

 

la cina aumenta le sue riserve d oro la cina aumenta le sue riserve d oro

Non c’è solo l’incertezza generata dalla guerra, che spinge gli investitori verso quella che John Maynard Keynes chiamava la «reliquia barbarica». Il congelamento delle riserve russe per circa 300 miliardi di dollari ad opera dei governi occidentali spinge i grandi Paesi emergenti a proteggersi. Non investono più i frutti dei loro enormi surplus commerciali in euro o in dollari: temono in futuro, per qualunque ragione, di subire lo stesso trattamento della Russia.

 

ORO ORO

Così gli acquisti d’oro da parte di Paesi come la Cina, l’India o l’Arabia Saudita e molti altri sono più che raddoppiati da circa 400 tonnellate l’anno — prima della guerra in Ucraina — a oltre mille tonnellate l’anno nel 2022 e nel 2023. I grandi emergenti non vendono certo gli euro o i dollari che detengono già, sarebbe troppo destabilizzante. Ma implicitamente iniziano a non riconoscere più le grandi valute occidentali come mezzi del tutto sicuri per le loro riserve. […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

I PENTITI E I CONVERTITI DELL’AUTONOMIA – LA LEGA NEL 2001 ERA CONTRARIA ALLA RIFORMA DEL TITOLO V, CHE PERMISE LA NASCITA DEL CONCETTO DI AUTONOMIA E FU VOLUTA DAL CENTROSINISTRA. LO STESSO CHE OGGI SI STRACCIA LE VESTI SULLO “SPACCA-PAESE” – LA PROTESTA È GUIDATA DA ELLY SCHLEIN, CHE DA VICEPRESIDENTE DELL’EMILIA ROMAGNA CHIESE L’ATTUAZIONE DELL’AUTONOMIA PER LA REGIONE – INFINE C’È ROBERTO NAPOLETANO: DA DIRETTORE DEL “QUOTIDIANO DEL SUD” ERA CONTRARISSIMO, ORA, AL “MATTINO”, È DIVENTATO A FAVORE (MIRACOLO DI CALTA…)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO