CONTRORDINE! “ALEXANDRIA” E “SANTORINI” NON HANNO APERTO VORAGINI IN MPS - ALTRO CHE DERIVATI: I FAMIGERATI CONTRATTI “COPRIBUCO” NASCOSTI NELLA CASSAFORTE DI SIENA AVREBBERO INCREMENTATO GLI UTILI DELLA BANCA COME “MINORI ONERI FINANZIARI” FINO AL 2034 E AL 2031 - SAREBBE IL CONTRATTO “NOTA ITALIA” SOTTOSCRITTO CON JP MORGAN, INVECE, IL VERO CAPPIO AL COLLO DA 140 MILIONI…

Condividi questo articolo


Andrea Giacobino per IlMondo.it

MPS LINGRESSO DI ROCCA SALIMBENI SEDE DEL MONTE DEI PASCHI DI SIENAMPS LINGRESSO DI ROCCA SALIMBENI SEDE DEL MONTE DEI PASCHI DI SIENA

Mentre prosegue l'inchiesta dei pm senesi, pare sempre più evidente che i sedicenti "derivati" di Monte dei Paschi di Siena costruiti dall'area finanza proprietaria guidata da Gianluca Baldassarri non hanno causato un buco per la banca. Anzi, come ha evidenziato lo stesso board dell'istituto di Rocca Salimbeni nella nota al termine del cda dello scorso 6 febbraio, per i due contratti denominati Alexandria e Santorini si è trattato, dal punto di vista contabile, di segnare delle perdite nel 2012 (308 milioni per Santorini e 429 milioni per Alexandria) per ritrovarsele poi come maggiori utili annuali negli anni futuri.

monte dei paschi di sienamonte dei paschi di siena

La soluzione contabile è visibile nella tabellina dei minori oneri finanziari: siccome i due contratti non sono derivati, ma dei finanziamenti in pronti contro termine in cui Mps riceve un prestito da Nomura e Deutsche Bank e lo garantisce con i Btp, a una riduzione degli oneri finanziari (che sono un costo per Mps) corrisponde un incremento degli utili. La tabella evidenzia fino al 2015 minori oneri finanziari per Alexandria pari a 48,8 milioni e a 54,4 milioni per Santorini: la stessa tabella, che si ferma al 2015 perché si riferisce al piano industriale, dice però chiaramente che la riduzione di costi (quindi l'emersione di maggiori utili) avviene per tutta la durata dei finanziamenti; cioé per Alexandria fino al 2034 e per Santorini fino al 2031.

jp morganjp morgan

Diverso il discorso per il terzo contratto denominato Nota Italia. Il contratto presenta all'inizio errori di contabilizzazione definiti "trascurabili" dallo stesso nuovo management del Monte. Lo scorso 6 febbraio, però, il cda presieduto da Alessandro Profumo ha deciso di chiudere comunque il rischio sul contratto pagando quindi 140 milioni di euro alla controparte JP Morgan Chase. Questi 140 milioni sono un costo a tutti gli effetti e non un trasporto a utili futuri, come invece nel caso di Alexandria e Santorini: ma sono soldi versati alla controparte per eliminare un rischio di perdita che ci sarebbe stato se e solo se la Repubblica Italiana avesse subito un default e non fosse stata perciò in grado di ripagare i Btp legato al contratto.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING...