DAGOREPORT – SCORPORO TIM: ANDRÀ MAI IN PORTO L'OPERAZIONE KKR? DURO SCAZZO IN CASA BOLLORÉ, PRIMO AZIONISTA DI TIM, SULLA STRATEGIA: GUERRA O TRATTARE? (CON LA TELEFONIA MOBILE SEMPRE MENO REDDITIZIA CHE FUTURO AVRA' TIM?) – ANCHE KKR HA LE SUE GATTE DA PELARE: IL GRANDE SPONSOR DEL FONDO AMERICANO A PALAZZO CHIGI, GAETANO CAPUTI, È DI NUOVO CADUTO IN DISGRAZIA CON LA FIAMMA MAGICA DI SCURTI-FAZZOLARI  – L’OSTILITÀ TRA CAPUTI, AMICO DELL'ADVISOR DI KKR, VITTORIO GRILLI, E IL SOTTOSEGRETARIO BUTTI, CHE HA COME CONSIGLIERE FRANCESCO CAIO…

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

 

VINCENT BOLLORE VINCENT BOLLORE

In molti si chiedono: l’operazione di scorporo della rete Tim, con il fondo americano Kkr, andrà mai in porto? Dopo un anno di scontri, indiscrezioni, retroscena, polemiche, sulla vicenda aleggia ancora più di una nube densa di incertezza.

 

La scorsa settimana, nella sede parigina di Vincent Bolloré, è andato in scena uno duro scazzo nella famiglia del finanziere bretone, su cosa fare con Tim: aprire una guerra o trattare? Forse l’ultimo round di questa battaglia si consumerà nelle prossime riunioni del consiglio di amministrazione dell'ex Telecom.

 

GAETANO CAPUTI GAETANO CAPUTI

Quel che è certo è che Bolloré sta riflettendo seriamente sul valore industriale della Tim presente e futura. Il finanziere bretone si è fatto consegnare i dati del mercato della telefonia mobile, e non solo sull'Italia, ma anche di altri Paesi.

 

I diagrammi che gli sono stati sottoposti sono inequivocabili: la serrata competizione nel settore ha fatto crollare i prezzi delle offerte telefoniche e la relativa redditività.

 

Il dilemma di Bolloré è se Tim-ServiceCo, che è ciò che resterà ai francesi dopo lo scorporo della rete, sarà mai un’azienda in grado di generare guadagni.

 

Anche per Kkr ci sono dei problemi. Il grande promotore dell’affidamento di NetCo, il capo di gabinetto della Presidenza del Consiglio dei ministri, Gaetano Caputi, non vive un momento felice.

 

GIORGIA MELONI AL SENATO GIORGIA MELONI AL SENATO

Fin dall’arrivo dei Fratelli d’Italia a Palazzo Chigi, Caputi aveva avuto vita grama: ideologicamente diffidenti verso coloro che hanno vssuto lontani dalle grotte del Colle Oppio, non era mai scattato il feeling tra la Fiamma Magica di Meloni "detta Giorgia" (Fazzolari-Scurti-Arianna) e un esponente di peso del Deep State svezzato a Via XX Settembre alla corte del grand commis del Mef, Vincenzo Fortunato.

 

Successivamente, messo a disposizione del sottosegretario Fazzolari la sua rete di conoscenze e di rapporti, Caputi è stato “riabilitato” e, nel corso dei mesi, gli sono stati riaffidati vari dossier.  

RETE TIM - FONDO KKR RETE TIM - FONDO KKR

 

Ora, con la storia infinita della Rete Unica al fondo americano Kkr, Caputi è tornato alla casella di inizio: c’è insofferenza verso di lui, che a sua volta sta masticando amaro. Della serie: o mi fanno fare il mio lavoro di capo di gabinetto o me ne vado.

 

L’altalenante fortuna di Gaetano Caputi, grande amico di Vittorio Grilli, presidente di Jp Morgan per l’area euro-mediterranea e consulente di Kkr, si deve anche ai suoi contrasti con il potente sottosegretario all’innovazione tecnologica (con delega alle tlc), Alessio Butti, che ha come suo consulente Francesco Caio, ex ad di Poste e di Saipem.

Fazzolari Meloni Fazzolari Meloni

alessio butti alessio butti

FRANCESCO CAIO FRANCESCO CAIO vittorio grilli vittorio grilli VINCENZO FORTUNATO SCUOLA ECONOMIA VINCENZO FORTUNATO SCUOLA ECONOMIA

 

henry kravis. henry kravis. meloni fazzolari meloni fazzolari

ALESSIO BUTTI GIORGIA MELONI ALESSIO BUTTI GIORGIA MELONI

vincent bollore emmanuel macron vincent bollore emmanuel macron

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – RISIKO BESTIALE A BRUXELLES! URSULA VON DER LEYEN, NONOSTANTE I VETI DEL TRIO TUSK-MACRON-SCHOLZ, S’ALLISCIA LA MELONI PER BLOCCARE I FRANCHI TIRATORI TRA POPOLARI E SOCIALISTI. MA L’INCIUCIONE SARÀ RIVELATO DOPO IL VOTO: SE L’ITALIA INCASSERÀ UN COMMISSARIO DI PESO, FRATELLI D’ITALIA SI SARÀ APPECORONATO ALLA COFANA TEDESCA (E ALLORA SÌ CHE SALVINI E LE PEN INIZIERANNO A CECCHINARE LA “TRADITRICE” GIORGIA) – OCCHIO A MACRON: ANCHE SE INDEBOLITO PER L’AVANZATA DELLE DESTRE IN FRANCIA, DA “ANIMALE FERITO” PUÒ DIVENTARE UNA MINA VAGANTE