IL DECOLLO È RINVIATO (ANCORA) – L’ANTITRUST EUROPEA PRENDE ALTRO TEMPO PER UN SUPPLEMENTO DI INDAGINE SULLA VENDITA DI ITA AIRWAYS A LUFTHANSA: “VOGLIAMO GARANTIRE CHE L’ACQUISIZIONE NON RIDUCA LA CONCORRENZA NEL SETTORE DEL TRAFFICO A CORTO E LUNGO RAGGIO” – A GODERE È SOPRATTUTTO MICHAEL O’LEARY, AD DI RYANAIR: “GLI ITALIANI POSSONO STARE TRANQUILLI, I PREZZI AUMENTERANNO. DI CERTO NON CRESCERANNO LE TRATTE DI ITA. LASCERANNO PIÙ SPAZIO PER NOI…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Giuliano Balestreri per “La Stampa”

 

ita airways 5 ita airways 5

La telenovela della privatizzazione di Ita Airways si arricchisce di una nuova puntata: il supplemento d'indagine dell'Antitrust europea. Tradotto, Bruxelles ha preso altro tempo, fino al 6 giugno, per valutare l'impatto del matrimonio tra l'ex Alitalia e la tedesca Lufthansa sulla concorrenza nei cieli.

 

«Gli italiani possono stare tranquilli, i prezzi aumenteranno, così come i voli verso Monaco e Francoforte. Di certo non cresceranno le tratte di Ita». Michael O'Leary, amministratore delegato di Ryanair, sorride pensando al futuro del mercato italiano ed europeo: «Saranno costretti a cedere slot a Fiumicino e Linate. Quelli di Roma ci interessano, quelli di Milano spero li prendano Wizz Air o Easyjet. Così saranno costretti ad aumentare i prezzi e a liberare Malpensa, lasciando più spazio per noi».

margrethe vestager margrethe vestager

 

Una nota della responsabile Ue per la Concorrenza, Margrethe Vestager, spiega che la Commissione intende «valutare più nel dettaglio l'operazione e garantire che l'acquisizione di Ita non riduca la concorrenza nel settore del traffico a corto e a lungo raggio e non comporti un aumento dei prezzi, una minore disponibilità o una qualità inferiore dei servizi da e verso l'Italia».

 

ITA AIRWORTH - MEME BY EMILIANO CARLI ITA AIRWORTH - MEME BY EMILIANO CARLI

Uno scenario inevitabile secondo O'Leary che però dovrebbe essere compensato dalla crescita di Ryanair: «Le tariffe di Ita e Lufthansa saliranno e ci sarà meno traffico. Inoltre, Easyjet, Vueling e Wizz Air tagliano le rotte sul mercato domestico mentre noi le aumentiamo: in 5 anni passeremo da 60 a 90 milioni di passeggeri. Grazie a prezzi più bassi rispetto alla concorrenza».

 

La decisione di Bruxelles non ha sorpreso il ministero del Tesoro, proprietario al 100% di Ita in attesa di cedere a Lufthansa il 41% del capitale: in via XX Settembre si dava per scontato che il processo non si sarebbe concluso in fase uno e, anzi, qualcuno coglie come positivo la decisione della Commissione Ue di anticipare la chiusura della prima fase.

lufthansa lufthansa

 

Motivo per cui c'è la speranza di arrivare a un via libera «prima del 6 giugno in modo da supportare sviluppo e crescita di Ita Airways anche in vista della stagione estiva» dice una nota del Tesoro. […] Dai palazzi della politica, però, filtra ottimismo.

 

Anche perché fin dalla nascita di Ita, a novembre 2020, il piano industriale prevedeva la ricerca di un partner industriale che subentrasse al Tesoro. Proprio per non ripetere gli errori di Alitalia e per evitare di tenere in vita una nuova compagnia aerea solo con i soldi pubblici. E, dopo la fase di lancio, a inizio 2022 è partito il processo di privatizzazione con i primi abboccamenti di Lufthansa che in cordata con Msc voleva rilevare la compagnia.

 

giancarlo giorgetti ad atreju 5 giancarlo giorgetti ad atreju 5

Dopo il ritiro di Msc si fece avanti il fondo Certares, senza far mai decollare la trattativa nonostante l'esclusiva: a maggio 2023, poi, la firma dell'accordo tra il Mef e Lufthansa. Per ora la cassa di Ita non preoccupa, ma con il passare dei mesi la liquidità è destinata a scendere ed è escluso che il governo ricorra a un nuovo prestito ponte.

 

Quanto a Lufthansa, la società «continuerà a lavorare a stretto contatto e in modo costruttivo con la Commissione in questo processo per una rapida conclusione dell'esame e la successiva realizzazione dell'investimento». L'azienda continua a «credere fermamente» che la procedura «sarà autorizzata» e Ita diventerà «una parte complementare e importante del sistema multi-hub» del gruppo. […]

michael o leary michael o leary ARTICOLO DI HANDELSBLATT SULL OPERAZIONE ITA - LUFTHANSA ARTICOLO DI HANDELSBLATT SULL OPERAZIONE ITA - LUFTHANSA ita airways 2 ita airways 2 michael o leary michael o leary ita airways 1 ita airways 1 GIANCARLO GIORGETTI A DAVOS GIANCARLO GIORGETTI A DAVOS il personale della lufthansa il personale della lufthansa ita airways 3 ita airways 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…