DIETROFRONT! DOPO ANNI DI LACRIME E SANGUE (PER GLI ALTRI), ANCHE I TEDESCHI RINNEGANO L’AUSTERITY - IL QUOTIDIANO ECONOMICO “HANDELSBLATT” OGGI OSPITA UN’INTERVISTA AL CAPO ECONOMISTA DEL FMI GITA GOPINATH, CHE METTE SOTTO ACCUSA IL RIGORISMO DEI PAESI DEL NORD: “SPINGERE I GOVERNI A RIDURRE I DEBITI PER RISPETTARE LE VECCHIE REGOLE SAREBBE CONTROPRODUCENTE. L’UE DEVE FARE ATTENZIONE: UN’EVENTUALE POLITICA DI AUSTERITÀ POTREBBE DANNEGGIARE LA RIPRESA ECONOMICA”

-

Condividi questo articolo


GITA GOPINATH CONTRO L'AUSTERITA SU HANDELSBLATT GITA GOPINATH CONTRO L'AUSTERITA SU HANDELSBLATT

(ANSA) - Durante la pandemia è aumentato il debito pubblico e ora "spingere i governi a ridurre molto velocemente questi debiti per rispettare le vecchie regole sarebbe controproducente": lo dice la capo economista del Fondo monetario internazionale Gita Gopinath nell'articolo di apertura del principale quotidiano economico in Germania, Handelsblatt, in edicola stamani.

 

Queste regole sul debito in Europa, tra cui il patto di stabilità, devono essere riformate, sostiene Gopinath. "La Ue dovrebbe guardare con attenzione ai criteri di indebitamento e fare attenzione a quanto segue nella discussione di un nuovo quadro: che l'applicazione delle regole precedenti è stata debole, che un'eventuale politica di austerità potrebbe danneggiare la ripresa economica e che i tassi di interesse sono stati piuttosto bassi per un lungo periodo di tempo".

schauble MERKEL schauble MERKEL PROTESTE IN GRECIA CONTRO L AUSTERITY PROTESTE IN GRECIA CONTRO L AUSTERITY mario draghi angela merkel 4 mario draghi angela merkel 4 Gita Gopinath Gita Gopinath PROTESTE IN GRECIA CONTRO L AUSTERITY PROTESTE IN GRECIA CONTRO L AUSTERITY ateniesi pro governo contro austerita non siamo colonia di merkel ateniesi pro governo contro austerita non siamo colonia di merkel ateniesi pro governo contro austerita ateniesi pro governo contro austerita

 

Condividi questo articolo

business

FUMATA NERISSIMA - SALTA L’AGGREGAZIONE TRA MPS E UNICREDIT: IL GOVERNO, CHE ATTRAVERSO IL MINISTERO DELL’ECONOMIA SI È RITROVATO AZIONISTA DELLA BANCA SENESE CON UNA QUOTA MAGGIORITARIA DEL 64% DOPO AVERNE EVITATO IL DEFAULT, SI PREPARA A INTERROMPERE IL NEGOZIATO CON IL GRUPPO MILANESE - LA RAGIONE DELLO STOP STAREBBE NELL’IMPOSSIBILITÀ DEL DICASTERO DI SODDISFARE LA RICHIESTE DI UNICREDIT SU UNA RICAPITALIZZAZIONE DA OLTRE 7 MILIARDI: “SFORZO FINANZIARIO TROPPO PUNITIVO PER I CONTRIBUENTI…”