DOLCE&GABBANA LANCIA UN NUOVO LOOK PER LA STAGIONE AUTUNNO-INVERNO: FISCO-STYLE - LA PROCURA DI MILANO ACCUSA I DUE STILISTI MAXIEVASIONE FISCALE SU UN IMPONIBILE DI CIRCA UN MILIARDO, CON RELATIVA IPOTESI DI TRUFFA AI DANNI DELLO STATO, LEGATA ALLA VICENDA DI UNA PRESUNTA \"ESTEROVESTIZIONE\" DELLA CAPOGRUPPO D&G - (LANCIATA IERI SERA DA RADIOCOR, LA NOTIZIA RIMBALZA SOLO SU \"CORRIERE\" E \"IL GIORNALE\" - GLI INVESTIMENTI PUBBLICITARI SONO SEMPRE STATI UN \"DETERRENTE\" PER LA STAMPA)

Condividi questo articolo


DolceDolce Gabbana DolceDolce Gabbana

1- DOLCE&GABBANA: PER LA PROCURA DI MILANO EVASI CIRCA 1 MLD DI IMPONIBILE
Radiocor -
Il gruppo di moda Dolce&Gabbana avrebbe evaso circa 1 miliardo di euro di imponibile. Questa la cifra emersa dagli accertame nti fatti dalla Guardia di Finanza nell\'ambito dell\'indagine condotta dal pm Laura Pedio arrivata oggi a conclusione. Nell\'inchiesta della procura di Milano risultano indagate sette persone, tra le quali i due stilisti creatori del gruppo, Domenico Dolce e Stefano Gabbana.

2 - DOLCE EVASIONI
Giuseppe Guastella per il Corriere della Sera

La prima notizia non fa piacere ai celeberrimi stilisti siciliani Domenico Dolce e Stefano Gabbana, la seconda fa drizzare le orecchie agli oltre 60mila dottori commercialisti italiani: chiudendo l\'inchiesta per una maxievasione fiscale su un imponibile di circa un miliardo, con relativa ipotesi di truffa ai danni dello Stato, legata alla vicenda di una presunta «esterovestizione» della capogruppo D&G, la Procura di Milano ha inserito tra gli indagati anche il consulente che collaborò alla costruzione dell\'impalcatura societaria.

volantinvolantin o contro il ventennale di dolce e gabbana

Secondo il sostituto procuratore Laura Pedio, il trasferimento formale di una società in un paese straniero, come un paradiso fiscale, con il solo scopo di pagare meno tasse in Italia, dove però l\'azienda continua ad operare regolarmente, può essere ritenuto un «artificio o raggiro» che concretizza il reato di truffa ai danni dello Stato. Reato cui concorrono coloro che hanno avuto un ruolo nella esterovestizione, come il commercialista che ha fornito il proprio contributo professionale.

dolce&gabbanadolce&gabbana

Nel 2007 le indagini della Guardia di finanza di Milano accertarono che tre anni prima la Dolce & Gabbana aveva trasferito la sede in Lussemburgo. Il corredo dei marchi della maison, che garantiscono royalties per milioni e milioni di euro, fu ceduto alla «Gado sarl» (acronimo di Gabbana e Dolce), controllata dalla Dolce & Gabbana Luxembourg per 360 milioni.

Secondo il pm Pedio, però, si tratta di una stima eccessivamente al ribasso e, dato che i brand della maison fondata nel 1985 non valevano meno di 700 milioni, l\'operazione aveva consentito un risparmio notevole sulle imposte da pagare per il profitto realizzato. Un altro risparmio importante sarebbe stato realizzato con il trasferimento societario in Lussemburgo, dove il prelievo fiscale sui profitti è intorno al 3%.

L\'avviso di conclusione delle indagini prelude alla richesta di rinvio a giudizio ed è stato notificato ieri dalla Gdf ai sette indagati. L\'accusa di «dichiarazione dei redditi infedele» (articolo 4 del decreto 74/2000) riguarda solo Domenico Dolce e Stefano Gabbana per un imponibile di 416milioni di euro ciascuno (cui si aggiungono circa 200 milioni di imponibile riferibile alla società).

dolcedolce e gabbana fotografati da Steven Klein per \"W\"

L\'ipotesi di truffa ai danni dello stato, oltre che ai due stilisti assistiti dall\'avvocato Massimo Dinoia, è contestata anche ad Alfonso Dolce, fratello di Domenico e socio di minoranza, ai due manager Cristiana Ruella e Giuseppe Minoni, alla lussemburghese Antoine Noella, ritenuta una prestanome, e al consulente fiscale Luciano Patelli.

dolcedolce e gabbana fotografati da Steven Klein per \"W\"

Le società furono riportate in Italia nel 2007 perché, come si leggeva nella relazione al bilancio chiuso al 31 marzo 2008, gli amministratori ritenevano che così avrebbero potuto «tutelare al meglio l\'immagine del gruppo», anche se erano «ampiamente resistibili le stesse contestazioni, data l\'effettiva residenza lussemburghese della società».

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...

FLASH! – LA RAI CHE VERRÀ? ECCOLA! IERI, IN PRIMA SERATA SU RAI3, “IL PROVINCIALE” CONDOTTO DA FEDERICO QUARANTA, HA COINVOLTO LA MISERIA DI 493.000 SPETTATORI E IL 2.8% DI SHARE (PEGGIO PURE DI NUNZIA DE GIROLAMO) - TRATTASI DEL PROGRAMMA-SIMBOLO DI ANGELO MELLONE, DIRETTORE DELL'INTRATTENIMENTO DAY TIME - UN TIPINO PERBENE, ANZI PERBENITO, CAPACE DI TUTTO: SCRITTORE, CANTANTE, POETA, REGISTA. NONCHÉ CANDIDATO A FARE IL DIRETTORE GENERALE O FICTION UNA VOLTA CHE LA DUCETTA INNALZERÀ IL SUO PRETORIANO GIAMPAOLO ROSSI AD AMMINISTRATORE DELEGATO…