IL DOMINIO DEL DOLLARO È FINITO – VLADIMIR PUTIN SI È IMPEGNATO CON XI JINPING AD ADOTTARE IL RENMINBI, LA MONETA CINESE, PER I PAGAMENTI, E ANCHE BIN SALMAN HA ANNUNCIATO CHE L’ARABIA SAUDITA INIZIERÀ A FATTURARE IN YUAN LE ESPORTAZIONI DI PETROLIO VERSO PECHINO. RISULTATO? NEI PROSSIMI ANNI POTREBBE EMERGERE UN MONDO VALUTARIO “MULTIPOLARE”, CHE POTREBBE ESSERE UNO CHOC PER GLI STATI UNITI, ABITUATI A COMANDARE CON IL BIGLIETTO VERDE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo del “Financial Times” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

yuan dollaro 1 yuan dollaro 1

Il dollaro USA domina ancora i mercati del debito, ma alcuni dati di nicchia suggeriscono che le cose potrebbero cambiare

 

Questo mese, la Russia e la Cina stanno suscitando nuovi timori a Washington. Ciò è dovuto principalmente alle loro esibizioni di unità diplomatica, gestite in modo scenografico, intorno all'Ucraina e a molto altro. Scrive il Financial Times.

 

Ma è anche una questione di soldi: durante la visita di Xi Jinping a Mosca la scorsa settimana, Vladimir Putin si è impegnato ad adottare il renminbi per "i pagamenti tra la Russia e i Paesi dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina", nel tentativo di sostituire il dollaro.

 

XI JINPING VLADIMIR PUTIN MEME BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA XI JINPING VLADIMIR PUTIN MEME BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA

Questo avviene mentre Mosca sta già utilizzando sempre più il renminbi per i suoi crescenti scambi commerciali con la Cina e lo sta adottando nelle sue riserve della banca centrale, per ridurre la sua esposizione agli asset "tossici" americani.

 

È importante? Fino a poco tempo fa, la maggior parte degli economisti occidentali avrebbe detto "diamine, no". Dopo tutto, da tempo si presume che la natura chiusa del conto capitale della Cina sia un ostacolo a un uso più ampio della sua valuta.

 

Ma in questo momento l'annuncio di Putin ha un peso insolitamente emotivo. Uno dei motivi è che si teme che le turbolenze bancarie statunitensi di questo mese, l'inflazione e l'incombente battaglia sul tetto del debito rendano meno attraenti gli asset basati sul dollaro. "Il dollaro viene svilito per finanziare i salvataggi bancari", ha tuonato questa settimana Peter Schiff, economista libertario, facendo eco a un'opinione diffusa nella destra americana.

 

xi jinping joe biden al g20 di bali 3 xi jinping joe biden al g20 di bali 3

Nel frattempo, Jim O'Neill, l'ex economista di Goldman Sachs che ha lanciato l'etichetta "Brics" (abbreviazione del blocco brasiliano, russo, indiano e cinese), ha pubblicato questa settimana un documento in cui sostiene che "il dollaro gioca un ruolo troppo dominante nella finanza globale" e invita i mercati emergenti a ridurre i loro rischi.

 

Ma l'altro fattore di inquietudine è che, ancor prima della visita di Xi a Mosca, il governo saudita ha annunciato che inizierà a fatturare in renminbi alcune esportazioni di petrolio verso la Cina. Inoltre, la Francia ha appena effettuato la sua prima vendita di gas naturale liquido in renminbi e il Brasile ha adottato questa valuta per alcuni dei suoi scambi commerciali con la Cina.

yuan dollaro 2 yuan dollaro 2

 

Non c'è assolutamente alcun segno che questi gesti simbolici stiano danneggiando il biglietto verde in questo momento. È vero che la quota del dollaro nelle riserve globali è scesa dal 72% del 1999 al 59%, poiché le banche centrali diversificano sempre più i loro fondi di investimento e abbandonano i vincoli valutari. È anche vero che l'avvento delle valute digitali all'ingrosso (da banca a banca) delle banche centrali potrebbe teoricamente accelerare questa diversificazione, rendendo più facile per le banche centrali non americane trattare direttamente tra loro nelle proprie valute.

 

yuan dollaro 3 yuan dollaro 3

Ma il dollaro domina ancora i mercati del debito e il volume di dollari detenuti all'estero è aumentato in questo secolo. Un dettaglio sorprendente e trascurato delle turbolenze di questo mese è che la valuta ha mantenuto la sua "forza quasi record rispetto alle valute del G10 e dei mercati emergenti", come ha recentemente twittato Robin Brooks, capo economista dell'Institute for International Finance.

 

xi jinping mohammed bin salman xi jinping mohammed bin salman

In effetti, durante la recente crisi, così tanti investitori globali hanno voluto accaparrarsi il biglietto verde che la Federal Reserve ha lanciato un programma di swap giornalieri con altre banche centrali. "Questo maggiore utilizzo delle linee di swap sul dollaro, ironicamente, rafforzerà ulteriormente il sistema globale del dollaro e i suoi potenti effetti di rete", prevede David Beckworth, ricercatore presso il Mercatus Center della George Mason University.

 

In altre parole, il dollaro potrebbe non meritare di vincere alcun concorso di bellezza in questo momento, visti i problemi fiscali che affliggono l'America, ma molti investitori lo considerano ancora l'opzione meno brutta in un mondo molto brutto, grazie a questo effetto di rete e al fatto che i mercati dei capitali dell'euro e del renminbi sono, rispettivamente, poco profondi e chiusi.

 

dollaro dollaro

Tuttavia, prima che qualcuno concluda che questo significa che si può ignorare completamente la minaccia di Putin, dovrebbe dare un'occhiata ad alcune interessanti ricerche sulla fatturazione commerciale pubblicate lo scorso anno dal Centre for Economic Policy Research.

 

Un decennio fa si riteneva che un altro fattore alla base del dollaro fosse la "vischiosità" dei modelli di fatturazione commerciale, come ha osservato Gita Gopinath, vice direttore del FMI. Ma il documento del CEPR suggerisce che questa situazione si stia lentamente modificando: con l'espansione del commercio cinese negli ultimi anni, è aumentato anche l'uso del renminbi.

 

XI JINPING E VLADIMIR PUTIN - QUASI AMICI - BY EDOARDO BARALDI XI JINPING E VLADIMIR PUTIN - QUASI AMICI - BY EDOARDO BARALDI

Tanto che ora supera l'uso dell'euro per la fatturazione commerciale, il che è "sorprendente, dato il basso grado di apertura del conto capitale della Cina", afferma il CEPR. E sostiene che "contrariamente alla saggezza convenzionale, la mancanza di apertura del conto capitale potrebbe non impedire del tutto al renminbi di svolgere un ruolo più forte come valuta internazionale e di riserva".

 

Dopotutto, osserva il CEPR, è già emerso un mercato offshore del renminbi da 200 miliardi di dollari e la valuta viene "utilizzata per la fatturazione e il regolamento del commercio estero e dei pagamenti della Cina" e per "una rete globale di compensazione e pagamenti".

dollari dollari

 

Il risultato netto, prevede il CEPR, è che nei prossimi anni potrebbe emergere un mondo valutario "multipolare", del tipo auspicato da O'Neill. Non sarebbe un cambiamento così drammatico come Putin o Xi vorrebbero vedere, o come temono gli allarmisti di Washington.

 

Ma, a mio avviso, sembra una scommessa sensata a medio termine. E anche un "semplice" modello multipolare potrebbe essere uno shock per i politici americani, visto quanto gli Stati Uniti hanno bisogno di finanziamenti esterni. Quindi, sia gli investitori che i politici dovranno tenere d'occhio i dettagli della fatturazione commerciale nei prossimi mesi. Le spacconate di Putin potrebbero rivelarsi inutili, ma potrebbero anche essere una goccia che fa traboccare il vaso.

dollaro digitale dollaro digitale euro dollaro euro dollaro

yuan dollaro yuan dollaro

xi jinping mohammed bin salman 2 xi jinping mohammed bin salman 2 la crisi del dollaro la crisi del dollaro

XI JINPING VLADIMIR PUTIN 3 XI JINPING VLADIMIR PUTIN 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...