DONNARUMMA PRENDE I SOLDI E SCAPPA – L’EX AD DI TERNA, GIÀ COCCO DI MELONI RIMASTO CON UN PUGNO DI POLVERE DALLA PARTITA DELLE NOMINE, SI CONSOLA CON LA BUONUSCITA: IN TOTALE HA INCASSATO PIÙ DI 6,5 MILIONI DI EURO – IL TFR DA CEO ERA 108.750 EURO, A CUI VA AGGIUNTA L’INDENNITÀ COMPENSATIVA DI 4,5 MILIONI DA DIRETTORE GENERALE. I RESTANTI 2 MILIONI (POCO MENO) SONO ARRIVATI DALLA VENDITA DELLE AZIONI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Andrea Deugeni per “MF – Milano Finanza”

 

STEFANO DONNARUMMA STEFANO DONNARUMMA

Alla fine la […] buonuscita per Stefano Donnarumma è arrivata, […] a cui l’ex amministratore delegato di Terna ha subito aggiunto la vendita di parte delle azioni ricevute per il Piano di Performance Share della società che gestisce la rete elettrica nazionale. In tutto fanno oltre 6,5 milioni di euro.

 

Per il suo triennio sulla poltrona di ceo di Terna l’ingegnere milanese ha ricevuto infatti un trattamento di fine mandato di 108.750 euro lordi, mentre per la carica di direttore generale ha incassato un’indennità compensativa di 4.563.250 euro, sempre lordi.

STEFANO DONNARUMMA STEFANO DONNARUMMA

 

In più […] il 9 maggio - giorno in cui l’assemblea di Terna ha sancito la sua uscita dal gruppo - Donnarumma ha ottenuto […] 281.200 azioni ordinarie nell'ambito del piano di assegnazione gratuita di titoli Terna.  Un pacchetto di cui il top manager ha monetizzato in più tranche 237.449 titoli a un prezzo medio di 7,88 euro. Questa cessione gli ha permesso di portare a casa altri 1,87 milioni.

GIORGIA MELONI E LE NOMINE BY MACONDO GIORGIA MELONI E LE NOMINE BY MACONDO STEFANO DONNARUMMA STEFANO DONNARUMMA stefano donnarumma stefano donnarumma STEFANO DONNARUMMA STEFANO DONNARUMMA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING... 

FLASH! - FACILE FARE I PATRIOTI CON LE CHIAPPE ALTRUI – INDOVINATE CHE AUTO GUIDA ADOLFO URSO, IL MINISTRO CHE PER DIFENDERE L'ITALIANITÀ HA “COSTRETTO” ALFA ROMEO A CAMBIARE NOME DA “MILANO” A “JUNIOR”? UN PRODOTTO DELL’INDUSTRIA MADE IN ITALY? MACCHÉ: NELLA SUA DICHIARAZIONE PATRIMONIALE, SPUNTANO UNA VOLKSWAGEN T-CROSS E UNA MENO RECENTE (MA SOSTENIBILE) TOYOTA DI INIZIO MILLENNIO. VEDIAMO IL LATO POSITIVO: ALMENO NON SONO DEL MARCHIO CINESE DONFGENG, A CUI VUOLE SPALANCARE LE PORTE...

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...