ENEL AD ALTISSIMA TENSIONE – IL FONDO COVALIS ATTACCA FRONTALMENTE ASSOGESTIONI: “SIAMO IN DISACCORDO CON LA PRASSI DI NON PROPORRE UN PRESIDENTE INDIPENDENTE CHE RAPPRESENTI TUTTI GLI AZIONISTI E FACCIA DA CONTRAPPESO AL MANAGEMENT. ABBIAMO PARLATO CON NUMEROSI AZIONISTI, CHE SONO SINCERAMENTE DELUSI DALL'ASSENZA DI QUALSIASI DICHIARAZIONE PUBBLICA SULLA GOVERNANCE…”

-

Condividi questo articolo


ZACH MECELIS ZACH MECELIS

(MF-NW) - Covalis attacca frontalmente Assogestioni stigmatizzando il suo comportamento nella partita per il rinnovo del Cda di Enel. In una lettera inviata agli azionisti di Enel e agli altri investitori, che MfNewswires ha potuto leggere, Zach Mecelis, fondatore e Cio del Fondo Covalis, ha attaccato Assogestioni e la sua politica in tema di nomine assembleari.

 

Covalis, si legge nella lettera, "desidera avviare un dibattito costruttivo sull'importanza delle questioni di governance per le societa' quotate europee". Mecelis, fondatore e Cio di Covalis Capital, ha prima spiegato che "il MEF italiano ha storicamente seguito il proprio processo di nomina dei membri del Cda. Covalis ritiene che la nomina dell'amministratore delegato debba rappresentare il punto di vista di tutti gli azionisti attraverso un processo trasparente.

 

PAOLO SCARONI FLAVIO CATTANEO PAOLO SCARONI FLAVIO CATTANEO

Allo stesso tempo, Covalis vuole ricordare agli investitori l'importanza di avere un presidente indipendente come garanzia per tutti gli investitori istituzionali". Dopo questo preambolo Covalis ha iniziato a dettagliare le critiche ad Assogestioni. "I gruppi industriali attualmente operanti in Italia", si legge nella missiva, "tra cui Assogestioni, non hanno commentato la necessita' di avere dei presidenti indipendenti che supervisionino i consigli di amministrazione, e non hanno espresso preoccupazione per la mancanza di un dibattito sui processi e le pratiche di governance.

 

MARCO MAZZUCCHELLI MARCO MAZZUCCHELLI

Covalis e' fondamentalmente in disaccordo con la prassi di Assogestioni di non proporre un presidente indipendente che rappresenti tutti gli azionisti e faccia da contrappeso al management. Alcuni grandi azionisti di spicco hanno hanno espresso pubblicamente la loro preferenza per un presidente indipendente per Enel".

 

Mecelis ha poi aggiunto che "Covalis ha parlato con numerosi azionisti, che sono sinceramente delusi dall'assenza di qualsiasi dichiarazione pubblica da parte di Assogestioni sulla governance e sui temi ESG di base e sull'importanza di un presidente indipendente. Covalis ritiene che i gestori di investimenti che professano forti valori di governance abbiano il dovere di prendere le proprie decisioni di voto in linea con i propri valori, garantendo presidenti del Consiglio di amministrazione indipendenti e una maggioranza di amministratori indipendenti".

 

Covalis spiega poi che "la complessita' del sistema italiano del voto di lista" potrebbe avere come la conseguenza di non vedere eletto alla presidenza della piu' grande societa' italiana quotata in borsa un presidente non indipendente. Gli investitori che sostengono l'elezione di Marco Mazzucchelli a presidente indipendente devono votare anche per la lista di Covalis, altrimenti Mazzucchelli non potra' essere candidato alla presidenza.

 

PAOLO SCARONI ENEL PAOLO SCARONI ENEL

Un voto per la lista di Assogestioni che non includa un candidato alla presidenza potrebbe avere la conseguenza di non riuscire a nominare nel Consiglio di amministrazione l'unico candidato alla presidenza presentato come indipendente. In una call programmata per il prossimo 27 maggio, Mecelis presentera' ai colleghi investitori l'opportunita' di lanciare una nuova associazione per promuovere i valori degli azionisti e le pratiche di governance. " chiaro - ha concluso - che molti dei nostri colleghi investitori vorrebbero vedere la creazione di una piattaforma indipendente e orientata agli investitori per esprimere le loro preoccupazioni, prospettive e aspirazioni".

PAOLO SCARONI PAOLO SCARONI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP