FALCHI VOLTEGGIANO SUL MONTE – IN VISTA DELL'AUMENTO DI CAPITALE DA 2,5 MILIARDI DI EURO DI METÀ OTTOBRE, È SCATTATO IL RAGGRUPPAMENTO DELLE AZIONI DEL MONTE DEI PASCHI DI SIENA. E IL TITOLO, POCO LIQUIDO E PREDA DEGLI SPECULATORI, NON È RIUSCITO A FARE PREZZO. COSÌ LA BORSA HA IMPOSTO UN DIVIETO DI IMMISSIONE DI ORDINI SENZA LIMITE DI PREZZO PER AGEVOLARE GLI SCAMBI – INTANTO IL CEO LOVAGLIO HA RICEVUTO L’ENDORSMENT DA FRATELLI D'ITALIA: “HA L'ESPERIENZA PER GESTIRE L'AUMENTO DI CAPITALE”

-

Condividi questo articolo


monte dei paschi di siena monte dei paschi di siena

1 – MPS: AZZERA I RIBASSI IN BORSA E RISALE SOPRA I 30 EURO

(ANSA) – Mps azzera i ribassi a Piazza Affari dopo due giorni di alta volatilità sul listino milese, seguiti al raggruppamento delle azioni. Il titolo dell'istituto senese cede lo 0,6% a 30,35 euro dopo che nei primi intermittenti scambi, seguiti al divieto di immissione di ordini senza limite di prezzo, era arrivato a perdere fino al 23%.

 

 

2 – SCHIAFFO IN BORSA AL MONTEPASCHI. POCHI ORDINI DI VENDITA, GIÙ DEL 34%

Daniela Polizzi per il “Corriere della Sera”

 

È scattato il raggruppamento delle azioni del Monte dei Paschi di Siena, secondo il percorso annunciato dal ceo Luigi Lovaglio nell'assemblea del 15 settembre che ha approvato l'aumento di capitale da 2,5 miliardi. Ma il nuovo titolo dell'istituto - risultato dell'attribuzione di un'azione ogni cento possedute - non è riuscito tutto il giorno a realizzare scambi a Piazza Affari, registrando, al termine della seduta, un «calo teorico» del 34,5%, senza indicazione di prezzo, se non quello (teorico) di 19,98 euro.

 

LUIGI LOVAGLIO LUIGI LOVAGLIO

Così Borsa Italiana ha deciso che oggi, - «fino a successivo provvedimento sulle azioni ordinarie di Banca Mps» -, non sarà consentita l'immissione di ordini senza limite di prezzo. Obiettivo, frenare l'attività speculativa e limitare il rischio di oscillazione troppo elevata di un titolo «sottile», cioè poco liquido e volatile dopo il raggruppamento delle azioni.

 

Ieri, secondo quanto emerge, sarebbero infatti bastati ordini di vendita di piccola taglia «al meglio», cioè senza limite di prezzo, pari a circa 450 mila euro, per bloccare il titolo. E domanda e offerta così non si sono incontrate.

 

MONTE DEI PASCHI DI SIENA MONTE DEI PASCHI DI SIENA

Ieri il ceo Lovaglio ha intanto ricevuto il primo endorsment da parte di Fratelli d'Italia, il primo partito alle politiche. «Abbiamo fiducia in lui, può gestire l'operazione. Ha l'esperienza e può realizzare» l'aumento, ha detto a Reuters Maurizio Leo, responsabile economico di Fratelli d'Italia.

 

La giornata è iniziata con l'esecuzione del raggruppamento delle azioni ordinarie previo annullamento di 87 titoli per consentire la quadratura complessiva dell'operazione senza modifiche del capitale sociale. Il punto di partenza era il prezzo del titolo di venerdì 23 settembre, pari a 0,30 euro diventati 30,52 euro dopo il raggruppamento. Tutti teorici, visto che quello è un valore che Mps ieri non ha mai raggiunto.

 

Oggi il Monte si confronterà di nuovo con il mercato al quale però Borsa Italiana ha imposto un percorso stretto. Secondo alcuni operatori di mercato non si tratterebbe di una situazione anomala per una banca che va verso un aumento - pur garantito per 1,6 miliardi dal Mef, azionista con il 64,2% - che si profila molto diluitivo, visto che il listino valorizza la banca 300 milioni, almeno fino a venerdì.

 

luigi lovaglio 1 luigi lovaglio 1

Chi sottoscriverà l'aumento scommette sulla ripresa grazie al rialzo dei tassi ma soprattutto sull'attrattività della banca in vista di una futura aggregazione con un'altra banca italiana e dell'uscita del Mef post aumento. Lovaglio stringe i tempi e continua i sondaggi sul mercato (in questi giorni la bozza del prospetto è all'esame Consob), chiamato a sottoscrivere 900 milioni. Si tratta di contatti che coinvolgerebbero anche investitori come casse e fondi pensione, oltre a quelli internazionali con i nomi dei partner industriali Anima e Axa.

luigi lovaglio 2 luigi lovaglio 2 MONTE DEI PASCHI DI SIENA MONTE DEI PASCHI DI SIENA MONTE DEI PASCHI DI SIENA MPS MONTE DEI PASCHI DI SIENA MPS

 

Condividi questo articolo

business

TANTO PER CAMBIARE, IL GOVERNO FA UN ALTRO REGALO AI RICCHI – PER TROVARE SOLDI PER FINANZIARE LA MANOVRA, SARÀ OFFERTA AI RISPARMIATORI UN’OCCASIONE GOLOSA: TUTTI COLORO CHE DETENGONO PATRIMONI NEI FONDI O IN CERTE POLIZZE ASSICURATIVE ASSOLVONO A OGNI RICHIESTA DEL FISCO, PRESENTE O FUTURA, PAGANDO IL 14%, E NON PIÙ IL 26% PREVISTO DALLA LEGGE,  SU QUANTO GUADAGNATO CON L’INVESTIMENTO FATTO. BASTERÀ VERSARE TUTTO ENTRO SETTEMBRE PER ESSERE A POSTO E ASSOLVERE OGNI RICHIESTA DEL FISCO, PRESENTE E FUTURA...