LA FUSIONE ILIAD-VODAFONE POTREBBE ESSERE UNA BUONA NOTIZIA PER TIM – UN EVENTUALE CONSOLIDAMENTO PORTEREBBE A UNA RIVALUTAZIONE DELLA PARTE RELATIVA AI SERVIZI DELL’EX MONOPOLISTA (QUELLA PIÙ DEBOLE NELLA FUTURA SCISSIONE), NEUTRALIZZANDO L’OPA DA 50 CENTESIMI AD AZIONE DI KKR, E AGEVOLANDO CDP NELLO SCAMBIO CON VIVENDI PER LA RETE – INTANTO IL NEO AD LABRIOLA, CON UN VIDEO AI DIPENDENTI, LA BUTTA SUL SENTIMENTALE E RACCONTA LA SUA STORIA FAMILIARE: “MIA MADRE HA LAVORATO PER ANNI COME OPERATRICE DEL CALL CENTER. PER ME È UN ONORE RICOPRIRE QUESTO INCARICO”

-

Condividi questo articolo


Francesco Spini per "La Stampa"

 

iliad vodafone 1 iliad vodafone 1

Meno pressione nella concorrenza e una possibile tregua nella guerra dei prezzi. Un'eventuale fusione tra le attività italiane di Vodafone e Iliad - se i primi contatti dovessero condurre a qualcosa di concreto - potrebbe portare vantaggi anche al loro avversario numero uno: Tim.

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

Gli effetti del consolidamento finirebbero per rivalutare fin da subito la parte considerata di gran lunga più debole nella futura scissione dell'ex monopolista, ovvero quella relativa ai servizi. Uno scenario più favorevole, grazie alla fusione dei concorrenti, ne alzerebbe le valutazioni prospettiche.

dario scannapieco dario scannapieco

 

Questo - secondo alcune interpretazioni - potrebbe, tanto per cominciare, mettere fuori gioco i 50,5 centesimi che il fondo americano Kkr ha comunicato di voler offrire - nella sua eventuale Opa - per ciascuna azione Tim, frutto di calcoli che valorizzano la parte servizi secondo il vecchio scenario competitivo.

 

iliad vodafone iliad vodafone

Nel caso per restare in partita il fondo potrebbe essere costretto a un rilancio. In più una rivalutazione della parte servizi grazie a prospettive migliori del previsto potrebbe agevolare Cdp quando si tratterà di scambiare con Vivendi le azioni che avrà nella ServiceCo con quelle della società di rete (NetCo), ovvero la parte che interessa al braccio finanziario del Tesoro.

vincent bollore vincent bollore

 

Quella che poi porterà a fondere con Open Fiber, di cui Cdp ha già il 60% del capitale, creando così la rete unica. Insomma, le indiscrezioni circolate nel fine settimana sulla combinazione italiana tra Vodafone e Iliad rischiano - se si confermeranno in passi concreti - di condizionare tutto lo scacchiere delle telecomunicazioni, a cominciare da Tim.

 

Intanto l'amministratore delegato Pietro Labriola, fresco di nomina, attraverso un video punta a motivare i dipendenti del gruppo. Si dice «emozionato» perché «è un onore, e al tempo stesso un orgoglio, poter ricoprire quest' incarico per una persona che, come voi, lavora in quest' azienda da 22 anni».

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

Punta al cuore dei colleghi raccontando la sua storia familiare. «Mia madre - dice - ha lavorato per anni come operatrice del call center in Tim, al servizio 12 come al servizio 10». Afferma quindi «da figlio» di sapere «cosa vuol dire avere la mamma che lavora» su turni e pure «a Natale, a Capodanno».

 

henry kravis henry kravis

Quanto a Tim «la situazione non è certamente semplice», ammette, ma «insieme possiamo risolvere qualunque problema, qualsiasi complessità ha sempre delle soluzioni». Nel video Labriola accenna anche alla nuova strategia in via di preparazione. «Nelle prossime settimane continueremo lo sviluppo del piano industriale», che, conferma, sarà presentato «per il due di marzo».

 

Pietro Labriola DI TIM Pietro Labriola DI TIM

Secondo il manager sarà «il piano della New Tim». La nuova Telecom, insomma. Cosa fare lo hanno suggerito anche molti colleghi di Labriola: «Trasparenza delle tariffe, miglioramento della qualità del servizio, offerta segmentata per i giovani. Ma parliamo anche di sviluppo di nuovi servizi». Nessuna parola sulla scissione proporzionale del gruppo, che si preannuncia come il punto forte della prossima svolta di Tim.

vodafone iliad vodafone iliad PIETRO LABRIOLA 2 PIETRO LABRIOLA 2 PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA henry kravis 1 henry kravis 1 kkr kkr pietro labriola pietro labriola luigi gubitosi luigi gubitosi vodafone vodafone

 

Condividi questo articolo

business

“LA GESTIONE DEI RISCHI LEGALI DI MPS È INSODDISFACENTE” - CI SONO DUE BOMBE PIAZZATE SOTTO ROCCA SALIMBENI: UNA È LA VERITÀ SULLA MORTE DI DAVID ROSSI, L’ALTRA SONO I 6 MILIARDI DI ESPOSIZIONE PER I RISCHI LEGALI PER I PROCESSI A CARICO DI PROFUMO E VIOLA. UN’EREDITÀ CHE PESA COME UN MACIGNO SULLA VENDITA DEL MONTE DEI PASCHI - “VERITÀ & AFFARI” TIRA FUORI UN REPORT “RISERVATO” DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA DEL 5 NOVEMBRE 2019, IN CUI SI METTE ALLA BERLINA LA POLITICA SUI RISCHI OPERATIVI DEL MONTE - LA CONCERTAZIONE PER GLI INCARICHI AGLI AVVOCATI E LE MOSSE DEL NUOVO AD, LUIGI LOVAGLIO…