GENERALI DIETRO LA COLLINA – MEDIOBANCA PRESENTA LA LISTA DI 13 CANDIDATI PER IL CDA DI GENERALI: CONFERMATI IL PRESIDENTE GALATERI, L’AD DONNET E CALTAGIRONE. L’UNICA NOVITÀ È ANTONELLA MEI-POCHTLER AL POSTO DI ORNELLA BARRA – CHE SUCCEDE ORA? LA MODIFICA DELLO STATUTO DISEGNATA INTORNO A GALATERI, I PIANI DI NAGEL E LA VOGLIA DELLA “CORDATA” ITALIANA DI CONTARE DI PIÙ (CALTA E DEL VECCHIO ORMAI STANNO QUASI AL 10%)

-

Condividi questo articolo

NAGEL GALATERI NAGEL GALATERI

SE IN ASSEMBLEA DOVESSE SALTARE LA MODIFICA ALLO STATUTO DISEGNATA INTORNO A GALATERI, NAGEL HA PER LA PRESIDENZA IL NOME DI UN BANCHIERE CHE NON VEDE L'ORA DI FUGGIRE DALLA SUA PRESTIGIOSA MA LITIGIOSA POLTRONA - IL CAPO DI MEDIOBANCA ANNUNCIA CHE CONFERMERÀ IL CDA, MENTRE MUSTIER SI RAMMARICA DI NON AVER MANTENUTO UN PATTO PIÙ FORTE A PIAZZETTA CUCCIA, ''PER GARANTIRE CHE GENERALI E MEDIOBANCA SIANO PROTETTE E RIMANGANO ITALIANE, INDIPENDENTI E QUOTATE IN ITALIA''

 

https://www.dagospia.com/rubrica-4/business/siamo-uomini-generali-se-assemblea-dovesse-saltare-modifica-195025.htm

philippe donnet gabriele galateri di genola alberto minali philippe donnet gabriele galateri di genola alberto minali

 

GENERALI, MEDIOBANCA PRESENTA LISTA CDA

(Teleborsa) - Mediobanca ha presentato una lista di 13 candidati per il Consiglio di Amministrazione di Assicurazioni Generali S.p.A. la cui nomina è all'ordine del giorno dell’Assemblea degli Azionisti convocata per il 30 aprile, 3 e 7 maggio 2019.

 

CALTAGIRONE NAGEL GALATERI CALTAGIRONE NAGEL GALATERI

La lista riflette le raccomandazioni espresse dal Consiglio in carica nel febbraio scorso, riportate nel Parere di orientamento agli azionisti su dimensione e composizione del Consiglio di Amministrazione per il triennio 2019-2021, tra cui la continuità di presenze nella prospettiva di attuazione del nuovo piano strategico approvato dal Consiglio nel novembre scorso.

 

philippe donnet gabriele galateri di genola philippe donnet gabriele galateri di genola

Essa è composta da Gabriele Galateri di Genola, Francesco Gaetano Caltagirone, Clemente Rebecchini, Philippe Donnet, Romolo Bardin, Lorenzo Pellicioli, Sabrina Pucci, Alberta Figari, Diva Moriani, Paolo Di Benedetto, Antonella Mei-Pochtler, Maurizio Dattilo e Barbara Negri.

 

alberto nagel vincent bollore alberto nagel vincent bollore

Mediobanca rivolge un sentito ringraziamento ad Ornella Barra, che non ha potuto rinnovare la propria candidatura per gli accresciuti impegni manageriali presso Walgreens Boots Alliance, per il prezioso contributo ed il costante impegno profusi in questi anni nel Consiglio

di Assicurazioni Generali. Il profilo di Antonella Mei-Pochtler rispecchia, tra l’altro, l’indicazione del Consiglio di Assicurazioni Generali di rafforzare l'esperienza internazionale e le competenze del Consiglio nei campi tecnologico e digitale.

 

GENERALI, CONFERMA PER GALATERI

Andrea Montanari per "MF"

 

Rinnovamento nella continuità. È questa la linea adottata da Mediobanca per il board di Generali che va verso il rinnovamento. Il primo azionista (13,04%) della compagnia assicurativa di Trieste in vista dell' assemblea dei soci del prossimo 30 aprile (in seconda convocazione il 3 in terza il 7 maggio). Piazzetta Cuccia ha individuato la lista dei 13 candidati per il consiglio del Leone confermando in toto la gran parte dei membri uscenti. In primis, la fiducia, nel segno della volontà di dare attuazione al piano strategico approvato lo scorso novembre, è stata rinnovata al presidente uscente Gabriele Galateri di Genola (era stato candidato da Vivendi per il cda di Telecom, opzione poi non concretizzatasi lo scorso venerdì), all' ad Philippe Donnet e ai consiglieri uscenti Francesco Gaetano Caltagirone (5,02%), Clemente Rebecchini, Lorenzo Pellicioli (top manager del gruppo De Agostini), Romolo Bardin (espressione del socio Leonardo Del Vecchio, 4,87%), Sabrina Pucci, Alberta Figari, Diva Moriani e Paolo Di Benedetto (in quota Caltagirone).

 

GENERALI 24x576@LaStampa.it GENERALI 24x576@LaStampa.it

Candidati che hanno dato il loro placet alla conferma al consulente Spencer Stuart, chiamato da Mediobanca a sondare la disponibilità per un rinnovo del mandato. Da questa ricognizione solo Ornella Barra, esponente di spicco del colosso del pharma Walgreens Boots Alliance, è risultata non interessata a restare in consiglio per un altro triennio. Così, la stessa Spencer Stuart ha valutato i profili de i potenziali soggetti candidati, individuando la figura di Antonella Mei-Pochtler, consigliere speciale del cancelliere austriaco e senior advisor di Boston Consulting Group del quale è stata anche managing partner.

 

Antonella Mei-Pochtler Antonella Mei-Pochtler

«La lista riflette le raccomandazioni espresse dal consiglio in carica nel febbraio scorso, riportate nel parere di orientamento agli azionisti su dimensione e composizione del cda per il triennio 2019-2021», si legge nella nota di Mediobanca, «tra cui la continuità di presenze nella prospettiva di attuazione del nuovo piano strategico approvato dal consiglio nel novembre scorso».

 

E proprio il profilo della new entry Mei-Pochtler «rispecchia, tra l' altro, l' indicazione del cda di Generali di rafforzare l' esperienza internazionale e le competenze del consiglio nei campi tecnologico e digitale», specificano ancora da Piazzetta Cuccia. Tra i grandi soci del Leone di Trieste chi non ha voluto avanzare la candidatura di un proprio esponente è la famiglia Benetton (3-4%). Si attende ora la lista di Assogestioni per l' assegnazione degli ultimi due posti disponibili - Mediobanca ne occuperà 11 - del cda. 

philippe donnet philippe donnet

 

 

NAGEL MUSTIER1 NAGEL MUSTIER1

alberto minali gabriele galateri di genola philippe donnet colpiti dalla bora alberto minali gabriele galateri di genola philippe donnet colpiti dalla bora

 

Condividi questo articolo

business

COME CI HA FREGATO MARCHIONNE – RICCARDO RUGGERI ALZA IL SIPARIO SUGLI ULTIMI ANNI DEL GRUPPO FIAT, QUELLI DELLA GESTIONE MARCHIONNE E DELL’OPERAZIONE CHRYSLER: “DETROIT È RIMASTA UNA DELLE CAPITALI DELL’AUTO MONDIALE, TORINO È DIVENTATA CITTÀ DELLA CULTURA. L’ITALIA NON HA PIÙ UN’INDUSTRIA DELL’AUTO, È COME LA SPAGNA” – LE MAGIE DI “MARPIONNE”, CON I FINTI PIANI INDUSTRIALI E LE “FAKE TRUTH”, E IL CAMBIO DI STRATEGIA INIZIATO CON IL TENTATO ACCORDO CON RENAULT