GODIAMOCELA, FINCHÉ DURA – IL PIL ITALIANO NEL SECONDO TRIMESTRE SALE DELL’1%: LA CRESCITA ANNUALE ACQUISITA È PARI AL 3,4%, MOLTO MEGLIO DELLA STIMA DI FINE MAGGIO, CHE PREVEDEVA UN 2,6% - IL NOSTRO PAESE VA MEGLIO DELLA GERMANIA, CHE HA REGISTRATO UNA VARIAZIONE NULLA. MA PER L’UNIONE NAZIONALE DEI CONSUMATORI SI TRATTA DI “UN’ILLUSIONE OTTICA”, DOVUTA AL FATTO CHE A LUGLIO DELLO SCORSO ANNO…

-

Condividi questo articolo


 

 

 

Da www.corriere.it

 

MARIO DRAGHI MEME BY ANNETTA BAUSETTI MARIO DRAGHI MEME BY ANNETTA BAUSETTI

Il Pil torna a crescere. «Il recupero dalla crisi causata dalla pandemia può dirsi completato», dato che il Pil nel secondo trimestre è risultato nettamente superiore al livello medio del 2019». Così il ministero dell’Economia commenta i dati Istat sul Prodotto interno lordo italiano, che nel secondo trimestre è risultato nettamente superiore al livello medio del 2019 Un aumento dell’1% in termini congiunturali.

 

La crescita annuale acquisita è pari al 3,4% (superiore al 3,1% previsto nel Def). L’Italia, insomma, questa volta fa meglio della Germania, almeno per quanto riguarda la spinta della ripresa. Il prodotto interno lordo tedesco, infatti, ha registrato una variazione nulla nel secondo trimestre rispetto al primo, che aveva segnato circa un +1,4%, come certifica l’istituto federale di statistica Destatis.

 

Prosegue la fase espansiva

Le misure attuate dal governo, puntualizza il Ministero, «hanno permesso di attutire l’impatto del rialzo dei costi dell’energia sulle famiglie e sulla competitività delle imprese. Sono stati inoltre varati interventi di politica industriale, quali quelli a sostegno del settore dell’auto, e si è intensificato il dialogo con le imprese allo scopo di valorizzare gli strumenti di incentivazione agli investimenti e all’innovazione. Seppure in un contesto segnato dalle tragiche vicende in Ucraina, il clima di investimento in Italia resta positivo».

inflazione italia inflazione italia

 

Previsione sull’anno: +2,6%

Alla luce dell’aumento stimato del Pil nel secondo trimestre, la variazione acquisita del Pil per il 2022 (ovvero la variazione annuale che si otterrebbe in presenza di una variazione congiunturale nulla nei restanti trimestri dell’anno) è pari al +3,4%. La previsione sull’anno migliora quindi rispetto al +2,6% stimato a fine maggio sulla base dell’andamento del primo trimestre (+0,1%).

 

Per l’Unione Consumatori è un’illusione

dimissioni di draghi by osho dimissioni di draghi by osho

“Un’illusione ottica”. Per Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, i dati provvisori resi noti dall’Istat, il calo dell’inflazione annua è solo un miraggio destinato presto a svanire, dovuto al fatto che proprio a luglio dello scorso anno i prezzi avevano iniziato la loro corsa impazzita, passando dal +1,3% tendenziale di giugno 2021 a +1,9%”.

 

Inoltre, dice Dona, “ i carburanti hanno decelerato, ma solo per l’aumento temporaneo della produzione dei Paesi Opec+ destinato a cessare nel mese di settembre. E’ una catastrofe, invece, il rincaro dei prodotti alimentari e del carrello della spesa che dissanguerà definitivamente la casalinga di Voghera che va tutti i giorni al mercato e le famiglie più in difficoltà”.

MASSIMILIANO DONA MASSIMILIANO DONA

 

L’appello a Draghi

Secondo Dona, “il Governo, anche se in carica solo per il disbrigo degli affari correnti, può e deve intervenire, essendo un’emergenza nazionale che richiede un atto urgente. I prossimi 14,3 miliardi del dl Aiuti bis vanno destinati a frenare l’inflazione galoppante, altrimenti qualunque altro intervento, come l’anticipazione di 3 mesi della rivalutazione delle pensioni, è destinato ad essere bruciato dal rialzo dei prezzi e dalla riduzione del potere d’acquisto delle famiglie” conclude Dona.

sergio mattarella mario draghi sergio mattarella mario draghi MARIO DRAGHI ESCE DAL SENATO MARIO DRAGHI ESCE DAL SENATO

 

 

Condividi questo articolo

business

BUTTI LA RETE (COMINCIAMO BENE...) – IL RESPONSABILE TELECOMUNICAZIONI DI FRATELLI D’ITALIA ALESSIO BUTTI SMENTISCE "IL FOGLIO" SULLA RETE UNICA - "SIAMO FORTEMENTE CONTRARI AL PIANO DI VENDITA DELLA RETE TIM. LA RETE UNICA DEVE RIMANERE IN CAPO A TIM. MA CON CONTROLLO E GESTIONE DI CDP" – CERASA (DIRETTORE DE "IL FOGLIO"): IL PIANO DI FRATELLI D’ITALIA E’ FAR COMPRARE OPEN FIBER A TIM E POI FAR COMPRARE TIM A CDP. MI PARE ISPIRATO AL MODELLO MADURO (NAZIONALIZZARE TUTTO)…

PREPARATEVI A UN AUTUNNO MOLTO CALDO – L’ULTIMO RAPPORTO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA È UNA DOCCIA FREDDA: NONOSTANTE I DATI POSITIVI DEL PIL, “L’ATTIVITÀ ECONOMICA STA RALLENTANDO”, COME HA SPECIFICATO ANCHE IERI DRAGHI – NEL FRATTEMPO LA BANCA D’INGHILTERRA AUMENTA ANCORA I TASSI, PORTANDOLI ALL’1,75% - I REINVESTIMENTI DELLA LAGARDE, SPACCIATI PER UNA BOCCATA D’OSSIGENO ALL’ITALIA, IN REALTÀ CI RENDONO SEMPRE PIÙ DIPENDENTI DA GERMANIA, OLANDA E FRANCIA…