IL GOVERNO HA 30 GIORNI PER FARE IL CHECK UP AL PNRR – LA COMMISSIONE UE CONCEDE ALL'ITALIA FLESSIBILITÀ SUL RECOVERY, MA PRETENDE ENTRO LA FINE DI APRILE UN TESTO DEFINITIVO CON LE MODIFICHE AL PIANO, L'ELENCO DEI PROGETTI RIMODULATI E DI QUELLI CANCELLATI – FITTO PUNTA A SPOSTARE ALCUNI MILIARDI SUI FONDI DI COESIONE, CHE POSSONO COPRIRE APPALTI E PROGRAMMI DA METTERE A TERRA ENTRO IL 2029 – IL NODO DELLA BUROCRAZIA: SOLO ORA È ENTRATO IN VIGORE IL DECRETO DRAGHI DEL 2021 PER GLI UFFICI TECNICI COMUNALI

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Marco Galluzzo per il “Corriere della Sera”

 

RAFFAELE FITTO E PAOLO GENTILONI RAFFAELE FITTO E PAOLO GENTILONI

La Commissione europea è disposta ad accettare modifiche al Pnrr presentate dall’Italia: «Anche altri Paesi lo stanno facendo», dicono a Bruxelles. La Commissione però vuole queste modifiche entro la fine di aprile, e le vorrebbe una volta per tutte. In sostanza il governo ha 30 giorni di tempo per fare un check up e decidere quali progetti vanno modificati o addirittura espulsi dal Piano di ripresa e resilienza. A differenza di altri Stati europei, che hanno chiesto e stanno elaborando cambiamenti minimi, a Palazzo Chigi stanno valutando di fare cambiamenti di media grandezza.

 

GIORGIA MELONI PNRR GIORGIA MELONI PNRR

[…] Il fatto che la terza rata da 19 miliardi di euro sia in qualche modo sotto giudizio significa poco, non è questa la vera partita: basti pensare che solo la Spagna, oltre al nostro Paese, ha già chiesto la terza del suo Piano fra tutti gli Stati europei (ed ha già passato la valutazione), mentre tutti gli altri Stati (anche se hanno fondi di gran lunga inferiori all’Italia) non hanno ancora fatto richiesta. Molte capitali sono ferme alla prima rata.

 

La vera posta in gioco è la rimodulazione del Piano. Una rimodulazione dovuta al lievitare dei costi delle materie prime e alla consapevolezza che alcuni capitoli di spesa possono entrare in una fase critica e non essere attuati entro la scadenza, prevista a giugno del 2026. […]

 

raffaele fitto giorgia meloni raffaele fitto giorgia meloni

L’obiettivo del governo è dunque modificare il Piano, magari spostando alcuni progetti sui Fondi di coesione, che possono coprire appalti e programmi da mettere a terra entro il 2029. La Commissione è disponibile, lo ha già detto nelle interlocuzioni di queste settimane. Si creerebbero a questo punto dei «buchi» nel Pnrr. […]

 

La delicatezza del compito deriva in primo luogo dalle misure di grandezza: l’Italia è un paradosso, ha il record dei fondi da spendere nei prossimi tre anni, ma anche la minore capacità, storica, di farlo. Ma ci sono altri fattori critici che incidono sulla corsa contro il tempo del governo: non tutto sta andando come era previsto. Basti pensare che il decreto approvato dal governo Draghi nel 2021 per ampliare gli uffici tecnici dei Comuni è arrivato in Gazzetta Ufficiale , e dunque è entrato in vigore, solo il mese scorso.

 

raffaele fitto giancarlo giorgetti paolo gentiloni raffaele fitto giancarlo giorgetti paolo gentiloni

Quel decreto stanzia 30 milioni di euro per potenziare le capacità degli enti locali, in termini di risorse umane, di fare ed eseguire progetti del Pnrr. La previsione era quella di 15 mila assunzioni: a fine dicembre del 2022 ne sono state fatte appena 2.500, secondo i calcoli della Ragioneria dello Stato, meno di un quinto del previsto. Anche perché molti non vogliono contratti a tempo determinato.

 

[…]

 

raffaele fitto giancarlo giorgetti paolo gentiloni 1 raffaele fitto giancarlo giorgetti paolo gentiloni 1

In alcune amministrazioni pubbliche, pur coinvolte nel Pnrr, i dipendenti sono addirittura scesi di numero, invece di aumentare. E stiamo parlando di una fetta corposa del Piano: i 40 miliardi di euro che il Piano europeo destina agli enti territoriali passano per ben 6 mila «soggetti attuatori», i Comuni impegnati sono 5.700. […]

le sei missioni del pnrr le sei missioni del pnrr i progetti dei comuni finanziati dal pnrr i progetti dei comuni finanziati dal pnrr

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO