GRAN CASINO A MILANO - MA COME, UNICREDIT DOVEVA PRIVATIZZARE MONTE DEI PASCHI E ORA CI TROVIAMO CHE UNA BANCA TECNICAMENTE FALLITA NAZIONALIZZI LA SECONDO BANCA ITALIANA? - DI MUSTIER SI PUÒ DIRE TUTTO IL MALE POSSIBILE MA UNA COSA ERA RIUSCITO A MANTENERE: LA BANCA FUORI DAI GIOCHI DELLA POLITICA. DOPO AVER COLLOCATO QUELL’AMEBA DI PADOAN, I SUGGERIMENTI CHE STANNO ARRIVANDO DA GUALTIERI E COMPAGNUCCI SONO MARCO MORELLI E MARINA NATALE -  PER ORA LA SOLA CERTEZZA È CHE PADOAN VUOLE IL SUO EX CAPO DI SEGRETERIA, FABRIZIO PAGANI. E CHE CLAUDIA PARZANI HA VIVAMENTE CONSIGLIATO AL SUO CARO AMICO MUSTIER DI NON ATTENDERE LA FINE DEL MANDATO E DI MOLLARE SUBITO...

-

Condividi questo articolo

DAGOREPORT

DALEMA PADOAN DALEMA PADOAN

Gran casino a Milano. Non riescono a capacitarsi di ciò che sta avvenendo a piazza Gae Aulenti. Ma come, Unicredit doveva privatizzare Monte dei Paschi e ci troviamo che una banca tecnicamente fallita come quella di Siena nazionalizzi la secondo banca italiana. L’operazione che è per niente piaciuta ai fondi esteri azionisti ed il primo effetto è stato il crollo in Borsa dell’8%. E così Unicredit si ritrova con un Ceo dimissionario (Mustier), un presidente in carica (Cesare Bisoni) e uno appeno eletto (Padoan).

 

mustier mustier

Ora del manager francese si può dire tutto il male possibile ma una cosa era riuscito a mantenere: la banca fuori dai giochi della politica. E il Cda capitanato da Micossi, dei maneggioni di Roma, non ne vuol sapere.

 

Dopo aver collocato quell’ameba di Padoan, ora quelli del Mef stanno cercando un nuovo Ceo che possa compiere il miracolo di portarsi dentro le spoglie del Monte dei Paschi. I suggerimenti che stanno arrivando da Gualtieri e compagnucci sono Marco Morelli, ex ad di Mps, e Marina Natale, 30 anni in Unicredit e ora ad direttore generale di Amco, la “bad bank” del Ministero dell’Economia; due manager che nel report di Spencer Stuart, una delle più importanti società a livello mondiale nel settore “cacciatori di teste”, non figuravano (al pari di quello di Padoan).

MARCO MORELLI FOTO INFOPHOTO MARCO MORELLI FOTO INFOPHOTO

 

E’ anche vero che alcuni candidati, come Castagna e Gallia, non ci pensano proprio di finire nell’inferno di piazza Gae Aulenti.

 

Per ora la sola certezza è che Padoan vuole il suo ex capo di segreteria, Fabrizio Pagani, al suo fianco, in un ruolo di primo piano. E che Claudia Parzani, presidente di Allianz S.p.A. e partner di Linklaters, ha vivamente consigliato al suo caro amico Mustier di non attendere la fine del mandato ad aprile 2021 e di mollare subito la poltrona: dimissionato e sfiduciato, cosa potresti gestire?

fabrizio pagani fabrizio pagani claudia parzani claudia parzani zingaretti gualtieri zingaretti gualtieri MARINA NATALE MARINA NATALE

 

Condividi questo articolo

business

L'ITALIA SPROFONDA E IL BANANA FA I QUATTRINI - OGGI SILVIO BERLUSCONI, CON UNA RICCHEZZA SALITA A QUASI 6 MILIARDI, HA ANCORA PIÙ SOLDI RISPETTO ALL’ULTIMA CLASSIFICA STILATA PRIMA DELLA PANDEMIA DA "FORBES", CHE LO HA DESCRITTO COME “COLUI CHE HA PORTATO IN ITALIA IL TELEFILM STATUNITENSE BAYWATCH” - IL TITOLO DI MEDIASET CHE VOLA IN BORSA NONOSTANTE LA GUERRA CON VIVENDI, GLI AFFARI CON MONDADORI E BANCA MEDIOLANUM: ALTRO CHE QUIRINALE, IL CAIMANO SI GODE IL PORTAFOGLI...

UNICREDIT, UNICAOS - LA SCONFITTA DI PADOAN (E DI GUALTIERI) SI CHIAMA ANDREA ORCEL: IL BANCHIERE HA GIÀ FATTO SAPERE CHE VUOL PROCEDERE CON I PIEDI DI PIOMBO SU MPS SENZA TRALASCIARE L'IPOTESI BANCO BPM – DALLA PARTE DI ORCEL IL PRESIDENTE DEL COMITATO NOMIME MICOSSI E IL CONSIGLIERE DE GIORGI MA SOPRATTUTTO IL FATTO CHE A LIVELLO INTERNAZIONALE (UNICREDIT È LA TERZA BANCA IN GERMANIA E LA PRIMA IN AUSTRIA), ORCEL HA PIÙ ESPERIENZA DEGLI ALTRI DUE CONTENDENTI, VALERI E GALLIA

LA GUERRA DEI VACCINI (FOLLOW THE MONEY) - L'UNIONE EUROPA, DOPO AVER ‘’STOPPATO’’ PER MESI, ATTRAVERSO L’EMA E FAKE NEWS (NON FUNZIONA NELLE PERSONE ANZIANE), L’ANTIDOTO DI ASTRAZENECA (2,80 EURO A DOSE) PER FAVORIRE LA VENDITA DI QUELLO TEDESCO-AMERICANO PFIZER-BIONTECH (20$ A DOSE), ORA RICEVE QUELLO CHE HA SEMINATO: A POCHI GIORNI DAL VIA LIBERA DELL'EMA, ASTRAZENECA ANNUNCIA UN TAGLIO DELLA DISTRIBUZIONE NELL'UE: DA 80 MILIONI DI DOSI A 31 – IL BUSINESS DEL VACCINO VALE 50 MILIARDI DI DOLLARI…