LA GUERRA PIÙ BIZZARRA DEL MONDO, QUELLA PER LE GENERALI. COMBATTUTA CON DUREZZA, SPREGIUDICATEZZA E CON IL RICORSO ALLE ARCHITETTURE FINANZIARE PIÙ DISPARATE. DOVE DOPO IL PRIMO SOCIO GRAZIE AI TITOLI IN PRESTITO (MEDIOBANCA) E L'EX SOCIO CHE HA GIÀ VENDUTO MA VOTERÀ COMUNQUE ALL'ASSEMBLEA DI APRILE PROSSIMO (DE AGOSTINI), ECCO CHE SI AFFACCIA LO SCALATORE-PATTISTA CON L'IMPEGNO DI VENDITA DOPO L'ASSEMBLEA (CALTAGIRONE)

-

Condividi questo articolo


Gianluca Paolucci per “La Stampa”

 

PHILIPPE DONNET ALBERTO NAGEL PHILIPPE DONNET ALBERTO NAGEL

La guerra più bizzarra del mondo, quella per le Generali. Combattuta con durezza, spregiudicatezza e con il ricorso alle architetture finanziare più disparate. Dove dopo il primo socio grazie ai titoli in prestito (Mediobanca) e l'ex socio che ha già venduto ma voterà comunque all'assemblea di aprile prossimo confermando in anticipo la fiducia all'amministratore delegato (De Agostini), ecco che si affaccia lo scalatore-pattista con l'impegno di vendita dopo l'assemblea.

 

Secondo quanto ricostruito da fonti di mercato, una parte degli acquisti più recenti effettuati dalle società del gruppo Caltagirone pari all'1,3% del capitale di Generali sono legati a una serie di contratti di tipo «collar».

 

francesco gaetano caltagirone philippe donnet francesco gaetano caltagirone philippe donnet

E fin qui nulla di strano: si tratta di derivati composti da una opzione di acquisto (put) e una opzione di vendita (call) molto utilizzati perché consentono di proteggere l'investitore dalle eccessive oscillazioni dei prezzi, fissando un limite tanto al guadagno quanto alle perdite.

 

L'anomalia principale, spiegano le stesse fonti, sta nel fatto che mentre le opzioni put (di acquisto) sono di tipo americano ovvero esercitabili sempre, le opzioni di vendita sono di tipo europeo e dunque esercitabili solo alla scadenza, nel giugno 2022. Altra circostanza singolare: le opzioni di vendita hanno prezzi di esercizio («strike price») piuttosto bassi, tutti inferiori al prezzo attuale del titolo, che ieri ha chiuso a 18,5 euro.

Donnet Caltagirone Del Vecchio Donnet Caltagirone Del Vecchio

 

I due terzi circa delle opzioni montate dalle società del gruppo Caltagirone hanno un prezzo d'esercizio uguale o inferiore ai 18 euro. Le operazioni ricostruite sono relative agli acquisti fatti da società del gruppo Caltagirone tra il 31 agosto e il 3 dicembre scorso, pari al 1,8% circa del capitale delle Generali.

 

Lorenzo Pellicioli Lorenzo Pellicioli

I titoli oggetto dei contratti put e call sono pari come detto all'1,3% del capitale complessivo del gruppo assicurativo. L'intermediario è certamente un operatore italiano, si spiega, mentre le controparti delle operazioni sono ignote. «L'effetto di questo tipo di contratti è assimilabile al prestito titoli», spiega un analista finanziario a conoscenza del dossier. «Nel senso che il contraente incassa i dividendi e mantiene il diritto di voto». La differenza sostanziale «sta nel fatto che in questo caso l'acquisto dei titoli viene effettuato, e solo dopo viene "montata" l'operazione».

 

Francesco Saverio Vinci DG Mediobanca Alberto Nagel Ad e Renato Pagliaro Presidente di Mediobanca 0_pr Francesco Saverio Vinci DG Mediobanca Alberto Nagel Ad e Renato Pagliaro Presidente di Mediobanca 0_pr

Si tratta comunque, si spiega, «di normali operazioni di copertura dei rischi», anche se l'effetto non pare compatibile con la logica di un investitore di lungo periodo. Operazioni di questo tipo, si sottolinea, non sono nuove per Caltagirone, che comunque in questa partita ha finora sempre aumentato la sua quota.

 

Al gruppo Caltagirone, tramite 13 diverse società, fa capo il 7,56% del capitale delle Generali. Le azioni sono tutte vincolate ad un patto parasociale con la Delfin di Leonardo Del Vecchio (6,14%) e la Fondazione Crt (1,47%) che raccoglie complessivamente il 15,17% del capitale del Leone di Trieste. Il patto, che ha durata fino all'assemblea, è finalizzato al ricambio dei vertici delle Generali.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?