IBARRA STORTA - DOPO APPENA UN ANNO E TRE MESI E UN TIRAMOLLA ESTENUANTE SULLE DIMISSIONI, MAXIMO IBARRA LASCIA FINALMENTE LA POLTRONA DI AD DI SKY ITALIA PER DIVENTARE AD E AZIONISTA DI ENGINEERING, AZIENDA SPECIALIZZATA NELLA TRASFORMAZIONE DIGITALE PER I SETTORI FINANZA, PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, UTILITY E INDUSTRIA...

-

Condividi questo articolo


Sara Bennewitz per "www.repubblica.it"

 

maximo ibarra 2 maximo ibarra 2

Maximo Ibarra ha rassegnato le sue dimissioni da Sky Italia e starebbe per firmare il contratto per diventare ad e azionista di Engineering. Il manager era stato selezionato dai fondi azionisti a inizio gennaio, ma prima di decidersi a cambiare casacca aveva voluto portare a termine il lavoro iniziato in Sky.

 

Chiusa la partita di diritti tv del calcio di seria A (aggiudicati a Dazn) e quella della riorganizzazione del gruppo, che ha portato a un accordo sindacale per uscite volontarie su un quarto dell'organico, Ibarra ha deciso di cambiare casacca.

 

Peraltro, a quando si apprende da fonti ben informate l'amministratore delegato di Engeeniering, che ha reso grande la società di information technology, avrebbe già avviato un nuovo percorso professionale. In attesa del passaggio di consegne l'attuale ad di Engineering, Paolo Pandozzy, sarebbe entrato nel cda di Angelo Holding, società che controlla Mermec spa, società di infrastrutture ferroviarie che fa capo all'imprenditore pugliese Vito Pertosa.

maximo ibarra 3 maximo ibarra 3

 

Ibarra insieme ai fondi Bain capital e NB Renaissance Partners, del gruppo Neuberger Berman, ha importanti progetti per il rilancio del gruppo e conta di far diventare Engineering uno dei partner chiave per aiutare le aziende italiane nella migrazione verso il digitale.

 

ibarra ibarra maximo ibarra maximo ibarra maximo ibarra 1 maximo ibarra 1 maximo ibarra maximo ibarra maximo ibarra al convegno di fratelli d'italia sulla rete unica maximo ibarra al convegno di fratelli d'italia sulla rete unica

 

Condividi questo articolo

business

LUSSO IN (S)VENDITA! – È PARTITO IL RISIKO DELLA MODA E LE PREDE SONO LE GRANDI MAISON ITALIANE: GLI ULTIMI IN ORDINE DI TEMPO AD ANNUNCIARE CAMBIAMENTI SONO STATI ERMENEGILDO ZEGNA E ETRO. IL PRIMO PREPARA LA QUOTAZIONE A NEW YORK, IL SECONDO È FINITO TRA LE FAUCI DEL SOLITO ARNAULT. IL BOSS DI LOUIS VUITTON È SALITO ANCHE AL 10% DI TOD’S (QUANTO CI METTERÀ A FARE LE SCARPE A DELLA VALLE?) - MA C’È ANCHE CHI NON VENDE: PRADA, MONCLER E ARMANI, CHE AVREBBE RISPOSTO NO ANCHE A UN ALLEANZA CON GLI AGNELLI…

ALLARME ROSSO: GENERALI A RISCHIO D’OPA! - UN ACCORDO TRA DEL VECCHIO E CALTAGIRONE, MAGGIORI AZIONISTI DI GENERALI, SUPEREREBBE DI GRAN LUNGA LA SOGLIA DELL’OPA, CHE È DEL 25%; E SONO GLI STESSI CHE HANNO IN MANO UN QUARTO DEL CAPITALE DI MEDIOBANCA CHE, A SUA VOLTA, È IL PRIMO AZIONISTA DEL LEONE DI TRIESTE – ORA NON È DIMOSTRABILE CHE I DUE OTTUAGENARI ABBIANO INVESTITO IN ACCORDO SU MEDIOBANCA, ANCHE SE SU GENERALI LA VEDONO ALLO STESSO MODO. MA A MILANO SI VOCIFERA DI UN INCIUCIO NAGEL-DEL VECCHIO, IN BARBA A CALTARICCONE, REGIA DI SERGIO EREDE, SULLA PROSSIMA “LISTA CDA” DEL LEONE PERCHÉ SAREBBE L’UNICO MODO PER EVITARE IL BAGNO DI SANGUE DELL'OPA