ITALIA IN BANCAROTTA – SECONDO “LE MONDE” A PARTIRE DALLA SECONDA METÀ DELL’ANNO MOLTE, MOLTISSIME IMPRESE FALLIRANNO PER COLPA DEL VIRUS – L’ITALIA SARÀ IL PAESE PIÙ COLPITO: CI SARÀ UN AUMENTO DEL 37% DELLE AZIENDE CHE FINIRANNO GAMBE ALL'ARIA – I SETTORI PIÙ A RISCHIO? TURISMO, RISTORAZIONE E…

-

Condividi questo articolo


 

 

Articolo di “le Monde” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

giuseppe conte meme 1 giuseppe conte meme 1

Scrive le Monde che Conface, l’assicurazione dei crediti commerciali alle imprese private, prevede che in Francia i fallimenti aumenteranno del 21% entro la fine del 2021, colpendo più di 60.000 imprese ed una perdita di quasi 200.000 posti di lavoro.

 

I fallimenti in Europa, nonostante le centinaia di miliardi di euro iniettati per aiutare le imprese paralizzate dalle misure di contenimento dovute alla crisi sanitaria, subiranno una forte accelerazione a partire dalla seconda metà del 2020 e nel 2021.

protesta dei commercianti in piazza san pietro 7 protesta dei commercianti in piazza san pietro 7

 

Secondo uno studio di Coface, pubblicato martedì 16 giugno, il numero di fallimenti di imprese aumenterà del 21% in Francia tra la fine del 2020 e il 2021. Il dato è più o meno lo stesso in Spagna (+22%), significativamente più alto nel Regno Unito (+37%) e in Italia (+37%), nonché nei Paesi Bassi (+36%).

 

chiuso per virus chiuso per virus

Mentre la Germania, meno penalizzata dal punto di vista economico, dovrebbe registrare nel periodo in esame un numero molto inferiore di fallimenti (+12%). A fini comparativi, la crisi finanziaria del 2008 ha portato a un aumento  dei fallimenti del 53% nel Regno Unito e a un aumento del 25% in Francia su un periodo di due anni tra il 2007 e il 2009.

 

Con 52.002 procedure registrate su tutto il 2019, il numero di fallimenti tra le società francesi ha raggiunto lo scorso anno il livello più basso degli ultimi dieci anni, secondo Altares, azienda specializzata nell'informazione commerciale.

 

GIUSEPPE CONTE E IL BONUS MONOPATTINO GIUSEPPE CONTE E IL BONUS MONOPATTINO

La forte ondata di fallimenti annunciata da Coface succede ad un primo semestre di illusioni. Per evitare una valanga di inadempienze nel momento più grave della crisi, la maggior parte dei governi ha infatti concesso alle imprese un termine supplementare per avviare, in caso di difficoltà o di cessazione dei pagamenti, le procedure obbligatorie presso le giurisdizioni specializzate. Inoltre, i tribunali del commercio, almeno in Francia, erano essi stessi in attività ridotta; ne è risultato un numero artificialmente basso di procedimenti. 

 

Così, lunedì, la Banca di Francia ha pubblicato i dati che mostrano una diminuzione del 13,5% su base annua dei fallimenti in Francia nel marzo 2020, rispetto al marzo 2019. Ma, ha detto l'istituzione, "questo declino non indica una riduzione del numero di imprese in difficoltà".

tavola calda chiusa in via del corso a roma tavola calda chiusa in via del corso a roma

 

Accumulo di debiti

 

“Poiché l'apertura di una procedura di fallimento è divenuta di fatto volontaria, solo le imprese più in difficoltà, senza prospettive di ripresa una volta sotto controllo la crisi sanitaria, hanno fatto questa scelta fin dalle prime settimane del confinamento” confermano gli esperti di Coface.

 

GIUSEPPE CONTE MEME GIUSEPPE CONTE MEME

Così, tra l'inizio del confinamento e la fine di aprile, meno di 1.500 imprese hanno avviato una procedura, contro 6.500 nello stesso periodo del 2019. «Ciò ha permesso di evitare situazioni che non sono né necessarie né auspicabili, ma ora assisteremo ad un recupero in più ondate», aggiunge Bruno De Moura Fernandes, economista di Coface e firmatario dello studio.

 

i cartelli nei negozi del centro di roma che rischiano di chiudere 3 i cartelli nei negozi del centro di roma che rischiano di chiudere 3

Infatti, pur essendo state ampiamente sostenute da regimi di aiuto nazionali o regionali durante il periodo di contenimento e oltre, le imprese hanno accumulato durante questo periodo debiti che prima o poi dovranno ripagare.

 

La fragilità delle start-up

 

In assenza di ulteriori misure di aiuto, quante aziende si troveranno con le spalle al muro, costrette a rivolgersi ai tribunali?

 

disoccupazione crisi disoccupazione crisi

Per la Francia, Coface stima questo numero a 61.354 entro il 2021. Sulla base della cifra di una media di 3,2 posti di lavoro per azienda - una cifra che deriva dalle statistiche degli anni passati ed è abbastanza stabile nel tempo - il numero di posti di lavoro interessati dovrebbe essere di circa 200.000. Un altro fattore, del tutto indipendente dalla crisi di Covid-19, potrebbe accentuare il numero di fallimenti in Francia alla fine dell'anno: nel 2017 il numero di start-up ha raggiunto un livello record e il tasso di mortalità delle start-up raggiunge generalmente il picco nel terzo anno.

protesta dei commercianti in piazza san pietro 11 protesta dei commercianti in piazza san pietro 11

 

I settori più interessati saranno naturalmente quelli più colpiti dalla crisi: turismo, ristorazione e trasporti. Non ci si aspetta che il commercio e, in particolare, l'abbigliamento e il tessile sfuggano al fenomeno.

 

L'edilizia, un settore in cui le TPE e le PMI sono molto esposte ai ritardi di pagamento, e che tradizionalmente rappresentano un quarto dei fallimenti aziendali, non dovrebbero sfuggire a questa tendenza. Al contrario. Quest'anno, il ritardo negli appalti pubblici dovuto al rinvio del secondo turno delle elezioni comunali non aiuterà le cose.

 

protesta dei commercianti in piazza san pietro 10 protesta dei commercianti in piazza san pietro 10

Per gli altri Paesi studiati, Coface sottolinea che l'entità dei fallimenti sarà legata al calo del PIL osservato e alle prospettive di ripresa nel 2021. Tuttavia, secondo queste previsioni di crescita, i Paesi Bassi e la Germania dovrebbero essere i paesi meno colpiti dalla recessione, con un PIL nel 2021 inferiore di meno del 2% rispetto al 2019.

 

lavoro donne coronavirus lavoro donne coronavirus

Francia e Spagna farebbero meno bene, ma meglio di Regno Unito e Italia. Il PIL di questi due Paesi sarebbe inferiore rispettivamente del 5% e del 6% rispetto ai dati dello scorso anno, il che è più o meno in linea con la "classifica" in termini di aumento delle insolvenze. La situazione particolare dei Paesi Bassi si spiega con un contesto diverso: le imprese falliscono più facilmente lì che altrove, ma ci sono anche più imprese in fase di avvio quando l'attività riprende a crescere.

 

coronavirus i settori piu' a rischio secondo mckinsey 1. coronavirus i settori piu' a rischio secondo mckinsey 1. chiusi per virus chiusi per virus grafico mckinsey settori di occupazione a rischio per il coronavirus grafico mckinsey settori di occupazione a rischio per il coronavirus GLI EFFETTI DEL CORONAVIRUS SULLA DISOCCUPAZIONE - STIMA FMI GLI EFFETTI DEL CORONAVIRUS SULLA DISOCCUPAZIONE - STIMA FMI disoccupazione nel regno unito stime bank of england disoccupazione nel regno unito stime bank of england

 

Condividi questo articolo

business

UN BEL BOTIN PER ORCEL - L’EX PRESIDENTE DI UBS AXEL WEBER E IL CAPO DELLA BANCA SVIZZERA, MARK SHELTON, HANNO TESTIMONIATO DAVANTI AI GIUDICI DI MADRID SUL CASO DEI BONUS NON PAGATI DAL BANCO SANTANDER AD ANDREA ORCEL. I DUE NON HANNO POTUTO CHE CONFERMARE CIÒ CHE AVEVANO GIÀ DETTO PIÙ VOLTE, CIOÈ CHE UBS AVEVA AVVISATO IL SANTANDER CHE NON AVREBBERO PAGATO LORO QUEI BONUS - ORCEL ORA INCASSERÀ IL DOVUTO, SI PARLA DI 76 MILIONI DI EURO. E ANA BOTIN? GLI AZIONISTI POTRANNO CONFERMARE UN PRESIDENTE SMENTITO DI FRONTE A TUTTO IL MONDO?

LA MILANO DI MEDIOBANCA HA SCHIFATO DEL VECCHIO E LUI CI RIPROVA A ROMA - IL “PAPERONE DI AGORDO” È PRONTO A DONARE 150 MILIONI PER IL RISANAMENTO DEGLI OSPEDALI CATTOLICI DELLA CAPITALE - UNA PRIMA INIEZIONE DI LIQUIDITÀ DA 25 MILIONI SAREBBE DESTINATA ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL FATEBENEFRATELLI, PER IL QUALE È IN ATTO DA MESI UNA TRATTATIVA TRA LA CHIESA E IL GRUPPO SAN DONATO DELLA FAMIGLIA ROTELLI - PER DEL VECCHIO SAREBBE UNA RIVINCITA DOPO NON ESSERE RIUSCITO A PRENDERE IL CONTROLLO DELLO IEO DI MILANO...

ORA CHE LE ELEZIONI SONO ANDATE, SI PUÒ FINALMENTE CELEBRARE IL MATRIMONIO UNICREDIT-MPS. PECCATO CHE LA TRATTATIVA SIA A UN PUNTO MORTO: ORCEL VUOLE CHIUDERE ENTRO IL 27 OTTOBRE, MA C’È ANCORA DA TROVARE UN ACCORDO SULLA "DOTE" E SUI SOLDI CHE IL GOVERNO DOVREBBE INIETTARE NEL MONTE PER RENDERE NEUTRALE L’OPERAZIONE PER UNICREDIT. MESI FA SI PARLAVA DI UN AUMENTO DI CAPITALE DI 3 MILIARDI MASSIMO, ORA IL TESORO SAREBBE PRONTO AD ARRIVARE A 5 (MA SECONDO ORCEL NON BASTA) - IL GIALLO DELLA PROROGA PER L’USCITA DEL TESORO DAL CAPITALE...