UN “MONTE” DI GUAI – LA PROCURA GENERALE DI MILANO HA CHIESTO LA CONFERMA DELLE CONDANNE PER ALESSANDRO PROFUMO (EX PRESIDENTE DI MPS) E FABRIZIO VIOLA (EX AD DELLA BANCA), E DI ANNULLARE QUELLA DI PAOLO SALVADORI – IN CONTEMPORANEA È ARRIVATA L’ISTANZA DI DANNI DA SEI SOCIETÀ DEL GRUPPO CALTAGIRONE PER 741 MILIONI DI EURO – AGLI EX VERTICI DI MONTE DEI PASCHI VIENE CONTESTATA L'ERRATA CONTABILIZZAZIONE DEI DERIVATI ALEXANDRIA E SANTORINI - IL PRECEDENTE DI MUSSARI E VIGNI ASSOLTI...

-

Condividi questo articolo


Estratto da “la Stampa”

 

alessandro profumo ad di leonardo foto di bacco (2) alessandro profumo ad di leonardo foto di bacco (2)

Confermare le condanne agli ex vertici del Monte dei Paschi di Siena, Alessandro Profumo e Fabrizio Viola, e annullare quella di Paolo Salvadori. Sono le richieste della Procura generale di Milano nella prima udienza del processo d'Appello Mps a carico dell'ex presidente Profumo (attuale ad di Leonardo) e dell'ex amministratore delegato Viola fra 2012 e 2015.

 

Viene contestata l'errata contabilizzazione dei derivati Alexandria e Santorini, sottoscritti dall'istituto con Deutsche Bank e Nomura per coprire le perdite dell'operazione Antonveneta; a quell'epoca Mps era guidato da Giuseppe Mussari e Antonio Vigni, condannati in primo grado e poi assolti nel procedimento "gemello" in Appello).

 

La proposta del Pg arriva in contemporanea con l'istanza di danni avanzata da sei società del Gruppo Caltagirone di danni per un totale di 741 milioni di euro. Il sostituto pg Massimo Gaballo ha chiesto invece l'annullamento della condanna a 3 anni e 6 mesi per Paolo Salvadori, ex presidente del collegio sindacale di Mps, per incompetenza territoriale con il trasferimento degli atti a Siena, e la conferma della multa da 800 mila euro a Mps.

FABRIZIO VIOLA FABRIZIO VIOLA

 

Il pg nella sua requisitoria non ha risparmiato stoccate alle autorità di controllo pubbliche (Bankitalia, Consob) e private (Ernst&Young) parlando di «colpevole connivenza» e di testimonianze di funzionari «inattendibili perché condizionate dalla paura di essere incriminati o citati per danni». […]

FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING... 

FLASH! - FACILE FARE I PATRIOTI CON LE CHIAPPE ALTRUI – INDOVINATE CHE AUTO GUIDA ADOLFO URSO, IL MINISTRO CHE PER DIFENDERE L'ITALIANITÀ HA “COSTRETTO” ALFA ROMEO A CAMBIARE NOME DA “MILANO” A “JUNIOR”? UN PRODOTTO DELL’INDUSTRIA MADE IN ITALY? MACCHÉ: NELLA SUA DICHIARAZIONE PATRIMONIALE, SPUNTANO UNA VOLKSWAGEN T-CROSS E UNA MENO RECENTE (MA SOSTENIBILE) TOYOTA DI INIZIO MILLENNIO. VEDIAMO IL LATO POSITIVO: ALMENO NON SONO DEL MARCHIO CINESE DONFGENG, A CUI VUOLE SPALANCARE LE PORTE...

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...