“L’INCERTEZZA È MOLTO ALTA, BISOGNA ESSERE ATTENTI AI GIUDIZI” – IL GOVERNATORE DI BANKITALIA, IGNAZIO VISCO, CAMMINA SULLE UOVA, MA FA CAPIRE LE CONSEGUENZE (NON POSITIVE) DEL RIALZO DEI TASSI SUL CREDITO: “I RISCHI DELL’ECONOMIA REALE COMINCIANO A ESSERE SENTITI E LE BANCHE SONO PIÙ CAUTE” – LA POSSIBILE INVERSIONE DI TENDENZA NELLA POLITICA DELLA BCE: “SI VEDRÀ. SI RAGIONA IN BASE AI DATI. BISOGNA CAPIRE COME VA L'ECONOMIA E QUANTO LA POLITICA MONETARIA HA EFFICACIA"

-

Condividi questo articolo


ignazio visco foto di bacco (5) ignazio visco foto di bacco (5)

VISCO, 'L'INCERTEZZA È MOLTO ALTA, ATTENTI AI GIUDIZI'

(ANSA) - "Se c'è una cosa che raccomanderei è di essere attenti a come noi giudichiamo" le prospettive sulle mosse future di politica monetaria, "c'è un livello di incertezza molto alto" a causa della "guerra ancora non conclusa", della "dimensione energetica che per ora è rientrata a livello di costi" e dalla "frammentazione globale, con la tensione con la Cina che richiede uno sforzo diplomatico": lo ha detto il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco in un'intervista a Rai News 24 a margine del G7 a Nigata, in Giappone.

 

CHRISTINE LAGARDE IGNAZIO VISCO CHRISTINE LAGARDE IGNAZIO VISCO

VISCO, 'LE BANCHE SONO CAUTE,SENTONO I RISCHI DELL'ECONOMIA'

(ANSA) - "I rischi dell'economia reale cominciano ad essere sentiti e le banche sono più caute a livello europeo, non solo italiano": lo ha detto il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco in un'intervista a Rai News 24 a margine del G7 a Nigata, in Giappone. Visco ha detto che il rallentamento del credito a imprese e famiglie è la risposta a due questioni: l'aumento dei tassi, che ha agito sulla domanda, e "l'offerta di credito legata alla tensioni finanziarie emerse nell'ultime periodo, che l'Europa ha assorbito senza gravi difficoltà ma è rimasto il rischio".

 

VISCO, 'CON LA CINA SERVE UNO SFORZO DIPLOMATICO GRANDE'

CREDIT CRUNCH jpeg CREDIT CRUNCH jpeg

(ANSA) - "La tensione con la Cina ha delle ragioni ma richiede uno sforzo diplomatico non indifferente, sia di diplomazia economica che tout court, perché dobbiamo mantenere aperto il dialogo e trattare insieme i problemi che ci colpiscono insieme": lo ha detto il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco in un'intervista a Rai News 24 a margine del G7 a Nigata, in Giappone. "Io credo che non convenga a nessuno sottolineare con forza questioni che poi possono essere oggetto di valutazioni diverse a seconda dei dati che vengono a manifestarsi", ha aggiunto il governatore.

 

VISCO, 'SUI TASSI ANCORA AUMENTI, MA RALLENTA IL TREND'

(ANSA) - "Nelle sette volte che abbiamo aumentato i tassi siamo passati da un aumento di 75 punti ad uno di 50 e poi di 25. E' questo il trend rispetto alla dimensione ma la direzione continua ad essere quella contro i rischi di propagazione dell'inflazione".

 

ignazio visco foto di bacco (3) ignazio visco foto di bacco (3)

Lo ha detto il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco parlando ai microfoni di Rai News 24 al termine del G7 Finanziario in Giappone. Visco ha spiegato che "la politica monetaria ha bisogno di tempo per propagarsi" e che "la trasmissione sta avendo luogo nelle modalità attese. Poi si vedrà". Il governatore ha ricordato che ogni volta si ragiona "in base ai dati che si rendono mano a mano disponibili: i fattori dell'inflazione, lo stato della domanda e anche la rapidità della discesa dell'inflazione nel medio periodo. Bisogna capire come va l'economia e quanto la politica monetaria ha efficacia".

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP