“SONO PRONTO A UN PASSO INDIETRO” - GUBITOSI PROVA IL CONTRATTACCO SU BOLLORÉ E FA LA SUA MOSSA ALLA VIGILIA DEL CDA DI TIM DI DOMANI: “METTO A DISPOSIZIONE DEL CDA LE DELEGHE CHE MI AVETE CONFERITO. SE QUESTO PASSAGGIO CONSENTIRÀ UNA PIÙ SERENA E RAPIDA VALUTAZIONE DELL’OFFERTA DI KKR, SARÒ CONTENTO CHE SIA AVVENUTO” - NEL CDA DI DOMANI, L'AD SARÀ IMPALLINATO? DETERMINANTE SARA' IL VOTO DEI CONSIGLIERI DI ASSOGESTIONI...

-

Condividi questo articolo


luigi gubitosi luigi gubitosi

TIM:GUBITOSI,PRONTO A PASSO INDIETRO PER SERENO ESAME KKR

 (ANSA) - "Al fine di favorire il processo decisionale da parte del consiglio, metto a disposizione del cda le deleghe che mi avete conferito, per vostra opportuna valutazione.

 

Se questo passaggio consentirà una più serena e rapida valutazione della non binding offer di Kkr, sarò contento che sia avvenuto". Così Luigi Gubitosi, amministratore delegato di Tim in una lettera indirizzata al board, che l'ANSA ha potuto leggere, in vista della riunione di domani.

vincent bollore vincent bollore

 

 

TIM: GUBITOSI, NON RIMANDARE DECISIONE SU KKR

 (ANSA) - Basta rimandare su Kkr. "Atteggiamenti dilatori da parte del Consiglio, che possono essere interpretati come volti a difesa degli interessi di taluni azionisti, sono da evitare".

 

kkr kkr

E' il richiamo dell'ad di Tim Luigi Gubitosi al board e che ha messo "la stessa trattazione tra gli ultimi punti dell'ordine del giorno del Cda di domani". "E' urgente - scrive - nominare i consulenti finanziari e approvare la immediata concessione di un periodo di tempo ragionevole per effettuare una limitata due diligence su documenti ed informazioni accettabili per il Consiglio. Tecnicamente potremmo essere pronti a una data room in 48/72 ore".

vincent bollore vivendi vincent bollore vivendi

 

Condividi questo articolo

business

PULIZIE IN CORSO A ROCCA SALIMBENI: IL TESORO STA TRATTANDO CON LA COMMISSIONE EUROPEA PER TROVARE UN COMPROMESSO SULLA PROROGA DELL’USCITA DELLO STATO DA MPS. LA SPERANZA DEL GOVERNO È RIUSCIRE A RIMANERE NEL CAPITALE DEL “MONTE” ALMENO FINO ALL’AUTUNNO 2023. BISOGNA TAGLIARE I RAMI SECCHI E SNELLIRE GLI ATTIVI, PER POI VENDERE L’AZIENDA RISANATA E DIMAGRITA. A QUEL PUNTO UNICREDIT POTREBBE RIENTRARE IN PARTITA - L’IPOTESI MASSIAH COME AD E I 6,2 MILIARDI DI RISCHI LEGALI DA SBOLOGNARE A FINTECNA, SOCIETÀ DI CDP

DEL VECCHIO HA UN GRILLI PER LA TESTA - L’EX DIRETTORE GENERALE DEL TESORO, OGGI A JP MORGAN, È IL GRANDE CONSIGLIERE DEL PAPERONE DI AGORDO - ARNESE: “A GRILLI SI DEVE LA ‘VISIONE’ DI DEL VECCHIO PER IL COLOSSO ASSICURATIVO TRIESTINO. MA SE È VERO CHE GRILLI È LA MUSA DI DEL VECCHIO SULLE QUESTIONI “ALTE”, DI STRATEGIA, NON PER QUESTO JP MORGAN RINUNCIA ALLA CUCINA RUSTICA. TRA LONDRA E MILANO, INFATTI, SONO DIVERSI I BANCHIERI CHE GIURANO DI AVER VISTO UN DOSSIER TARGATO JP MORGAN TUTTO DEDICATO ALLO SCORPORO DEGLI IMMOBILI DELLE GENERALI…”