LA LOTTA CONTINUA IN GENERALI – IL CDA SI SPACCA SULLA NOMINA DI CIRINÀ COME SOSTITUTO DI CALTAGIRONE: IN CONSIGLIO È STATO PORTATO UN PARERE LEGALE CHE ESCLUDE IL NOME DELL’EX MANAGER DEL LEONE, LICENZIATO DA DONNET DOPO ESSERSI CANDIDATO AD PER CALTAGIRONE, CONSIDERATO NON IDONEO. LA MINORANZA SI È OPPOSTA MA IL PRESIDENTE, SIRONI, NON HA MESSO AI VOTI LA NOMINA, PROPONENDOSI DI SONDARE LA DISPONIBILITÀ DI CRIBIORE, SCROSATI E MARSAGLIA – LA LETTERA DI DONNET AI DIPENDENTI

-

Condividi questo articolo


GENERALI GENERALI

1 - GENERALI: DONNET, SEMPRE PIÙ AGILI E PRONTI A SFIDE

(ANSA) - Generali deve prepararsi per essere "sempre più agile e pronta ad affrontare le sfide che la attendono". Lo scrive l'ad Philippe Donnet in una lettera ai dipendenti per spiegare la riorganizzazione del gruppo varata ieri dal cda. La nuova struttura organizzativa è stata creata "per supportare la realizzazione delle priorità del piano strategico "Lifetime Partner 24: Driving Growth" e per permettere a Generali di essere pienamente in grado di affrontare le sfide straordinarie che provengono dall'attuale contesto esterno".

 

PHILIPPE DONNET PHILIPPE DONNET

Il 2022 è "un anno di incertezze senza precedenti, dovute al permanere della pandemia e al tragico conflitto in Ucraina, che hanno comportato aumenti dei prezzi, crescita dell'inflazione, dei tassi di interesse e volatilità dei mercati" richiama Donnet ma "Generali ha fondamenta forti e una solidità comprovata dalla sua storia di quasi due secoli".

 

Anche "i prossimi anni saranno sfidanti ma anche pieni di opportunità di dare vita al nostro Purpose e avere un impatto positivo su tutti i nostri stakeholder, compresi i nostri clienti, i nostri agenti, le nostre comunità, i nostri azionisti e tutti voi colleghi. Sono davvero orgoglioso del nuovo leadership team che abbiamo creato esclusivamente con tutti manager interni al nostro gruppo.

 

PHILIPPE DONNET ALBERTO NAGEL PHILIPPE DONNET ALBERTO NAGEL

Questa è la prova della ricchezza di talenti interni al gruppo e della capacità di Generali di valorizzare capacità e competenze" è il commento di sostegno di Donnet alla sua squadra. "Sono sicuro che con questo nuovo assetto organizzativo Generali sarà pronta a raggiungere i traguardi prefissati e sono fiducioso che insieme continueremo ad avere successo per molti anni a venire".

 

luciano cirina luciano cirina

2 - DONNET RIDISEGNA LE GENERALI MA IL CDA SI SPACCA SU CIRINÀ

Marcello Astorri e Marcello Zacché per "il Giornale"

 

Dal cda delle Generali arriva un'altra battuta a vuoto per la cooptazione del consigliere sostituto del dimissionario Francesco Gaetano Caltagirone. Secondo quanto risulta al Giornale in consiglio è stato portato un parere legale, richiesto dal Comitato Nomine, che esclude la nomina di Luciano Cirinà (manager licenziato per essere passato con Caltagirone e ora in causa con la società) perché non idonea.

 

ANDREA SCROSATI ANDREA SCROSATI

Tesi contrastata dalla minoranza in quanto in una causa di lavoro non si ravvisa il presupposto del dolo o della colpa grave, che giustificherebbero la inidoneità. E comunque che fosse il cda a votare, assumendosi la responsabilità.

 

Ma il presidente Sironi non ha voluto mettere ai voti la nomina di Cirinà, sollevando il cda dall'eventuale imbarazzo. Si è invece proposto, scorrendo i nomi della lista Caltagirone, di sondare nei prossimi giorni la disponibilità dei non eletti di genere maschile che, nell'ordine in cui si sono presentati, seguono Cirinà: Alberto Cribiore, Andrea Scrosati e Stefano Marsaglia.

FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE PHILIPPE DONNET FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE PHILIPPE DONNET

 

Se uno sarà disponibile il cda lo voterà a maggioranza, con una delibera che potrebbe però essere impugnata dalla minoranza, che fa leva su quanto scritto nello statuto, secondo il quale tocca prima a Cirinà.

 

Il board è riuscito comunque a varare la nuova organizzazione. Sono state votate all'unanimità la struttura e le nomine proposte dal ceo Philippe Donnet. Come spiega il comunicato ufficiale del Leone, saranno funzionali alla realizzazione delle priorità del piano strategico Lifetime Partner 24 Driving Growth.

francesco gaetano caltagirone francesco gaetano caltagirone

 

La nuova struttura, operativa da settembre, è stata concepita attraverso la promozione di manager interni. La più signficativa è quella di Marco Sesana, prima country manager Italy and global business lines, che incassa la nomina a general manager di group head office.

Riporterà a Donnet, con un ruolo rafforzato di indirizzo e coordinamento delle business unit operative del gruppo.

 

marco sesana Generali marco sesana Generali

E si tratta di una figura diversa da quella di un direttore generale, auspicata da Francesco Gaetano Caltagirone, che avrebbe riportato al consiglio di amministrazione e non al ceo.Sesana eredita il ruolo che fu di Frédéric de Courtois. Al suo posto, come country manager Italy, andrà Giancarlo Fancel, prima group chief risk officer.

 

La cui poltrona sarà occupata dal ceo di Cattolica Assicurazioni, la compagnia che il Leone sta per assorbire.

 

STEFANO MARSAGLIA STEFANO MARSAGLIA

Viene inoltre smembrata la divisione di Generali che comprendeva Austria e Paesi dell'Est Europa, guidata da Cirinà prima della sua candidatura a ceo per la lista Caltagirone.

Contestualmente, è stata creata una nuova business unit che andrà ad abbracciare Germania, Austria e Svizzera.

 

 A capo di essa come ceo avanza Giovanni Liverani, attualmente Country Manager Germany (sostituito a capo soltanto della Germania da Stefan Lehmann, che tuttavia riporterà a Liverani) e, ad interim dopo il licenziamento di Cirinà, Austria & CEE Officer.

 

GIOVANNI LIVERANI GIOVANNI LIVERANI

Jaime Anchústegui è confermato ceo International e nel perimetro della sua Business Unit International entrano i Paesi dell'Europa dell'Est. Crescono poi le responsabilità di Jean-Laurent Granier in quanto tutte le Global Business Lines vengono aggregate all'interno della nuova Business Unit France, Europ Assistance and Global Business Lines. Simone Bemporad, group chief communications and public affairs officer, da ieri è anche portavoce del gruppo.

 

E tutti i manager promossi fanno il loro ingresso del Group Management Committee (Gmc), il comitato internazionale responsabile per la definizione delle priorità strategiche del gruppo.

generali. generali. SERGIO MATTARELLA ANDREA SCROSATI SERGIO MATTARELLA ANDREA SCROSATI il piano della lista caltagirone per generali il piano della lista caltagirone per generali claudio costamagna claudio costamagna

 

Condividi questo articolo

business

DRAGHI E MATTARELLA A TUTTO GAS! – IL PREMIER VOLA ALLA CORTE DEL “DITTATORE” ERDOGAN PER DISCUTERE DI UN AUMENTO DEI FLUSSI DI GAS E DI UN MAGGIORE CONTROLLO SUI MIGRANTI – IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA IN MOZAMBICO SI È MOSSO PER FAR AVERE ALL’ITALIA UNA FETTA DEI GIACIMENTI OFF SHORE PIÙ RICCHI DI GAS AL MONDO, CON RISERVE STIMATE FINO A 2.400 MILIARDI DI METRI CUBI – DUE MISSIONI CRUCIALI PER EVITARE UNA CRISI ENERGETICA INVERNALE E SOTTRARSI ALLA DIPENDENZA DI PUTIN…