MARK, NUDO ALLA “META” – LA FUFFA DEL METAVERSO È GIÀ COSTATA 36 MILIARDI A ZUCKERBERG, CHE HA FATTO IL PASSO PIÙ LUNGO DELLA GAMBA E NON PUÒ TORNARE INDIETRO (RISCHIEREBBE UNA FIGURA DI MERDA MONDIALE). E MENTRE TUTTE LE MULTINAZIONALI STRACCIANO I PROGETTI DI REALTÀ AUMENTATA, PER INDIRIZZARE GLI INVESTIMENTI SULL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE, LUI INSISTE, PROMETTE FANTASTILIARDI AGLI INVESTITORI – LA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE “INSISTENTE”, TRA PODCAST, APPELLI E SPOT

-

Condividi questo articolo


horizon worlds 2 horizon worlds 2

Estratto dell’articolo di Carlo Terzano per www.startmag.it

 

Il metaverso rischia di andare di traverso a Mark Zuckerberg. Pare proprio che l’inventore dei social network questa volta abbia puntato sul cavallo sbagliato. Più di un semplice passo falso che finora gli sarebbe costato 36 miliardi di dollari, se si considera che il rebranding del gruppo che comprende Facebook, Instagram e WhatsApp passa proprio dal metaverso, visto che il nome scelto è stato Meta.

 

MARK ZUCKERBERG MARK ZUCKERBERG

Eppure, le vendite dei visori non soddisfano nessuno dei colossi che ha deciso di produrli e sono sempre più le big tech che fuggono da quelle lande virtuali tristemente vuote.

 

[…] La prima a ridurre drasticamente team connessi alla nuova tecnologia è stata Microsoft che oltre ad aver licenziato 11mila dipendenti lo scorso 10 marzo ha chiuso anche AltspaceVR, la piattaforma di realtà virtuale sociale che ha acquisito nel 2017 […[

 

[…] Anche i visori Sony rischiano di far perdere una gran quantità di denaro alla multinazionale nipponica dei videogame, lasciando il pubblico indifferente. Secondo l’azienda di marketing intelligence International Data Corporation […], Sony avrebbe chiuso il mese di marzo piazzando appena 270.000 visori, vale a dire il 14% delle unità complessive in produzione […]

horizon worlds 1 horizon worlds 1

 

[…] L’ultima a uscire dalle porte di servizio del metaverso è Disney alle prese con una dieta ferrea per rientrare nei conti. Il Gruppo […] ha già eliminato la divisione che sviluppava il metaverso diretta da Mike White. Tutti i 50 membri del team hanno perso il lavoro a esclusione di White che rimarrà in azienda […] con un altro ruolo […].

 

IL METAVERSO DI META È VUOTO

LUCA COLOMBO COUNTRY DIRECTOR FACEBOOK ITALIA LUCA COLOMBO COUNTRY DIRECTOR FACEBOOK ITALIA

Come già raccontato, il crollo del metaverso rischia di travolgere soprattutto Meta che in merito ha investito tantissimo, ottenendo indietro piuttosto poco. La compagnia di Zuckerberg vuole riuscire ad accumulare almeno 75 milioni di utenti tra Facebook, Instagram e VR.

 

Il primo obiettivo da raggiungere sono i 500.000 utenti attivi mensili nella prima metà del 2023. Attualmente il numero è inferiore a 200.000. Ma il principale problema è il “retention rate”. Deve naturalmente crescere il numero di affezionati: al momento come si anticipava solo l’11% degli utenti ritorna in Horizon Worlds il mese successivo: la meta per quest’anno è raggiungere il 20%.

 

MIKE WHITE DISNEY MIKE WHITE DISNEY

IL TAM-TAM MEDIATICO PER RILANCIARE UN’IDEA CHE NON FUNZIONA

Un tempo si diceva “idea buona ma non funziona”. Col metaverso però sarebbe difficile esprimere un giudizio sulla qualità della nuova trovata, dato che nessuno sembra aver capito a che serva.

 

 

Una pubblicità di Meta ne illustrava le potenzialità, dicendo che grazie a questo strumento immersivo, capace cioè di immergerci nella realtà virtuale, avremmo studiato e lavorato in modo diverso. La realtà dei fatti è che, al momento, il metaverso pare solo un brutto videogioco, una nuova versione del vecchissimo Second Life, tra le prime bolle del vecchio internet.

 

Facebook Metaverso 4 Facebook Metaverso 4

[…] Meta tenta almeno di serrare le file, bloccando la fuga di investitori e attraendo utenti. Il tam tam mediatico delle ultime ore è dirompente, tra spot, ricerche, podcast e veri e propri appelli. Luca Colombo, country director di Meta Italia, ha dichiarato: «Il metaverso sarà costituito da tecnologie, piattaforme e prodotti realizzati da diverse aziende che apriranno nuove opportunità creative e commerciali. L’impatto economico di queste tecnologie sarà decisamente reale e valorizzarle è di fondamentale importanza. E per fare questo è necessario l’impegno e la cooperazione di numerosi soggetti coinvolti, tra cui aziende tecnologiche, mondo istituzionale e società civile». Insomma, una chiamata di capitali in piena regola.

 

ATENEIONLINE SERVIZIO SCELTA DI LAUREA NEL METAVERSO ATENEIONLINE SERVIZIO SCELTA DI LAUREA NEL METAVERSO

[…] Lo stesso Mark Zuckerberg è sceso in campo […] : «Si sta sviluppando una narrazione secondo cui ci stiamo in qualche modo allontanando dalla visione del metaverso […] Voglio dire chiaramente che ciò non è accurato. Ci stiamo concentrando da anni sia sull’intelligenza artificiale sia sul metaverso e continueremo a focalizzarci su entrambi. Costruire il metaverso è un progetto a lungo termine, noi vogliamo realizzarlo».

 

Sarà, però nel frattempo proprio Meta chiude gli eventi sul suo metaverso: «Stiamo orientando il nostro sviluppo in Worlds verso il miglioramento della qualità complessiva della piattaforma e ci siamo presi del tempo per rivisitare anche alcune funzionalità […]».

 

riunioni virtuali metaverso 1 riunioni virtuali metaverso 1

[…] Nel tam tam mediatico di Meta per rilanciare il proprio metaverso probabilmente confluisce il recente report che promette ricchezze per coloro che crederanno nel progetto. In Italia il metaverso potrebbe generare un impatto economico tra i 28 e i 52 miliardi di euro entro il 2035, mentre nell’intera Unione Europea questa cifra ammonterebbe a una somma compresa tra i 259 e i 489 miliardi di euro l’anno, pari all’1,3%-2,4% del Pil mondiale. Sono i dati che emergono dallo studio ‘Il metaverso e l’opportunità per l’Unione Europea’, condotto da Meta con Deloitte. Cifre astronomiche che proprio per questa ragione sembrano rientrare nella campagna marketing avviata dal Gruppo.

 

horizon worlds 3 horizon worlds 3

PODCAST E SPOT

E visto che i podcast continuano a macinare cifre mostruose, ecco che il rilancio del metaverso di Meta passa pure da lì, con l’acquisto di uno spazio chiamato “Conversazioni sul metaverso”, realizzato con Chora Media (Be Content) di Mario Calabresi, disponibile da martedì 16 maggio, sulle principali piattaforme audio (Spotify, Apple Podcast, Spreaker e Google Podcast).

 

Conversazioni sul metaverso - il podcast di chora con meta Conversazioni sul metaverso - il podcast di chora con meta

Nel podcast, si legge nel comunicato stampa “dedicato alla scoperta del presente e del futuro del metaverso, l’esperto di tecnologia Matteo Flora e la libraia Cristina Di Canio dialogheranno con tre esperti di Meta, che approfondiranno le diverse prospettive e implicazioni di questa nuova evoluzione di Internet”.

 

E naturalmente non manca il padrone di casa: “Ospite della puntata d’apertura Luca Colombo, Country Director di Meta in Italia, che partendo dalle basi di quello che è il metaverso approfondirà l’impatto che il metaverso avrà sul nostro futuro, soprattutto a livello economico e lavorativo”. […]

disney zepeto 2 disney zepeto 2

MARK ZUCKERBERG MARK ZUCKERBERG NICK CLEGG E MARK ZUCKERBERG NICK CLEGG E MARK ZUCKERBERG NICK CLEGG E MARK ZUCKERBERG NICK CLEGG E MARK ZUCKERBERG MARK ZUCKERBERG MARK ZUCKERBERG MARK ZUCKERBERG METAVERSE MARK ZUCKERBERG METAVERSE

metaverso 6 metaverso 6 Bacio nel metaverso Bacio nel metaverso ralph lauren zepeto 2 ralph lauren zepeto 2 louis vuitton league of legends 4 louis vuitton league of legends 4 metaverso 5 metaverso 5 metaverso 4 metaverso 4 metaverso 7 metaverso 7 horizon venues 1 horizon venues 1 Abbigiliamento Metaverso Abbigiliamento Metaverso horizon venues 2 horizon venues 2 ATENEIONLINE SERVIZIO SCELTA DI LAUREA NEL METAVERSO ATENEIONLINE SERVIZIO SCELTA DI LAUREA NEL METAVERSO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING... 

FLASH! - FACILE FARE I PATRIOTI CON LE CHIAPPE ALTRUI – INDOVINATE CHE AUTO GUIDA ADOLFO URSO, IL MINISTRO CHE PER DIFENDERE L'ITALIANITÀ HA “COSTRETTO” ALFA ROMEO A CAMBIARE NOME DA “MILANO” A “JUNIOR”? UN PRODOTTO DELL’INDUSTRIA MADE IN ITALY? MACCHÉ: NELLA SUA DICHIARAZIONE PATRIMONIALE, SPUNTANO UNA VOLKSWAGEN T-CROSS E UNA MENO RECENTE (MA SOSTENIBILE) TOYOTA DI INIZIO MILLENNIO. VEDIAMO IL LATO POSITIVO: ALMENO NON SONO DEL MARCHIO CINESE DONFGENG, A CUI VUOLE SPALANCARE LE PORTE...

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...