I MERCATI SONO AGITATI: NON È COLPA DELLE EUROPEE MA DELLA SOLITA CHRISTINE LAGARDE – LA PRESIDENTE DELLA BCE HA COMMENTATO IL VOTO IN UE PARLANDO DI UN PERCORSO “ACCIDENTATO” VERSO LANORMALITÀ, E ESCLUDENDO UNA TRAIETTORIA “LINEARE” NEL TAGLIO DEI TASSI. RISULTATO? I RENDIMENTI DEI BTP SALGONO AL 4,1%, LO SPREAD CRESCE A 146. DEL RESTO, L’EX COCCA DI SARKOZY, NEL 2020, ESORDÌ DICENDO: “NON SIAMO QUI PER RIDURRE LO SPREAD”

-

Condividi questo articolo


 

CHRISTINE LAGARDE - BCE - INFLAZIONE CHRISTINE LAGARDE - BCE - INFLAZIONE

1. I RENDIMENTI DEI BTP SALGONO AL 4,1%, LO SPREAD A 146

(ANSA) - Resta sotto pressione il comparto dei titoli di Stato in Europa all'indomani delle elezioni europee e dopo che la presidente della Bce, Christine Lagarde, ha escluso una traiettoria "lineare" nel taglio dei tassi.

 

Il rendimento del Btp sale di altri 5 punti base, al 4,12%, ritoccando i massimi da inizio dicembre, mentre lo spread con il Bund cresce di 6 punti, a quota 146, ai massimi da inizio marzo. Peggio dell'Italia fa la Francia, con gli Oat in rialzo di sette punti al 3,29%, per effetto dell'incertezza scatenata a Parigi dal voto anticipato.

 

2. BORSA: MILANO SCIVOLA (-1,2%) CON LO SPREAD, GIÙ LE BANCHE

marine le pen emmanuel macron marine le pen emmanuel macron

(ANSA) - Piazza Affari accentua le perdite a metà seduta (-1,2%) in scia alle tensioni sui Btp, su cui proseguono le vendite all'indomani del voto europeo. In un clima di sfiducia verso tutto il debito sovrano dell'Eurozona, i titoli di Stato italiani sono i più penalizzati, dopo gli Oat francesi.

 

Il rendimento del nostro decennale sale infatti al 4,13%, al massimo da inizio dicembre, mentre lo spread con il Bund tocca quota 147 punti base, ai massimi da inizio marzo. Sul listino milanese soffrono le banche, con Banco Bpm (-3,1%), Unicredit (-2,1%) e Bper (-2,2%).

 

3. TASSI E SPREAD, I TIMORI DELLA BCE SULL'UE SOVRANISTA

Estratto dell’articolo di Fabrizio Goria per “la Stampa”

 

EMMANUEL MACRON CHRISTINE LAGARDE EMMANUEL MACRON CHRISTINE LAGARDE

«Accidentato». Giovedì scorso la presidente Christine Lagarde aveva definito così il percorso della Banca centrale europea verso la normalità. L'indomani del voto Ue, in cui le destre hanno mostrato la loro potenza, le sue parole risuonano a Francoforte. I timori che l'esito della tornata elettorale possa avere un'influenza sull'economia continentale sono numerosi.

 

Quando Lagarde parlava di scossoni in grado di avere implicazioni sulla politica monetaria della Bce, faceva riferimento a ciò che è successo all'Eliseo. Ma non solo. La corsa dei partiti di destra […] è stata netta. A Francoforte c'è preoccupazione per i nuovi arrivi, che potrebbero invertire la rotta su diversi dossier cruciali, come il Green Deal, ed effettuare pressioni politiche sulle decisioni della Bce.

 

fabio panetta christine lagarde giancarlo giorgetti g7 economia stresa fabio panetta christine lagarde giancarlo giorgetti g7 economia stresa

Ipotesi […] che può creare volatilità sui mercati finanziari - come si è verificato ieri sulla Borsa di Parigi (-1,35%) e sui Btp decennali italiani, in salita sopra il 4% - e ridurre la credibilità della Bce.

 

Motivo per cui, come spiegato da Lagarde in una intervista a quattro testate europee, non è corretto effettuare indicazioni prospettiche. «Come si possono fornirle quando c'è un livello di incertezza molto elevato? Significa legarsi le mani», ha detto Lagarde.

 

Proprio la Francia è vista come possibile sorgente di incognite  […]. Il combinato disposto fra il doppio turno elettorale […] (30 giugno, 7 luglio) […] e la prossima riunione della Bce (18 luglio) può creare le condizioni per un nervosismo fra gli investitori […] che potrebbe influenzare gli spread dei Paesi periferici.

GIANCARLO GIORGETTI E CHRISTINE LAGARDE GIANCARLO GIORGETTI E CHRISTINE LAGARDE

 

L'ipotesi di un secondo mandato alla Commissione per Ursula von der Leyen […] è vista in modo positivo. Ma le negoziazioni post elettorali saranno serrate e non potranno non tener conto dell'avanzata dei partiti nazionalisti, sovranisti e anti-europeisti. […]

christine lagarde 3 christine lagarde 3 LE PEN MACRON 11 LE PEN MACRON 11 ELEZIONI FRANCESI VISTE DA GIANNELLI ELEZIONI FRANCESI VISTE DA GIANNELLI lagarde merkel macron lagarde merkel macron christine lagarde 5 christine lagarde 5 christine lagarde christine lagarde OCEAN VIKINGS - MEME BY CARLI OCEAN VIKINGS - MEME BY CARLI christine lagarde 1 christine lagarde 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE