MERCOLEDÌ NERO SUI MERCATI – I TIMORI SU UN POSSIBILE DEFAULT AMERICANO, NON ESCLUSO DA JANET YELLEN, FANNO CROLLARE LE BORSE EUROPEE, CHE BRUCIANO 227 MILIARDI DI CAPITALIZZAZIONE – LA PEGGIORE DEL CONTINENTE È MILANO, CON IL FTSE MIB CHE HA LASCIATO SUL TERRENO IL 2,39%, MANDANDO IN FUMO 14 MILIARDI…

-

Condividi questo articolo


Da www.ansa.it

 

BORSA CROLLO BORSA CROLLO

Lo stallo sul debito Usa e i timori di un default mandano in fibrillazione le Borse europee che bruciano 227 miliardi in termini di capitalizzazione. In quello che è un mercoledì tinto solo di rosso per i mercati, Francoforte cede l'1,92% con il Dax a 15.842 punti.

 

Parigi perde l'1,7% con il Cac 40 a 7.253 punti e Londra l'1,75% con il Ftse 100 a 7.627 punti.

 

Seduta da dimenticare per la Borsa di Milano, così come per il resto delle Piazze europee messe ko dai timori di un default degli Stati Uniti.

 

janet yellen janet yellen

Il Ftse Mib, maglia nera nel Vecchio Continente, lascia sul terreno il 2,39% a 26.524 punti. Il listino manda così in fumo 14 miliardi in termini di capitalizzazione. Mercoledì da dimenticare per Piazza Affari, al pari delle altre Borse europee schiacciate dai timori di un default degli Stati Uniti per lo stallo sul debito. A contribuire al clima di incertezza anche una nuova ondata di Covid in Cina e l'inflazione britannica oltre le attese ad aprile. A Milano (Ftse Mib -2,39% a 26.524 punti) è controcorrente Mediobanca (+1,9%), sull'effetto del nuovo piano. Rialzi contenuti poi per Prysmian (+0,46%) e Tenaris (+0,24%). Marginali Moncler ed Eni (+0,03% entrambe). La maglia nera è per Mps (-7,1%). Tra i peggiori anche StM (-5,4%), Pirelli (-5%), Leonardo (-4,99%).

 

A trascinare verso il basso i listini i timori sul debito Usa, ma anche la nuova ondata di Covid in Cina e l'inflazione britannica sopra le attese. Milano resta la peggiore con il Ftse Mib che perde il 2,3% (Ftse Mib a 26.588 punti) con Mediobanca (+2%), in scia al piano, e Prysmian (+1,4%) controcorrente sul listino con Mps (-5,4%), Leonardo (-5,35%) e Pirelli (-5%) maglia nera.

 

ITALIA CROLLO BORSA ITALIA CROLLO BORSA

Sul default americano interviene Janet Yellen che ribadisce: 'Il Tesoro potrebbe finire le sue disponibilità per far fronte agli obblighi finanziari l'1 giugno, data in cui quindi gli Stati Uniti potrebbero scivolare in default. Intervenendo a un evento del Wall Street Journal, il segretario al Tesoro spiega che è difficile identificare con precisione il giorno in cui le risorse finiranno e si impegna ad aggiornare al riguardo il Congresso in tempi brevi. Un accordo sul tetto del debito è "possibile", mette in evidenza Yellen.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...