LA MERKEL FA RETROMARCIA – NEL 2009 BERLINO SPESE 5 MILIARDI PER UN PROGRAMMA DI INCENTIVI ALLA ROTTAMAZIONE CHE FECE VOLARE LE VENDITE DI MACCHINE. MA LO SCANDALO “DIESELGATE” HA TRASFORMATO VOLKSWAGEN & CO IN APPESTATI, E LA MERKEL PER ORA È RILUTTANTE AD AZIONARE LA STESSA LEVA ECONOMICA…

-

Condividi questo articolo

 

 

Articolo del “Financial Times” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

angela merkel stabilimento volkswagen angela merkel stabilimento volkswagen

 

Politici e cittadini  sembrano riluttanti a vedere il settore ricevere un’assistenza speciale, scrive il Financial Times. Nel 2009, durante l'ultima crisi finanziaria, un nuovo sostantivo fu incoronato la parola tedesca dell'anno: "Abwrackprämie", o bonus di rottamazione, è entrato nel lessico poiché Berlino ha speso 5 miliardi di euro per un programma di stimolo che ha portato le vendite di auto nel Paese a un record assoluto. Ma sulla scia della crisi del coronavirus, le case automobilistiche tedesche danneggiate dallo scandalo delle emissioni del "Dieselgate" hanno difficoltà a convincere il governo di Angela Merkel ad azionare di nuovo la stessa leva economica.

HERBERT DIESS HERBERT DIESS

 

diesel germania diesel germania

Nonostante le pressanti suppliche della lobby dell'auto, la VDA, la tanto attesa teleconferenza tra il cancelliere, i suoi ministri e i capi di Volkswagen, Daimler e BMW si è conclusa il 5 maggio in un nulla di fatto. L'amministrazione della signora Merkel si impegnerà solo ad ulteriori incontri per "discutere le misure per stimolare l'economia", con un possibile annuncio all'inizio di giugno. I dirigenti delle auto hanno espresso rapidamente il loro sgomento.

OLIVER ZIPSE OLIVER ZIPSE

 

Herbert Diess, l'amministratore delegato della più grande casa automobilistica del mondo, Volkswagen, ha sottolineato che un programma di incentivi avrebbe avuto "un effetto potente, ampio e immediato" sulla più grande economia europea, poiché lo stimolo sarebbe arrivato a migliaia di fornitori e concessionari.

 

DIESELGATE DIESELGATE

Ola Kallenius di Daimler si era detto preoccupato che i clienti avrebbero rimandato gli acquisti in previsione di un bonus per la rottamazione, aggravando le disgrazie del settore, mentre Oliver Zipse di BMW ha ammesso che era diventato "difficile trasmettere" al pubblico tedesco la necessità di un sistema di incentivi nel loro mercato nazionale. "Le cose sono cambiate molto dal 2009", ha detto Stefan Bratzel, il direttore del Center of Automotive Management. A causa dello scandalo delle emissioni di diesel, "si è persa molta fiducia e sicurezza", ha aggiunto, rendendo quasi impossibile per i politici sovvenzionare direttamente il settore, che sostiene circa 3 milioni di posti di lavoro solo in Germania.

DIESELGATE DIESELGATE

 

diesel germania diesel germania

La scorsa settimana la segreteria del partito di Angela Merkel, la  CDU, che comprende il futuro probabile  leader Armin Laschet, ha inferto un ulteriore colpo alle speranze delle case automobilistiche, in quanto ha parlato di un sostegno di un "pacchetto di stimolo generale", segnalando una riluttanza a privilegiare un settore specifico. A questo messaggio ha fatto eco il capo del più grande sindacato tedesco, l'IG Metall, che rappresenta centinaia di migliaia di lavoratori del settore automobilistico, mentre i movimenti ambientalisti hanno lanciato una campagna sui social media per protestare contro qualsiasi sovvenzione.

armin laschet coronavirus armin laschet coronavirus

 

DIESELGATE DIESELGATE

"Dopo anni di costruzione di modelli sbagliati [inquinanti], il denaro delle tasse non deve essere semplicemente gettato alle aziende, in modo che possano mettere in circolazione le auto ad un prezzo più basso", ha detto Olaf Bandt, il presidente del gruppo ambientalista Bund.

 

volkswagen winterkorn volkswagen winterkorn

L'organizzazione sostiene invece che lo Stato dovrebbe sovvenzionare la vendita di biciclette e investire nelle infrastrutture del trasporto pubblico. Mentre i responsabili tedeschi del settore auto sono stati attenti a non venir meno ai loro impegni per il raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 a livello europeo, la lobby europea del settore ha chiesto tolleranza a Bruxelles, rafforzando le argomentazioni degli attivisti. Anche le case automobilistiche e i principali fornitori hanno provocato l'ira degli attivisti pianificando di pagare quest'anno 5 miliardi di euro di dividendi, nonostante il fatto che più di 200.000 lavoratori siano stati messi in cassa integrazione.

armin laschet angela merkel armin laschet angela merkel

 

Eppure l'opposizione a un programma di rottamazione non è limitata ai politici e agli attivisti. Diversi importanti economisti tedeschi affermano che le condizioni di mercato non richiedono un rilancio dell'Abwrackprämie, nonostante l'avvertimento dell'agenzia di rating Moody's che quest'anno il mercato dell'Europa occidentale sta affrontando un crollo delle vendite del 30%. "A differenza del 2009, non ci sono problemi di finanziamento per l'acquisto di auto", ha detto Gabriel Felbermayr, presidente dell'IfW Institute. "I consumatori hanno sufficiente liquidità".

matthias mueller volkswagen matthias mueller volkswagen

 

Un programma che sostenga esclusivamente la vendita di veicoli elettrici potrebbe portare i politici ad "abbandonare la necessaria neutralità tecnologica", ha avvertito. Le auto verdi hanno già un sussidio fino a 6.000 euro in Germania e rappresentano meno del 10% dei modelli acquistati.  Inoltre, l'industria automobilistica del Paese dipende ancora di più dalle esportazioni rispetto a dieci anni fa, con quasi due terzi della domanda proveniente dall'estero.

angela merkel volkswagen angela merkel volkswagen

 

Poiché anche la quota di auto importate in Germania è aumentata, un sussidio "aiuterebbe i fornitori stranieri più di prima", ha detto Felbermayr. Uno scenario del genere potrebbe ancora funzionare nell'industria automobilistica - e il favore di Berlino - ha detto Jürgen Pieper, analista di Metzler, in quanto fungerebbe da "stimolo paneuropeo". "Uno schema di Kaufprämie [bonus all'acquisto] avrebbe un elemento a favore dell'Europa, e questo è utile in questi tempi", ha detto.

angela merkel volkswagen angela merkel volkswagen

 

Se i consumatori finiscono per acquistare auto italiane, francesi e spagnole, "potrebbe aiutare a migliorare un po' l'immagine della Germania nell'Europa meridionale". L'attenzione più immediata, tuttavia, è rivolta alle difficoltà interne dell'industria automobilistica. Nonostante il ruolo sovradimensionato del settore automobilistico nell'economia del Paese, un sondaggio condotto la scorsa settimana per il canale televisivo pubblico ARD ha rilevato che il 63 per cento dei tedeschi si è opposto a fornire un aiuto specifico.

 

Condividi questo articolo

business

ITALIA DA RECOVERY – È ARRIVATA LA PROPOSTA DELLA COMMISSIONE EUROPEA: IL FONDO DIVENTA DA 750 MILIARDI: 500 IN ‘GRANTS’, CIOÈ STANZIAMENTI A FONDO PERDUTO (IN TEORIA) E 250 IN ‘LOANS’, CIOÈ PRESTITI – PER L’ITALIA LA QUOTA TOTALE È DI 172 MILIARDI, DI CUI 82 DI 'SUSSIDI'. TOGLIENDO I 56 CHE VERSIAMO ALL’UE FANNO 26 MILIARDI IN TRE ANNI. SENZA CONTARE LA QUOTA PARTE DI GARANZIA DEI PRESTITI – QUALCHE CONDIZIONALITÀ CI SARÀ PER FORZA, INFATTI LA COMMISSIONE HA GIÀ RIVOLTO QUATTRO ‘RACCOMANDAZIONI’ SPECIFICHE ALL’ITALIA – E L’OLANDA FRENA: “I NEGOZIATI SARANNO LUNGHI”

IL NORD PAPPA TUTTO - QUATTRO REGIONI FANNO RAZZIA DEI PRESTITI CON GARANZIA PUBBLICA: LOMBARDIA, PIEMONTE, VENETO ED EMILIA-ROMAGNA SI ASSICURANO OLTRE LA META' DEI FINANZIAMENTI - MA LA FABI DI SILEONI LANCIA L'ALLARME ROSSO: “AL SUD RESTANO LE BRICIOLE E C'E' RISCHIO USURA” - NON C'E' PROPORZIONE TRA CREDITI E PRESENZA SUL TERRITORIO DI PMI - AL NORD C'E' IL 38% DI PMI E PARTITE IVA CHE INTASCA IL 50,7% DELLA LIQUIDITA' PROTETTA DALLO STATO, MENTRE NEL CENTRO-SUD, CON IL 62%, I FINANZIAMENTI SI FERMANO AL 49%...