LA MOSSA DEL DRAGONE PER NON LASCIARSI SFUGGIRE L’ITALIA – A PECHINO HANNO CAPITO CHE GIORGIA MELONI È PRONTA A USCIRE DALLA VIA DELLA SETA, IN SEGUITO AL PRESSING DEGLI STATI UNITI. COSÌ TENTANO IL RILANCIO PER CONVINCERE ROMA A RIMANERE NEL PROGETTO. NEGLI ULTIMI MESI LA CINA HA FATTO DECOLLARE IL VOLUME DEGLI SCAMBI COMMERCIALI: SOLO A FEBBRAIO SI SONO REGISTRATE ESPORTAZIONI DALL’ITALIA PER 3 MILIARDI DI EURO, CON UN’IMPENNATA DEL 131% RISPETTO ALLO SCORSO ANNO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lorenzo Lamperti per “la Stampa”

 

VIA DELLA SETA VIA DELLA SETA

La Cina è convinta che l'Italia sia pronta a uscire dalla Via della Seta. Il momento della decisione si avvicina e, secondo diverse fonti da Pechino, la direzione sembra essere quella del non rinnovo dell'accordo. Giorgia Meloni lo aveva preannunciato più volte in campagna elettorale, per poi assumere una linea più cauta una volta entrata a Palazzo Chigi e dopo aver accettato l'invito a Pechino di Xi Jinping, avanzato nel bilaterale di Bali. Ma a Pechino valutano che il pressing degli Stati Uniti lascia poco spazio.

 

Il governo cinese continua però a insistere sui vantaggi dell'iniziativa. Nella conferenza stampa di ieri, il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin ha esordito proprio sul tema: «Da quando Cina e Italia hanno firmato il documento sulla Bri sono stati raggiunti risultati fruttuosi». Per poi invitare l'Italia a «sfruttare ulteriormente il potenziale» dell'accordo.

meloni xi jinping meloni xi jinping

 

[…]

 

Pechino sta provando a lasciar intravedere quel potenziale, forse nell'estremo tentativo di far cambiare idea a Meloni. Secondo i dati doganali cinesi, nei primi mesi del 2023 le esportazioni italiane sono cresciute del 7,4 per cento, sopra la media Ue del 5,9%. Ma «secondo i dati Istat, che differiscono per tempi di spedizione e altri criteri di imputazione, a marzo si rilevano aumenti del 26,3%» segnala Lorenzo Riccardi, docente di fiscalità alla Shanghai University.

 

A febbraio il dato era addirittura del 131,4 per cento, col record storico di 3 miliardi di export. Secondo l'Institute of International Finance, che cita chiarimenti della Banca d'Italia, a trainare l'aumento sarebbe stato l'acquisto di un farmaco generico per curare il fegato (l'Udca), che avrebbe effetti preventivi (per ora non dimostrati) sul Covid.

biden meloni biden meloni

 

Al di là degli scambi, per il futuro dei rapporti bilaterali sarà decisivo il metodo scelto da Meloni per comunicare la decisione. L'annuncio arriverà dal G7 di Hiroshima della prossima settimana o durante la visita a Washington? Oppure durante un colloquio con Xi Jinping, magari durante la visita a Pechino?

 

[…]

 

MELONI XI JINPING 56 MELONI XI JINPING 56

La certezza è che l'adesione italiana (la prima dall'interno del G7) è stata per Pechino un grande risultato politico e simbolico, così come l'allora restituzione di 796 reperti archeologici: prova del ritorno della Cina sul palcoscenico globale e riconoscimento del suo ruolo storico. Vero che non serve essere nella Bri per fare affari con Pechino: lo dimostrano Francia, Germania e Brasile. Ma uscirne ora assume valenza politica.

scholz biden meloni g20 bali scholz biden meloni g20 bali giorgia meloni joe biden g20 bali giorgia meloni joe biden g20 bali giorgia meloni xi jinping g20 bali indonesia giorgia meloni xi jinping g20 bali indonesia

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO