MUSTIER MONTA SUL “MONTE” – NEL NEGOZIATO TRA UNICREDIT E MPS È ENTRATO DIRETTAMENTE L’AD USCENTE E CHIEDE AL TESORO 6 MILIARDI DI DOTE – IL RIASSETTO CON FUSIONE E SCORPORO DI UNA MINI-BANCA CON SEDE A SIENA PIACE AL MERCATO, MA SIAMO SICURI CHE SI POSSA FARE? L’EX VICEMINISTRO ZANETTI: “SE FANNO LA FUSIONE SFRUTTANDO PER MILIARDI DI EURO IL BONUS AGGREGAZIONI, MA POI SUBITO DOPO SCINDONO UN BEL PEZZO DI QUELLO CHE HANNO APPENA FUSO, QUESTO POTREBBE CHIAMARSI ABUSO DEL DIRITTO (ELUSIONE FISCALE)”

-

Condividi questo articolo

roberto gualtieri roberto gualtieri

1 –MPS, NEL NEGOZIATO È ENTRATO MUSTIER: AL TESORO CHIEDE UNA DOTE DI 6 MILIARDI

Rosario Dimito per “il Messaggero”

 

Piace al mercato e alle istituzioni locali il riassetto del Montepaschi, su cui spingono le Autorità, mediante fusione in Unicredit e scorporo di una mini-Banca Mps, con 300 filiali, con sede a Siena e autonomia di 1-3 anni almeno su alcuni business retail, anticipato dal Messaggero.

 

monte dei paschi di siena monte dei paschi di siena

Ieri il titolo Mps ha chiuso con un balzo del 6,1% a 1,09 euro, dopo una sospensione per eccesso di rialzo. Su questo schema stanno lavorando gli advisor BofA Merrill Lynch e studio Orrick per il Tesoro; Mediobanca, Credit Suisse, studio Bep per Mps, tenendo aggiornati i consulenti di Unicredit JpMorgan, Goldman Sachs, Ubs. Da fonti bancarie, però, si apprendono altre due novità. La prima.

 

JEAN PIERRE MUSTIER JEAN PIERRE MUSTIER

Nel negoziato da ieri è entrato direttamente l'ad Jean Pierre Mustier che, seppure in uscita, da subito ha dato disponibilità a restare fino alla scadenza del mandato in aprile. Ora ha il compito di negoziare l'accordo-quadro (Mou) da lasciare al suo successore.

 

eugenio giani gel mascherina e pallone eugenio giani gel mascherina e pallone

Mustier a fine novembre aveva preso le distanze dal cda non tanto sul tema Mps, bensì sulla subholding da quotare a Francoforte da lui proposta per contenente le attività estere: sarebbe tornato ad occuparsi del dossier con il cordial entent del cda. Sicché ieri avrebbe avuto contatti con il Tesoro facendo il punto sulla dote: chiede 6 miliardi, di cui 2,5 in aumento di capitale e 2,5 delle Dta, mentre il Mef dovrebbe reperire un altro miliardo in linea capitale.

 

monte dei paschi di siena monte dei paschi di siena

CDA A SIENA SUL CAPITAL PLAN

Dopo la cessione di 9 miliardi di crediti dubbi ad Amco, ora c'è da chiudere il contenzioso con la Fondazione: sarebbe imminente. I rischi legali dovrebbero passare a Fintecna con una formula mista. Lunedì 11 è previsto un cda straordinario a Siena per riprendere le discussioni di dicembre sul capital plan da proporre alla Bce.

 

La seconda novità. La ri-privatizzazione mediante fusione in Unicredit e scorporo di una nuova banca, è la mediazione con il territorio. «Sono fiducioso sulla battaglia che abbiamo fatto perché Mps come brand, sede e autonomia giuridico funzionale della sua identità rimanga quella banca che dal 1472 rappresenta il punto di riferimento», ha detto Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana.

PIERCARLO PADOAN CON ELKETTE DI UNICREDIT PIERCARLO PADOAN CON ELKETTE DI UNICREDIT

 

L'operazione dovrà però superare la contrarietà di M5S. Su questo schema, almeno un paio di volte Luigi Di Maio, nei colloqui con il Tesoro, avrebbe rilanciato la contrarietà a mobilitare altri soldi pubblici, dopo i 5,4 miliardi versati nel 2017 in occasione della ricapitalizzazione precauzionale da 8,1 miliardi.

 

roberto gualtieri giuseppe conte luigi di maio roberto gualtieri giuseppe conte luigi di maio

A metà dicembre, il cda di Mps ha approvato un piano strategico imperniato su una ricapitalizzazione fino a 2,5 miliardi, di cui il Tesoro (64%), dovrebbe mettere 1,6 miliardi. Gli advisor sono impegnati per rispettare una deadline di fine marzo entro la quale siglare un Mou tra Unicredit, Tesoro e Mps, per perfezionare il merger in l'autunno. Tempi stringenti per Mustier mentre in parallelo il comitato nomine avrebbe ripreso lo screening del nuovo ad, concentrandosi su tre nomi.

 

 

2 – IL TESORO FARÀ ELUSIONE FISCALE SU MPS?

Emanuela Rossi per www.startmag.it

 

MONTE DEI PASCHI MONTE DEI PASCHI

Dopo la fusione con Unicredit spazio a una piccola Mps che nascerebbe come spin-off di Rocca Salimbeni. Il progetto – raccontato dal Messaggero – dipenderebbe dal nuovo azionista di maggioranza e dovrebbe realizzarsi tra l’estate e l’autunno prossimi. Ma c’è qualcuno – mentre il Mef, azionista con il 64% di Mps – che già all’apparire delle prime indiscrezioni ha qualcosa da ridire.

 

COSA STANNO ARCHITETTANDO TRA VIA XX SETTEMBRE E SIENA DOPO LA FUSIONE CON UNICREDIT

Dunque – secondo il giornale capitolino – dopo la “probabile fusione” con il gruppo presieduto da Pier Carlo Padoan potrebbe nascere una mini-Banca Mps “a termine, radicata in Toscana per preservare marchio e alcuni business su cui le istituzioni locali sono molto sensibili”.

 

GUIDO BASTIANINI GUIDO BASTIANINI

CHI SONO I CONSULENTI SUL DOSSIER

Per il giornalista del Messaggero, Rosario Dimito, sarebbe già operativo un tavolo per discutere della questione, avviato a Natale e ripartito ieri: ne fanno parte gli advisor del Tesoro (Bofa Merrill Lynch) e della stessa Rocca Salimbeni (Mediobanca e Credit Suisse) che peraltro tengono aggiornati i consulenti di Unicredit, ovvero Jp Morgan, Goldman Sachs e Ubs.

 

LE INDISCREZIONI DEL MESSAGGERO SU MPS, UNICREDIT E NON SOLO

“Da fonti bancarie – scrive il quotidiano romano – è possibile ricostruire lo stato di avanzamento del cantiere, insediato dal Mef per accelerare la ristrutturazione della banca, per le sollecitazioni della Ue – che ha sul tavolo il piano strategico del cda (presentato poco prima delle Festività dall’amministratore delegato Guido Bastianini, ndr) e della Bce”.

 

LA MINI MPS ARCHITETTATA DAL TESORO?

MPS MPS

Stando alla ricostruzione del Messaggero le istituzioni locali, a cominciare dalla Regione, sarebbero “preoccupate di preservare al massimo l’insediamento di Rocca Salimbeni anche ai fini occupazionali” e per questo il progetto sarebbe quello di far “risorgere un istituto tipo la vecchia Banca Toscana, che aveva 480 filiali, solido, basato a Firenze, incorporato nella casa madre nel 2009, quando l’impatto negativo sulla tenuta patrimoniale del maxi-esborso per Antonveneta (9,7 miliardi nel 2007) impose i primi interventi di emergenza”.

roberto gualtieri luigi di maio roberto gualtieri luigi di maio

 

COME SAREBBE LA NUOVA, FUTURA, BANCA MPS

Sempre secondo Dimito, giornalista di lungo corso esperto di cose bancarie, la nuova Banca Mps “dovrebbe avere circa 300 filiali, rispecchiando l’attuale rete commerciale nella regione. Sarebbe una legal entity con autonomia societaria e di alcuni business, come espressamente richiesto dalla politica locale che ha avuto più di un incontro in via XX Settembre”. In tal modo, peraltro, sopravviverebbe “un marchio che identifica la più antica banca del mondo”.

 

I DUE OBIETTIVI DEL TESORO SU MPS

ENRICO ZANETTI ENRICO ZANETTI

Insomma, da una parte non si cancellerebbero “tradizione, radicamento, appeal commerciale, liaison con il territorio” dall’altra si salvaguarderebbero anche “le professionalità interne che fanno parte dell’avviamento” dotando la nuova banca di autonomia operativa per “una prima fase, da 1 a 3 anni”.

 

IL COMMENTO DI ZANETTI SU MPS

Storce la bocca Enrico Zanetti, tributarista ed ex viceministro alle Finanze, che in un post su Facebook commenta: “Sarebbe opportuno rendersi conto dalle parti del Governo e non solo che, se fanno la fusione MPS sfruttando per miliardi di euro il bonus aggregazioni che gli hanno messo apposta in legge di bilancio, ma poi subito dopo scindono un bel pezzo di quello che hanno appena fuso, questo potrebbe chiamarsi abuso del diritto (elusione fiscale)”. Qualcosa, conclude, “che verrebbe contestato a qualsiasi altra azienda”.

 

Condividi questo articolo

business

COME MAI IL TITOLO DELLA CATENA DI VIDEOGIOCHI “GAMESTOP”, CHE NON SE LA PASSA BENISSIMO, HA FATTO +5000% IN UN MESE A WALL STREET? È TUTTO MERITO DI UN CANALE REDDIT CHE VUOLE FREGARE I COLOSSI DELLA SPECULAZIONE, SPECIALIZZATI NELLO SHORT SELLING, CON IL SUPPORTO DI ELON MUSK – È L’INIZIO DELLA RIVOLTA CONTRO L’ESTABLISHMENT O LA SOLITA BOLLA DI RAGAZZINI DESTINATA A SGONFIARSI? CHI SI RIBELLA AI MERCATI DI SOLITO FINISCE MALE, MA PER ORA LA BATTAGLIA LA STANNO VINCENDO...

L'ITALIA SPROFONDA E IL BANANA FA I QUATTRINI - OGGI SILVIO BERLUSCONI, CON UNA RICCHEZZA SALITA A QUASI 6 MILIARDI, HA ANCORA PIÙ SOLDI RISPETTO ALL’ULTIMA CLASSIFICA STILATA PRIMA DELLA PANDEMIA DA "FORBES", CHE LO HA DESCRITTO COME “COLUI CHE HA PORTATO IN ITALIA IL TELEFILM STATUNITENSE BAYWATCH” - IL TITOLO DI MEDIASET CHE VOLA IN BORSA NONOSTANTE LA GUERRA CON VIVENDI, GLI AFFARI CON MONDADORI E BANCA MEDIOLANUM: ALTRO CHE QUIRINALE, IL CAIMANO SI GODE IL PORTAFOGLI...