NON DITE A BIDEN CHE L’ECONOMIA AMERICANA SI STA RIPRENDENDO PIÙ VELOCEMENTE DEL PREVISTO! - IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE ERA SALITO AL 14,7% AD APRILE, MA IN AGOSTO È SCESO ALTRETTANTO RAPIDAMENTE ALL’8,4%. GLI STATI UNITI USCIRANNO PRIMA E MEGLIO DELL’EUROPA DALLA RECESSIONE: IL MOTIVO? IL MERCATO FLESSIBILE E IL PIANO DI AIUTI DI TRUMP, CHE HA FIRMATO ASSEGNI DA 1200 DOLLARI A PERSONA. E CHE SI ASPETTA CHE I CITTADINI SE NE RICORDINO A NOVEMBRE…

-

Condividi questo articolo

 

LARS CHRISTENSEN LARS CHRISTENSEN

 

Articolo di “The Economist” - dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

"Quando gli americani voteranno a novembre, la disoccupazione sarà inferiore al 6%", aveva dichiarato a maggio Lars Christensen, un economista anticonformista. Dato che le misure di blocco avevano fatto salire il tasso di disoccupazione al 14,7% solo il mese precedente, è stata una previsione audace.

 

A giugno, almeno 14 dei 17 istituti di credito della Federal Reserve avevano previsto che il tasso di disoccupazione trimestrale a fine anno sarebbe stato ancora superiore al 9%. La maggior parte degli altri pronostici era altrettanto cupa. Essi si aspettavano un crollo del PIL americano nel 2020 e una ripresa relativamente lenta.

DONALD TRUMP CON MASCHERINA DONALD TRUMP CON MASCHERINA

 

Christensen ha insistito sul fatto che i disastri naturali, a differenza dei crolli finanziari e delle recessioni causate da errori di politica economica, sono tipicamente seguiti da una rapida ripresa – scrive The Economist.

 

Potrebbe essere dimostrato che abbia ragione. Durante l'estate il tasso di disoccupazione è sceso rapidamente, all'8,4% in agosto. E gli economisti si sono affrettati ad aggiornare le loro previsioni di crescita. Il 16 settembre l'OCSE ha previsto che l'economia americana si sarebbe ridotta del 3,8% quest'anno, invece del 7,3% previsto a giugno.

 

donald trump Jay Powell donald trump Jay Powell

Le prospettive sono state migliorate in tutto il mondo ricco, ma da nessuna parte di così tanto. L'America si trova ancora ad affrontare una recessione profonda circa la metà di quella subita dopo la crisi finanziaria. Ma le aspettative non sono così apocalittiche come lo erano - e sembrano migliori di quelle di gran parte dell'Europa.

 

I miglioramenti in America possono essere attribuiti a tre fattori. In primo luogo, la diffusione del coronavirus negli "stati della cintura solare" del sud, che ha cavalcato un'ondata dell'epidemia in estate, ha subito un rallentamento. In secondo luogo, lo stimolo economico dell'America, il più grande del mondo sia in termini assoluti che in proporzione al PIL, è stato potente.

 

HELICOPTER MONEY HELICOPTER MONEY

Grazie ad assegni di stimolo una tantum del valore di 1.200 dollari a persona e 600 dollari in più a settimana in pagamenti di assicurazione contro la disoccupazione, il reddito disponibile delle famiglie è aumentato dall'inizio della pandemia. Gli americani non hanno speso il denaro tutto in una volta, il che significa che continua a sostenere i consumi anche se la maggior parte dei finanziamenti di emergenza sono scaduti. All'inizio di settembre i beneficiari del sostegno spendevano ancora più di quanto non facessero prima della pandemia.

la prima pagina del new york times del 27 marzo 2020 – richieste di disoccupazione a causa del coronavirus la prima pagina del new york times del 27 marzo 2020 – richieste di disoccupazione a causa del coronavirus

 

L'ultima ragione alla base della revisione delle previsioni è probabilmente il mercato del lavoro flessibile dell'America. Il calo della disoccupazione negli ultimi mesi sembra riflettere principalmente la creazione di nuovi posti di lavoro, piuttosto che l'uscita di lavoratori scoraggiati dalla forza lavoro. In Europa i governi tendono ad assumersi gran parte del costo per i lavoratori. Questi schemi sono utili in un momento di difficoltà.

Ma se prolungate, potrebbero mantenere i lavoratori in posti di lavoro che non torneranno mai più. L'America, al contrario, ha protetto principalmente i redditi delle persone con i sussidi di disoccupazione (anche se ha assorbito i costi del libro paga di molte piccole imprese attraverso prestiti che alla fine possono essere annullati).

 

Di conseguenza, la riallocazione della manodopera dalle industrie morenti a quelle emergenti sta avvenendo in fretta. Ad esempio, il numero delle agenzie di viaggio è diminuito del 10% da aprile, anche se l'occupazione complessiva è aumentata. L'occupazione nei negozi di commercio in generale è superiore del 6% rispetto a prima della pandemia.

 

recessione coronavirus recessione coronavirus

Molto potrebbe ancora andare storto. Il virus potrebbe diffondersi di nuovo, come è successo in Europa. Molti continuano ad ipotizzare, con ottimismo, che quest'anno il Congresso approverà un altro pacchetto di stimoli. Gli americani non possono esaurire i loro risparmi per sempre. E i requisiti di distanziamento sociale rimangono in vigore in gran parte del Paese. Di conseguenza, alcuni indicatori del mercato del lavoro sono ancora terribili. In agosto, anche se il tasso di disoccupazione complessivo è diminuito, circa 3,4 milioni di posti di lavoro sono stati soppressi in modo permanente, più che nell'ottobre 2008, subito dopo il crollo della Lehman Brothers. Il rapido rimbalzo di questa volta potrebbe ancora raggiungere un tetto massimo. Ma l'ottimismo di Christensen non sembra più così eccezionale.

fabbrica coronavirus fabbrica coronavirus disoccupazione crisi disoccupazione crisi donald trump alla casa bianca donald trump alla casa bianca fabbrica coronavirus 4 fabbrica coronavirus 4 record richieste di sussidio di disoccupazione negli usa - coronavirus record richieste di sussidio di disoccupazione negli usa - coronavirus

 

Condividi questo articolo

business

LA MILANO DEL FUTURO DISEGNATA DAL VIRUS - LA PANDEMIA FINORA È COSTATA 10 MILIARDI AL MOTORE ECONOMICO D'ITALIA - GABANELLI CALCOLA LE PERDITE DI PUBBLICI ESERCIZI, ALBERGHI, FIERE, MODA, SPETTACOLI. TIENE IL MERCATO IMMOBILIARE E CRESCONO GLI ISCRITTI ALL'UNIVERSITÀ - ''I BUCHI LASCIATI SUL TERRITORIO DALLA DEINDUSTRIALIZZAZIONE SONO STATI RIEMPITI NEGLI ULTIMI 20 ANNI DAI GRATTACIELI DI CITYLIFE E DI PORTA NUOVA, CHE A LORO VOLTA SONO DIVENTATI IL SIMBOLO DI UNA CITTÀ «PIATTAFORMA DEI SERVIZI». E ADESSO…''