NON DITE A QUELLO SVALVOLONE DI O’LEARY CHE RYANAIR È LA COMPAGNIA PIÙ SANZIONATA DALL'ANTITRUST ITALIANO: BEN 11 VOLTE NEGLI ULTIMI 15 ANNI, CON MULTE PER OLTRE 11 MILIONI. LA COMPAGNIA “AVREBBE PURE RIDOTTO DEL 65% LO SPAZIO PER IL BAGAGLIO A MANO COMPRESO NELLA TARIFFA STANDARD: UNA SCELTA NON GIUSTIFICATA DA ESIGENZE DI SICUREZZA” - SUL TAVOLO DELL’ANTITRUST IL PROCEDIMENTO AVVIATO A NATALE SCORSO, CHE HA NEL MIRINO LA LOW COST IRLANDESE ASSIEME A WIZZ AIR, EASYJET E ITA - L'ACCUSA DI OLIGOPOLIO LANCIATA DA ENAV

-

Condividi questo articolo


Estratto da il Messaggero

 

(...)

 

michael o leary michael o leary

Secondo l'Enac, però, gli algoritmi per la definizione dei prezzi sono ampiamente usati dalle compagnie aeree, in particolare dalle cosiddette "low cost". Per Federconsumatori, poi, «c'è qualcosa che non va nell'algoritmo di prenotazione usato dalle compagnie».

Per togliere ogni dubbio, comunque, l'Unione nazionale consumatori ha deciso di presentare un esposto all'Antitrust contro Ryanair, per accertare se utilizza gli algoritmi, quali sono, e se l'eventuale uso che ne fa costituisce una pratica commerciale corretta o scorretta.

 

L'INDAGINE IN CORSO Proprio il presidente dell'Authority, Roberto Rustichelli, tra l'altro, lunedì ha incontrato il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso.

 

roberto rustichelli roberto rustichelli

Sul tavolo il procedimento avviato a Natale scorso, che ha nel mirino la low cost irlandese assieme a Wizz Air, EasyJet e Ita, per stabilire se abbiano distorto la concorrenza aumentando i prezzi dei biglietti aerei sulle tratte di collegamento tra le principali città italiane (Roma, Bologna, Torino e Milano) e la Sicilia.

 

L'Antitrust sta raccogliendo i dati (secondo quelli già noti i prezzi a Natale sono decuplicati, se non peggio) e fonti che hanno assistito all'incontro parlano in generale di irregolarità già emerse per l'intero dossier.

 

MICHAEL O LEARY ROTTE RYANAIR MICHAEL O LEARY ROTTE RYANAIR

Il procedimento si dovrà concludere entro fine anno, quando verrà presa una decisione su una o più eventuali sanzioni contro le compagnie citate. Le parole usate ieri da Rustichelli per difendere la stretta del governo sul caro-voli (intervento utile per «impedire lo sfruttamento abusivo del potere di mercato a pregiudizio di consumatori particolarmente vulnerabili»), fanno pensare che qualcosa in questo senso si farà.

 

C'è poi "l'accusa" di oligopolio, lanciata dall'Enav. 

 

(...)

ROBERTO RUSTICHELLI. ROBERTO RUSTICHELLI.

Per le associazioni dei consumatori in alcune aree d'Italia il presunto oligopolio si sarebbe trasformato addirittura in monopolio. In primis in Sicilia, dove la low cost taglierà il 10% delle tratte in inverno dopo lo scontro con il governo.

GUIDO STAZI GUIDO STAZI

michael o leary preso a torte in faccia 3 michael o leary preso a torte in faccia 3

michael o leary preso a torte in faccia 4 michael o leary preso a torte in faccia 4 MICHAEL O LEARY MICHAEL O LEARY michael o leary preso a torte in faccia 1 michael o leary preso a torte in faccia 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MOLTO FRACASSO PER NULLA! QUANDO IL DIRETTORE HA PAURA, FA SOLO CASINO E RUMORE. IL "DON CARLO" DI CHAILLY È PAURA (SUA) E FRACASSO – IL DAGOREPORT SULLA PRIMA DELLA SCALA - "LO SPETTACOLO NON HA UNA DIREZIONE, NON RESTERÀ NELLA MEMORIA. TENERE VERDI IN UNA VISIONE UNITARIA, (DON CARLO, PIÙ DI OGNI ALTRO TITOLO), È IMPRESA TITANICA. IL TRIO LESCANO, MELI, PERTUSI, SALSI LE PRENDE DI SANTA RAGIONE DALLE DUE STRANIERE NETREBKO E GARANCA. DEI MASCHIETTI LO SVOCIATO PERTUSI È DI GRAN LUNGA È IL MIGLIORE, GLI ALTRI DUE HANNO LA PATATA IN BOCCA. PER UCCIDERE IL RITO, PRIMA DELL'INNO E DELL'OPERA È USCITO UN OMINO, IL SOPRINTENDENTE DOMINIQUE MEYER, CHE HA ROTTO LA SACRALITÀ DEL 7 DICEMBRE PER NON DIRE NULLA SE NON UNA… - VIDEO

DAGOREPORT - PER LE EUROPEE, LA ZELIG DI COLLE OPPIO HA GIÀ PRONTO UN PIANO PER AVERE LA MOGLIE DROGATA E LA SIRINGA PIENA: LASCIARE LIBERTÀ DI VOTO AGLI ULTRÀ DI ECR, GLI SPAGNOLI DI VOX E I POLACCHI DEL PIS, COSÌ SARÀ LIBERA DI TRASFORMARSI IN DEMOCRISTIANA E VOTARE PER LA “MAGGIORANZA URSULA” O PER LA NUOVA ARRIVATA ROBERTA METSOLA - CONTATI I VOTI (I FRATELLINI D’ITALIA SONO CERTI CHE SALVINI PRENDERÀ UNA BRUTTA BOTTA), LA MELONI SI RIMBOCCHERÀ LE MANICHE PER UN RIMPASTO DI GOVERNO: I PAPABILI A GIRARE I TACCHI SONO SANGIULIANO, ZANGRILLO E SANTANCHÉ (GIÀ SPINTA DA ARIANNA A DIMETTERSI DA COORDINATRICE FDI IN LOMBARDIA) - PER QUANTO RIGUARDA IGNAZIO LA RUSSA, LA DUCETTA SE LO TIENE FINCHE’ PUO’…

DAGOREPORT – ZELENSKY, T’HANNO RIMASTO SOLO: L’EX COMICO, CHE SI È AVVITATO SU UNA POSIZIONE DI TOTALE INTRANSIGENZA AI NEGOZIATI CON PUTIN, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON LA CHIUSURA DEI RUBINETTI DEGLI AIUTI DA PARTE DEGLI USA, MA ANCHE CON L’OPPOSIZIONE INTERNA. GLI UCRAINI SONO STANCHI DELLA GUERRA, COME DIMOSTRANO LE ACCUSE DEL SINDACO DI KIEV, VITALY KLITSCHKO – DI FRONTE AL FLOP DELLA CONTROFFENSIVA, INVECE DI TRATTARE CON PUTIN, ZELENSKY HA RISPOSTO CON LE PURGHE – BIDEN VUOLE LA PACE PRIMA DELLE ELEZIONI NEGLI USA: PER ASSENZA DI ALTERNATIVE, SI ARRIVERA' ALLA CESSIONE AI RUSSI DI CRIMEA E PARTE DEL DONBASS…