NON SBANCA LO STRANIERO – I TEDESCHI NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI CEDERE COMMERZBANK A UNICREDIT: LO HANNO FATTO CAPIRE SIA I SINDACATI CHE IL GOVERNO FEDERALE, CHE HA IL 15% DEL MALANDATO ISTITUTO E HA CERCATO OGNI OLTRE LOGICA (E REGOLA) DI SPINGERE PER LA FUSIONE CON DEUTSCHE – LA MOSSA DI MUSTIER PER DIVERSIFICARE E USCIRE DALL’ITALIA CHE ORMAI GLI STA STRETTA - E CERTO: DOPO TUTTE LE CESSIONI CHE HA FATTO (E QUELLE IN ARRIVO), COME FARÀ A FARE PROFITTI?

-

Condividi questo articolo

1 – UNICREDIT PARTE ALL’ASSALTO DI COMMERZBANK – DOPO IL FALLIMENTO DELLA FUSIONE CON DEUTSCHE BANK, MUSTIER SUONA LA CARICA SULLA SECONDA BANCA TEDESCA E SCEGLIE LAZARD E JPMORGAN COME ADVISOR PER VALUTARE UN'OFFERTA – MA BISOGNA VEDERE CHE NE PENSA IL GOVERNO TEDESCO, CHE HA IL 15% DELL’ISTITUTO E AVEVA GIÀ SCHIFATO L’IPOTETICA OFFERTA, TEMENDO CHE COMMERZ SI RIEMPIREBBE DI TITOLI DI STATO ITALIANI

 

https://www.dagospia.com/rubrica-4/business/unicredit-parte-all-rsquo-assalto-commerzbank-ndash-dopo-fallimento-203373.htm

 

2 – NON CESSO DI CEDERE - MUSTIER: “UNICREDIT NON LASCIA L’ITALIA. LA VENDITA DI FINECO? VALE 17 ANNI DI CEDOLE, MI PARE UNA BUONA RAGIONE”. E CON QUESTO RAGIONAMENTO, PER GLI ANALISTI IL BANCHIERE FRANCESE NON HA FINITO DI STACCARE PEZZI DELLA BANCA

 

https://www.dagospia.com/rubrica-4/business/non-cesso-cedere-mustier-ldquo-unicredit-non-lascia-rsquo-italia-203069.htm

 

3 – L' ITALIA STA STRETTA A UNICREDIT

unicredit unicredit

Francesco Manacorda per “la Repubblica”

 

È più che plausibile che Unicredit stia studiando il dossier Commerzbank. Ed è naturale anche che al momento la banca italiana - ma che a quanto pare vorrebbe essere meno italiana - si affidi a una smentita che in realtà smentisce poco.

 

Se nelle prossime settimane o mesi Unicredit deciderà di entrare davvero in campo e di presentare un' offerta per la zoppicante banca tedesca si vedrà. Intanto, però, dalle sue mosse e dalle reazioni che stanno suscitando, si possono trarre almeno due conclusioni.

 

JEAN PIERRE MUSTIER JEAN PIERRE MUSTIER

La prima è che l' Italia sta evidentemente stretta a Unicredit, anche per ragioni facilmente comprensibili: da quando Jean Pierre Mustier è arrivato al comando del gruppo e raccogliendo 13 miliardi di aumento di capitale, la banca ha scelto di cedere molte attività - dai fondi Pioneer alla maggioranza di Fineco - e adesso si trova alle prese con una situazione non facile.

 

deutsche bank commerzbank 2 deutsche bank commerzbank 2

Come continuerà a fare profitti se rimane concentrata prevalentemente in Italia e si muoverà soprattutto sull' attività bancaria classica, che in un' epoca di tassi bassi non dà certo grandi soddisfazioni? È anche per questo che Unicredit appare quasi obbligata a guardarsi attorno, anche fuori dai nostri confini.

 

commerzbank 4 commerzbank 4

Appena si prova a guardar fuori dai confini, però, bisogna fare i conti con il secondo fenomeno evidente in questi giorni e decisamente poco incoraggiante. Si dice spesso, tra i banchieri, che le fusioni tra istituti di Paesi diversi sono complesse anche perché non è facile né immediato trovare quelle sinergie che giustificano l' operazione: detto in soldoni se una banca compra un concorrente che ha molte filiali a poche strade di distanza dalle sue fa presto a chiudere le agenzie in eccesso e a risparmiare sulle spese; se quelle filiali sono in altre città o addirittura in un altro Paese il taglio dei costi è più difficoltoso.

jean pierre mustier con elkette versione disegno jean pierre mustier con elkette versione disegno

 

È di sicuro un dato da tenere presente, ma proprio le reazioni che si registrano anche in queste ore in Germania, e che sembrano accomunare sindacati di Commerzbank e governo, dimostrano che forse l' ostacolo più grande è la diffidenza nei confronti dello straniero; specie se quello straniero ha il passaporto italiano. Non a caso nelle scorse settimane Berlino ha cercato di spingere contro ogni logica la fusione tra i due grandi malati del credito tedesco, Deutsche Bank e Commerzbank, fino a doversi arrendere e rinunciare a un' operazione che non aveva alcuna possibilità di successo sul mercato.

 

unicredit unicredit

Dunque, se le banche italiane vogliono andare oltreconfine sappiano che ci sono muri difficili da superare, di sicuro più alti di quelli posti a suo tempo dall' Italia all' ingresso di banche straniere. Sarà anche questo un tema da considerare quando si pensa a un' idea diversa di Europa.

deutsche bank commerzbank deutsche bank commerzbank commerzbank 7 commerzbank 7 commerzbank 6 commerzbank 6 commerzbank 5 commerzbank 5

 

Condividi questo articolo

business

“NON SARÒ NE FALCO NÉ COLOMBA, MA UN GUFO” - MA È CHRISTINE LAGARDE O MARIO DRAGHI? LA BCE LASCIA I TASSI DI INTERESSE INVARIATI AI MINIMI STORICI, CON QUELLO CHIAVE FERMO A ZERO, FINCHÉ L’INFLAZIONE NON “CONVERGERÀ ROBUSTA” VERSO L’OBIETTIVO DEL 2% – IL MES? "SE FOSSE STATO IN PIEDI ALL'INIZIO DELLA CRISI GRECA..." – POI RIMETTE IN RIGA FALCHI TEDESCHI E GOVERNANTI ITALIANI: “I PAESI CON SPAZIO FISCALE AGISCANO, QUELLI CON DEBITO PUBBLICO ELEVATO FACCIANO POLITICHE PRUDENTI” – VIDEO