ORA È CHIARO PERCHÉ L’AD DI GOOGLE, SUNDAR PICHAI, SPARA A ZERO CONTRO L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE: “OPEN AI”, CHE HA CREATO “CHATGPT”, RISCHIA DI PAPPARGLI IL MERCATO! – L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE, POTENZIALMENTE MOLTO PIÙ “COMPLETA” RISPETTO A UN MOTORE DI RICERCA TRADIZIONALE, POTREBBE METTERE IN OMBRA GOOGLE FACENDOGLI PERDERE I 162 MILIARDI ALL’ANNO CHE L’AZIENDA GUADAGNA DALLA RICERCA WEB - SAMSUNG GIÀ PENSA DI SOSTITUIRE GOOGLE CON BING, CHE HA GIÀ INTEGRATO PARZIALMENTE QUESTA NUOVA TECNOLOGIA - VIDEO!

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Pier Luigi Pisa per “la Repubblica”

 

sundar pichai sundar pichai

Nella corsa all’intelligenza artificiale Google, come Meta, ha sempre dichiarato di voler mantenere un approccio responsabile. Sundar Pichai, amministratore delegato di Alphabet — la holding che controlla, tra le altre aziende, proprio Big G — è preoccupato. I rischi e i dubbi legati all’IA gli tolgono il sonno.

 

sundar pichai audizione al congresso 5 sundar pichai audizione al congresso 5

«Non abbiamo ancora tutte le risposte — ha detto Pichai alla popolare trasmissione “60 Minutes” della Cbs — e questa tecnologia si muove velocemente». Dietro i modi pacati e le parole rassicuranti, in realtà, ribolle un’azienda che rischia di perdere terreno prezioso. Il core business di Google, quella ricerca sul web che vale 162 miliardi di dollari all’anno, è in pericolo.

 

Open AI, una piccola startup di San Francisco, ha rivitalizzato Bing, il motore di ricerca di Microsoft, con la stessa intelligenza artificiale usata da ChatGpt. Ora il “nuovo Bing” è in grado di dialogare con gli utenti come un essere umano.

 

TRUFFE TELEFONICHE USANDO INTELLIGENZA ARTIFICIALE TRUFFE TELEFONICHE USANDO INTELLIGENZA ARTIFICIALE

È una rivoluzione che fa gola a molti. Samsung avrebbe addirittura preso in considerazione l’idea di rimpiazzare Google con Bing sui suoi dispositivi mobili. Quando negli uffici di Mountain View è trapelata la notizia, si è scatenato “il panico”. Lo scrive il New York Times , che sostiene di aver visionato delle comunicazioni interne sulla possibile minaccia. Non è difficile da credere.

 

La ricerca su smartphone e tablet prodotti dal colosso sudcoreano porta nelle casse di Google circa tre miliardi di dollari all’anno. E in fondo l’azienda fondata 25 anni fa da Sergey Brin e Larry Page ha rafforzato la sua posizione dominante, nel search , sfruttando proprio canali cruciali come quelli di Samsung e Apple. A quest’ultima Google paga tra i 12 e i 15 miliardi di dollari l’anno per comparire come motore di ricerca predefinito sui suoi dispositivi: sono più di 1,5 miliardi gli iPhone in tutto il mondo.

intelligenza artificiale intelligenza artificiale

 

Il contratto con Apple scade quest’anno. E il rinnovo potrebbe non essere più una questione di denaro. Ma di tecnologia. La nuova intelligenza artificiale generativa, capace di produrre testi e immagini come farebbe un uomo, non ha prezzo. Lo ha detto lo stesso Pichai: «Questa IA potrebbe avere un impatto sulla civiltà più significativo di quello che hanno avuto il fuoco e l’elettricità». […]

open al chat gpt open al chat gpt esempio chat gpt esempio chat gpt

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…